Renault Espace 2.0 dCi Proactive – Long Test

Prova su strada Multispazio per vocazione, dicevamo: una volta a bordo non si fatica a giustificare tale affermazione. Le poltrone anteriori sono comode, leggermente rialzate, lo spazio non manca in nessuna direzione, al pari della visibilità favorita dall’ampia vetratura. La plancia, fin troppo spoglia a dire il vero, cela portaoggetti in quantità, mentre le informazioni […]

Prova su strada Multispazio per vocazione, dicevamo: una volta a bordo non si fatica a giustificare tale affermazione. Le poltrone anteriori sono comode, leggermente rialzate, lo spazio non manca in nessuna direzione, al pari della visibilità favorita dall’ampia vetratura. La plancia, fin troppo spoglia a dire il vero, cela portaoggetti in quantità, mentre le informazioni su velocità, carburante, contagiri e temperatura, oltre al navigatore satellitare (optional da 2.000 euro) trovano posto in un unico elemento digitale al centro della console. Il dCi da 150 cavalli è bello sveglio, smuove senza patemi gli oltre 1.700 chili di Renault Espace, ben asservito dal cambio automatico Proactive che non sarà un fulmine di guerra ma garantisce passaggi di marcia morbidi. In movimento la mole viene ben gestita da un assetto non troppo gommoso, preciso alle alte velocità e comunque comodo quando l’asfalto lascia il posto al pavè. Buono lo sterzo, morbido in manovra e sufficientemente dettagliato nella guida vivace, mentre i freni sono ottimi per prontezza e modulabilità. Stona qualche fruscìo ad andatura autostradale, oltre ad una certa rombosità se si insiste nella zona alta del contagiri, mentre lo stile di guida non influenza troppo negativamente i consumi che si mantengono sempre in prossimità dei 13 km/litro. Una vettura perfetta per le famiglie numerose, ma che sa farsi apprezzare anche come passista autostradale. Dinamica, spaziosa ed insospettabilmente vivace, Renault Espace prende i pregi di una berlina e li inserisce in una struttura decisamente più… capiente. Specie se si reclinano i due sedili supplementari, liberando spazio per i bagagli altrimenti costretti a stare un pò strettini.

ARTICOLI CORRELATI