Opel Docktorwagen: l’ “automobile per tutti”

All’inizio del Novecento la costruzione delle grandi limousine di lusso porta Opel alla notorietà: nel 1909 vengono costruiti 798 veicoli e la produzione di autocarri piccoli e grandi, avviata due anni prima, arriva a 47 unità.

Nel 1914 Opel è il maggior produttore tedesco di automobili. La produzione in serie delle biciclette aveva permesso di abbassare i prezzi e di aumentare la produzione. La strada da percorrere diventava sempre più chiara: ci voleva un’automobile compatta, robusta, alla portata di tutte le tasche.

La dirigenza di Opel era ovviamente soddisfatta dei successi ottenuti in così breve tempo nel mercato delle automobili di lusso e nelle competizioni. A Rüsselsheim tuttavia ci si rendeva conto chiaramente che a lungo andare, proseguendo su questa strada, si sarebbe finiti su un binario morto. Certo esisteva una fascia sociale che non doveva stare attenta ai costi e che possedeva anche il personale necessario per la manutenzione delle automobili e per guidarle. Tuttavia il numero di costoro restava pur sempre limitato a circa 25.000 persone. Non ci si deve quindi meravigliare se, fra il 1906 e il 1908, la produzione Opel si mantenne su livelli relativamente costanti: nel 1906 furono costruiti 492 automobili e 26 camion, l’anno dopo 454 auto e 24 camion, quello dopo ancora 470 auto e 30 camion. Per questo motivo bisognava produrre, accanto alle costosissime vetture di lusso, anche modelli che potessero allargare la fascia dei potenziali acquirenti. Solo questo poteva essere il mercato del domani. La produzione delle biciclette aveva del resto già dimostrato che solo la produzione in grande serie poteva permettere di contenere i prezzi e di allargare la base delle vendite.

 

L'”automobile del dottore”, i cui due viaggiatori erano protetti dal freddo solo da una coperta sulle ginocchia, uscì sul mercato all’incredibile prezzo base di soli 3.950 Marchi. La clientela si rese presto conto dei vantaggi offerti da quest’auto che raggiungeva pur sempre i 50 km/h di velocità massima e che era, rispetto ai pesanti modelli di lusso, assai facile da manovrare.

“L’uso di un’automobile nel territorio del mio studio medico è stato un passo arrischiato. Se è riuscito perfettamente posso ringraziare solo la qualità del vostro prodotto”. Lettere come questa arrivarono sempre più spesso alla Opel. La propaganda fatta a voce portava nuovi clienti. Per la Opel si apriva una nuova fascia di mercato. Quando nel 1909 cominciò la produzione della 4/8 HP, le vendite salirono a 798 automobili e 47 autocarri per raddoppiare già l’anno seguente quando vennero consegnati 1.556 veicoli. Queste cifre continuarono a salire fino al 1914: nell’anno in cui scoppiò la guerra, la Opel era diventata con i suoi 3.335 veicoli il maggior produttore tedesco di automobili.

 

ARTICOLI CORRELATI
Classic
info ADV
TUTTO SU Opel
RUOTE IN RETE