Mercedes Classe C – Long Test Drive

Una signora elegante ma briosa, impostata ma alla mano: ecco l'immagine che da di sé e le impressioni che regala alla guida

Mercedes Classe C – Long Test Drive. Già dalla stella in cima al cofano un’idea su quest’auto ce la si può fare: una berlina comoda, non troppo impegnativa, curata nei dettagli degli interni, un allestimento ricco, un motore efficace nonostante una cubatura non esagerata. Mettendosi alla guida, però, questi giudizi a priori non possono che migliorare. Ma prima vediamo com’è fatta questa nuova Classe C. Con i suoi 4.581 millimetri, la nuova Classe C supera il modello precedente in lunghezza di 55 mm. La larghezza della carrozzeria è aumentata di 42 mm e raggiunge i 1770 mm, mentre il passo è stato incrementato di 45 mm e raggiunge i 2760 mm. Questi valori creano le premesse per un’abitabilità generosa e perciò per un comfort maggiore in termini di spazio. Sui sedili anteriori, ad esempio, lo spazio all’altezza delle spalle è cresciuto di 40 mm. Agility Control è il termine con cui Mercedes-Benz indica tutte le novità ed i perfezionamenti a livello di comfort ed agilità. Questo pacchetto di serie comprende l’autotelaio che regola le forze degli ammortizzatori in funzione della situazione di marcia: con una guida normale e ammortizzatori poco sollecitati, le forze di smorzamento diminuiscono automaticamente. Nelle situazioni di guida dinamiche, la forza di ammortizzazione è al massimo e la vettura viene stabilizzata efficacemente. Lo sterzo della nuova Classe C opera con un rapporto di trasmissione pari a 14,5, ed è quindi più diretto del 6% rispetto al modello precedente. Nell’ambito del suo sviluppo, la nuova Classe C ha superato più di 100 crash test, fra cui i test di impatto interni, particolarmente severi, i cui criteri sono nettamente superiori alle condizioni previste per legge. La protezione dei passeggeri inizia con la progettazione intelligente della carrozzeria, che per il 70% è composta da acciai ad alta ed altissima resistenza. Rispetto al modello precedente, Mercedes-Benz ha ulteriormente ingrandito le zone di deformazione ed ottimizzato il flusso delle forze. Il frontale della nuova Classe C dispone di quattro livelli di collisione indipendenti, attraverso i quali le forze vengono distribuite su una grande superficie e scaricate senza compromettere la cellula dell’abitacolo.

ARTICOLI CORRELATI