Volkswagen Dune Buggy, ritorno elettrico per il Salone di Ginevra 2019

Il Dune Buggy è uno dei simboli degli anni Settanta e a Wolfsburg hanno scelto di riportarlo al presente. Il Volkswagen Buggy arriva in versione elettrica e moderna, per ora come concept, al Salone di Ginevra 2019

Il Dune Buggy di Bud Spencer e Terence Hill risveglia dolci ricordi di gioventù tra gli appassionati: il fuoristrada scoperto e scanzonato reso icona degli anni Settanta ha saputo ricavarsi una menzione d’onore nella storia dell’automobilistico. Per questo ed altri motivi Volkswagen ha scelto di rispolverare il modello e renderlo attuale.

Il Volkswagen e-Buggy presentato al Salone di Ginevra 2019 riunisce gli stilemi che hanno reso celebre il modello e gli portano nel presente, grazie ad uno studio di design approfondito, per finire con l’alimentazione elettrica.

L’auto al tempo era stata costruita sulla base di Maggiolino mentre, essendo quest’ultimo fuori produzione, il Gruppo Volkswagen ha scelto di sfruttare la piattaforma modulare MEB, mantenendo però intatti dettagli fondamentali: pensiamo al faro tondo, alla totale assenza di tettuccio o alle portiere diverse da come le intendiamo solitamente.

Pneumatici M+S completano l’esotica dotazione del buggy che, con tutte le probabilità, verrà prodotto in piccola serie già a partire dal 2020. Lo scopo è quello di competere in quel mercato piccolo ed esclusivo che ad oggi è dominato dall’altrettanto iconica (ma diversa, per concezione stilistica e storia) Citroën e-Mehari. 

“Il buggy è più di una semplice auto – ha raccontato Klaus Bischoff, Responsabile del Design della vettura – È vitalità e passione su quattro ruote. Queste caratteristiche si materializzano nel nuovo e-buggy, un’interpretazione moderna e non retro di un classico che, più di ogni altra cosa, dimostra il legame emotivo che la mobilità elettrica è in grado di creare.”

Volkswagen e-Buggy debutterà il 5 marzo 2019 in occasione del Salone di Ginevra.

ARTICOLI CORRELATI