Renault Scenic Energy dCi 130: prova su strada con il nuovo motore

Abbiamo provato sulle strade francesi di Mortefontaine il nuovo motore nuovo propulsore diesel Energy 1.6 130 abbinato al cambio automatico a doppia frizione EDC (Efficient Dual Clutch)

Nuovo propulsore diesel Energy dCi 130
Anche Renault prosegue la strategia  di downsizing proponendo il nuovo motore Energy dCi 130, il nuovo fiore all’occhiello dei propulsori Renault: frutto di una progettazione basata su un’architettura di motore quadrata che deriva dall’esperienza di Renault in F1.
Primo motore della famiglia Energy, Renault Energy dCi 130 è stato sviluppato per sostituire progressivamente la motorizzazione 1.9 dCi 130, inizialmente su X-Mod e Scénic e, più tardi, sull’insieme dei modelli della famiglia Mégane.
Il suo contenuto tecnologico comprende il sistema Stop&Start, abbinato al recupero dell’energia in decelerazione/frenata per alleggerire il carico sul motore; la tecnologia del thermomanagement; una pompa dell’olio a cilindrata variabile; un sistema di iniezione multipla che consente di ottimizzare la rigenerazione del Filtro Anti-Particolato. Inoltre, il sistema di ricircolo dei gas di scarico in loop freddo (EGR Bassa Pressione): Renault è il primo costruttore ad introdurre tale tecnologia in Europa.
Il nuovo propulsore Renault Energy dCi 130 combina piacere di guida e sobrietà, caratterizzandosi per consumi ed emissioni record: con una cilindrata di 1,6 litri, eroga una potenza di 130 CV e sviluppa una coppia di 320 Nm, a fronte di un consumo di 4,4 l/100 km ed emissioni di CO2 di 115g/km.
Il propulsore Energy dCi 130 è prodotto in Francia, nello stabilimento di Cléon (Haute-Normandie), specializzato nella produzione delle motorizzazioni Diesel di elevata tecnicità del Gruppo.
Rispetto alla motorizzazione 1.9 dCi 130 che sostituisce: l’Energy consente un calo del 20% per i consumi (un litro, in ciclo misto europeo) e di 30 g/km per le emissioni.
Con la nuova generazione di motori termici Energy e la gamma di veicoli elettrici, Renault ridurrà in modo significativo consumi ed emissioni di CO2 dei suoi modelli. Grazie a tali innovazioni, la gamma europea di Renault passerà dagli attuali 135 g/km a meno di 120 g nel 2013, per scendere sotto i 100 g/km nel 2016.

Renault Scenic inaugura il nuovo motore diesel “Energy dCi 130”
La monovolume compatta, una delle auto più vendute del suo segmento, è il primo modello della gamma Renault a montare il nuovo propulsore Renault Energy dCi 130.
La Renault Scenic vanta anche nuovi elementi di desing quali: tinta “bianco nacré”; elementi decorativi esterni “dark metal”; nuovi cerchi Flexwheels da 16’’ di serie nella versione Attractive; retrovisori esterni “nero étoilé” sulle versioni Luxe; nuovi cerchi in lega con finitura diamantata Black Sari da 17’’ ed elementi di decorazione interna marrone satinato sulle versioni Luxe ed il  nuovo impianto audio Bose, in opzione, su Dynamique e Luxe.
Gli interni sono arricchiti con nuove sellerie sulle versioni Attractive, nonché un trattamento al Teflon sulle parti in tessuto delle finiture Dynamique e Luxe, per proteggere i sedili dallo sporco e dalle macchie.

La strategia meccanica di Renault
Dopo il programma Z.E. per la mobilità sostenibile, la casa francese punta alla leadership europea in tema di consumi ed emissioni di CO2.
Parallelamente ai progressi realizzati sui fondamentali dei veicoli (riduzione della massa, ottimizzazione dell’aerodinamica e diminuzione della resistenza al rotolamento), la sua strategia meccanica si basa su una costante e significativa riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 della gamma termica, grazie al downsizing e all’introduzione di nuove tecnologie sulle motorizzazioni (benzina e Diesel) e le trasmissioni tradizionali.
Entro il 2020, su dieci veicoli venduti, nove resteranno con motorizzazioni termiche: ne consegue la sfida di ridurne in modo significativo consumi ed emissioni di CO2. Battezzata Energy, la nuova generazione di propulsori termici benzina e diesel, pur abbassando i livelli di emissioni di CO2, allo stesso tempo preserva il piacere di guida. Rispetto ai propulsori che pensionao, queste motorizzazioni hanno l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 tra 30 e 40 grammi.

Prova su strada della Renault Scenic Energy 130
Il monovolume esteticamente non cambia. I rinnovamenti li troviamo all’interno dell’abitacolo, con finiture migliorate e nuove sellerie.
La dotazione tecnologica ha un computer di bordo con schermo a colori TFT mentre per gestire la qualità dell’aria ci pensa il sistema intelligente Air Quality Sensor (associato ai filtri del circuito di condizionamento dell’aria, innesca automaticamente la modalità di ricircolo dell’aria quando rileva, all’esterno dell’auto, una concentrazione troppo elevata di gas nocivi).
Facile da usare il nuovo navigatore integrato Carminat TomTom Live 2.0, con quattro servizi innovativi (HD Traffic, allarme Autovelox, ricerca Google Search e previsioni meteo).
Alla partenza il nuovo motore diesel è silenzioso, mentre il cambio automatico a doppia frizione EDC (Efficient Dual Clutch) facilita la vita lungo la strada, con innesti veloci ed efficaci, oltre ad essere particolarmente silenziosa, maneggevole e sportiva. Infatti, i cambi di marcia si dimostrano rapidi, morbidi e senza strappi, consentendo una guida serena.
Buona anche la visibilità esterna grazie ai montanti arretrati.
Nonostante la cilindrata inferiore, 1.6 contro 1.9 della versione precedente, ma grazie a un peso inferiore, il motore è elastico, brillante e anche nei punti dov’era richiesta maggior potenza il suo comportamento ci ha soddisfatto. In autostrada poi fila via liscio, tranquillo e molto silenziso.

Prezzi in Italia di Renault Scenic Energy 130
La casa francese, per il mercato italiano, comunica i seguenti prezzi: la Scenic con allestimento Dinamyque parte da 26.500 euro, mentre in allestimento Luxe da 28.000 euro.

ARTICOLI CORRELATI