Test drive Opel Adam: 100 CV su misura e di design

Abbiamo provato la Opel Adam 100 CV Jam, la city car che vuole imporsi tra Mini e 500 con la forza della personalità (e delle personalizzazioni) ed in questo caso anche con prestazioni brillanti

Opel Adam è la city car tedesca che punta molto sulle possibilità di personalizzazione offerta. Non a caso lo slogan di lancio è “Proprio come te”, perché per la prima volta su una vettura prodotta in serie si hanno a disposizione tantissime opzioni, per di più incrociabili fra di loro. Si può scegliere il colore della carrozzeria, del tetto, degli specchietti, della mascherina, dei cerchi, degli interni, del cruscotto… insomma, nell’idea di Opel dovrebbe essere difficile trovare una Adam uguale a un’altra. E nel nome stesso della vettura è scritto quanto si ritenga importante questo progetto: Adam Opel è infatti il nome del fondatore della casa tedesca…
La linea della Adam è piuttosto originale, soprattutto per la soluzione posteriore che dà l’impressione di un tetto “sospeso”, e tutto sommato armoniosa mentre gli interni sono ben studiati ed ergonomici anche se poi cambiano molto nella percezione in base a come li si personalizza.

La vettura presenta dimensioni in linea con quelle delle dirette concorrenti a partire da Fiat 500 e MINI e una buona abitabilità per i due posti davanti, mentre i due posti dietro (la versione in prova era omologata per quattro) sono comodi ma non hanno molto spazio a disposizione, così come non sono facilissimi da raggiungere. Il bagagliaio è piuttosto piccolo (170 dm3) e profondo, con un piano di carico decisamente scomodo se si devono “issare” carichi di un certo peso. Quanto basta però per portare i bambini a scuola, andare a fare la spesa o via per un week end.

Il motore della nostra prova è il più potente della gamma: un 1.4 litri benzina da 100 cv in grado di portare la Adam da zero a cento in poco più di 11 secondi e a una velocità massima di 185 km/h. L’allestimento Jam è quello più economico: 14.500 euro, ma che comprende una dotazione più che ricca sia sul piano della sicurezza che quello del confort.

Opel Adam 1.4 100 Cv Jam: prova su strada
Essendo altamente personalizzabile la vettura della nostra prova ha originato commenti di ogni tipo, anche se tutti avevano in comune lo stupore per il livello di personalizzazione e la qualità sia dei materiali che costruttiva. L’abitacolo della Adam è molto accogliente per il guidatore e tutti i comandi sono ben disposti e intuitivi, a eccezione forse di un paio di pulsanti sulla sinistra che risultano “nascosti” dal volante. La Adam si presenta simpatica, sbarazzina, e anche la guida è divertente: in città le dimensioni ridotte (3,7 metri di lunghezza e 1,72 di larghezza) pur non essendo da record consentono di muoversi con agilità, complice l’ottima visibilità su tutti i lati. Volante, cambio e frizione sono docili e poco impegnativi anche nei continui stop e ripartenze che il traffico cittadino impone e il motore è sempre pronto ad assecondare i desideri del pilota.

Sulla Opel Adam è presente la modalità Eco attivabile con tasto, interessante per i consumi (viene dichiarato un 10% di risparmio) ma che si fa sentire nella guida. Soprattutto fuori dalle anguste strade cittadine meglio disattivarlo e lasciare che i 100 Cv della Adam si scatenino. Per i 1045 kg di peso la potenza a disposizione è infatti sufficiente per potersi divertire appena il traffico si dirada, avendo solo l’accortezza di tenere verso l’alto il regime di rotazione (la potenza massima è a 6000 giri) che significa giocare con il cambio e soprattutto con le marce basse, perché i rapporti piuttosto lunghi sono ottimi per i consumi e per il confort ma meno per il divertimento. Quello che infatti stupisce della “piccola” Adam, e che fa ben sperare per il futuro di avere versioni ancora più “cattive”, è l’ottimo comportamento dinamico. Difficile metterla in difficoltà o anche solo far intervenire l’Esp, il caricamento laterale in curva è piuttosto contenuto dato lo schema di sospensioni votato sicuramente più al confort che alle prestazioni e l’appoggio laterale è sempre molto sicuro. La Adam ha quindi tutte le carte in regola per giocarsi fino in fondo la sfida con Mini e 500, ora la parola passa al mercato che sembra strizzare l’occhio a questa nuova scommessa Opel che con la Mokka stanno iniziando a dare belle soddisfazioni alla marca tedesca.

ARTICOLI CORRELATI