Volkswagen T-Roc 2017: prova su strada, caratteristiche e prestazioni

Finalmente siamo riusciti a provare Volkswagen T-Roc, il nuovo Crossover del marchio di Wolfsburg che secondo fonti interne in poco tempo dovrebbe soppiantare la Golf in termini di vendite. Abbiamo messo alla prova T-Roc tra le strade del Portogallo, ecco come si è comportato

Ha fatto pochi chilometri la Volkswagen T-Roc per proporsi alla stampa nella presentazione internazionale di Cascais, in Portogallo, dove anche Infomotori.com ha avuto l’onore di partecipare. La nuova nata del noto marchio tedesco viene costruita proprio a Setubal, un centinaio di km a sud est della capitale. La T-Roc fa parte della categoria dei Suv, la forma di carrozzeria più apprezzata e richiesta dagli automobilisti del nuovo millennio.

La VW è arrivata alla nuova T-Roc dopo 15 anni di esperienze nei SUV: iniziò nel 2002 con l’apripista Touareg per proseguire con Tiguan e Atlas (quest’ultima solo per i mercati cinese e americano) e giungere appunto a T-Roc, il nuovo crossover che mette assieme la forza di un SUV e il dinamismo di un’auto compatta e sportiva. Quarta interpretazione Volkswagen quindi di un veicolo molto trasversale, capace di conciliare ben sei aspetti apparentemente contrastanti: performance e comfort, emozionalità e razionalità, lifestyle urbano e versatilità. Tali parametri, che caratterizzano differenti segmenti dell’universo automotive, sono stati fusi in un unico modello, uno Sport Utility Vehicle compatto che solo l’inventore della GTI (quella delle pinze freni rosse e sottocielo nero) avrebbe potuto sviluppare.

Si tratta di una 5 porte a trazione anteriore o integrale (4Motion Active Control di serie con trazione integrale), un’auto a suo agio sia nei percorsi urbani, sia nelle lunghe percorrenze, dal design innovativo con linee all’avanguardia, tetto in stile coupé, frontale largo e imponente e ovunque le giuste proporzioni. Al T-Roc (il nome deriva dalla lettera maiuscola T, iniziale dei precedenti modelli Suv Tiguan e Touareg, e Roc che potrebbe significare una contrazione di Rock and Roll, per esprimere trasversalità e dinamicità) seguiranno altri 3 nuovi Suv: la prossima Touareg, la piccola T-Cross e l’elettrica I.D. Crozz.

La new entry della Casa di Wolksburg è molto sicura, avendo installato già di serie una vasta gamma di sistemi di assistenza, tra i quali il Front Assist con funzione di frenata di emergenza City e Line Assist. E’ anche digitale e connessa, avendo a disposizione sistemi di Infoteinment e Active Info Display di nuova generazione.

Riguardo alla motorizzazione la T-Roc può venir equipaggiata da ben 5 differenti propulsori turbo, sia a benzina sia a gasolio, in una gamma di potenze comprese tra i 115 e i 190 Cv, quest’ultima dotata di serie della 4Motion e cambio DSG a 7 rapporti. Dopo la serie limitata Edition 190, con cui la T-Roc ha debuttato in settembre sul mercato italiano attraverso un’innovativa modalità di prenotazione on line, la prevendita ufficiale è iniziata in ottobre con 2 motori a benzina Tsi 1.0 e 1.5 da 115 e 150CV e un turbodiesel Tdi da 150Cv, cui seguiranno altri 2 TDI, mentre la commercializzazione partirà da gennaio.

Il prezzo parte dalla motorizzazione più piccola 2Wd, allestimento Style, è di 22.850 euro, già ricco di sistemi di sicurezza e accessori tra cui il Fatique detection, l’indicatore di affaticamento e il Display Touch da 8″. Alla Style segue la versione Advance con la possibilità di 11 diverse colorazioni, in contrasto con 4 tetti diversi, rosso, bianco, grigio e nero. Poi c’è la novità assoluta di abbinare i profili interni colorati con i cerchi ruota esterni.

Il competitor più agguerrito è la 500X che costa un po’ di meno, ma offre contenuti inferiori. Un confronto può essere fatto anche con la Renegade Limited da 140 Cv, con minori allestimenti e quindi un prezzo inferiore. Questi SUV riscuotono grande successo perchè, a fronte di dimensioni contenute e un aspetto dinamico, forniscono grande funzionalità e posizione di seduta alta.

Nella T-Roc guidatore e passeggero anteriori sono seduti a un’altezza di 57,2cm dalla strada, i posteriori addirittura 61,8cm. Il T-Roc è lungo 4,23 metri, con un passo di 2,60 e un bagagliaio di 445 litri, tra i più grandi della categoria. L’abbiamo provato con grande soddisfazione dall’aeroporto di Lisbona per una novantina di km in un giro periferico e costiero per arrivare a Cascais e viceversa.

La versione Tsi a benzina è molto efficace e consente di destreggiarsi nel traffico caotico della capitale lusitana con molto slancio, ed è anche capace di correre spedita e sicura lungo le ampie autostrade della periferia. Sulle colline il motore Tsi si difende alla grande. L’unico neo riscontrato è forse un’eccessiva rumorosità del propulsore, evidenziata da un’inferiore insonorizzazione.

Per il resto il comfort è da primato, gli interni sono molto belli e curati (soprattutto la selleria) e la strumentazione adeguata. In sostanza un crossover azzeccato che, dal punto di vista estetico, potrebbe tranquillamente portare il logo Seat al posto di quello VW, senza imbarazzi da entrambe le parti.

Cliccate qui per conoscere nel dettaglio tutte le configurazioni del nuovo Volkswagen T-Roc

 

- Autore Article URL: https://www.infomotori.com/auto/volkswagen-t-roc-2017-prova-su-strada-caratteristiche-e-prestazioni_151001/

Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis