USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Bollo Auto: la guida completa per il 2021

L'arrivo del 2021 porterà con sè uno spostamento delle scadenze di pagamento del bollo dell'automobile, ma solo in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Ecco tutte le informazioni utili per essere in regola

Mancano pochi giorni per mandare definitivamente in archivio il 2020, un anno complicatissimo sotto tanti aspetti a causa di quell’emergenza Coronavirus che, ancora oggi, sembra non dare tregua nonostante le festività natalizie. Al termine di queste ci troveremo nel 2021, che inevitabilmente porterà alcune scadenze automobilistiche da pagare: una tra queste è il bollo dell’automobile, anche chiamato “tassa automobilistica” o “tassa di circolazione” e introdotta dal Governo come imposta di possesso (e non di utilizzo) di un veicolo regolarmente iscritto al Pubblico Registro Automobilistico.

A differenza di quanto accaduto con il primo lockdown di marzo, nel prossimo mese di gennaio purtroppo non è prevista alcuna proroga a livello nazionale per il pagamento di questa tassa, che andrà versata entro il mese successivo di quello di immatricolazione del veicolo a cui è associata. In questo contesto, tuttavia, tre regioni hanno cercato di venire incontro ai loro cittadini: chi vive in Emilia-Romagna e deve ancora saldare il bollo del 2020 avrà tempo fino al 31 marzo 2021, mentre chi risiede in Lombardia potrà posticipare il pagamento entro e non oltre il 31 gennaio. Diverso il discorso per gli automobilisti veneti, che invece avranno una proroga fino al 30 giugno del bollo 2021, sempre se da pagare nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 maggio.

BOLLO AUTO 2021: QUALE SARA’ L’IMPORTO?

Tutti gli altri automobilisti d’Italia, invece, dovranno seguire le regole generali: in caso di prima immatricolazione il bollo dell’automobile va pagato entro lo stesso mese, mentre quelli successivi entro e non oltre l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza prevista. Essendo una tassa di tipo regionale oltre che basata sul possesso di un veicolo (se lo tenete fermo in garage dovrete pagare il bollo ugualmente…), il costo di questa imposta va calcolato sulla base di diversi fattori: nell’ordine, la potenza del motore (in kW), la classe ambientale del mezzo e la regione di residenza del proprietario.

Il calcolo di questo importo può essere visualizzato semplicemente facendo riferimento alla pagina web dedicata del sito ACI: qui basterà selezionare il tipo di pagamento da effettuare (rinnovo, prima immatricolazione…), la regione di residenza dell’intestatario, la tipologia di veicolo e la targa. In alternativa si può utilizzare l’app Veicolo, disponibile sia per sistemi Android che iOS e capace di visualizzare tutte le informazioni di base su un mezzo di cui si conosce il numero di targa: tra queste lo stato dell’assicurazione e, appunto, importo e scadenza del bollo.

BOLLO AUTO 2021: COME E DOVE SI PAGA?

Una volta calcolato, il bollo dell’automobile può essere saldato online, tramite PC, smartphone e tablet, oppure di persona: nel primo caso si può fare riferimento innanzitutto al sito dell’ACI, tranne per chi abita in Veneto, nelle Marche e in Calabria, o al sito della propria regione di residenza, a cui seguono quello delle Poste e dell’Agenzia delle Entrate. Nel secondo caso, invece, ci si può rivolgere agli Uffici delle Poste Italiane (tramite bollettino da 1,10 Euro), a ricevitorie e tabaccai, agli uffici dell’ACI, alle agenzie convenzionate che svolgono le pratiche auto oppure agli Sportelli della propria banca. In ogni caso, il costo dell’operazione si assesta sul prezzo di 1,87 Euro.

BOLLO AUTO 2021: LE CATEGORIE ESENTI DAL PAGAMENTO

Anche per il bollo dell’automobile, tuttavia, esistono delle categorie che non vanno incontro al pagamento di questa tassa. La prima in assoluto è quella delle vetture elettriche, che sono esenti dal saldo per i primi cinque anni dalla prima immatricolazione, seguita da quella delle ibride, che invece prevede una normativa molto più diversificata a seconda della regione di appartenenza dell’intestatario:

  • Provincia di Bolzano e Lazio: nessun pagamento per i primi tre anni
  • Provincia di Trento: nessun pagamento per i primi cinque anni
  • Lombardia: pagamento dimezzato per i primi tre anni (solo per la tecnologia plug-in hybrid)
  • Veneto: nessun pagamento per auto immatricolate dal 2014
  • Liguria: nessun pagamento per auto immatricolate dal 2016 e per i primi quattro anni
  • Emilia-Romagna: nessun pagamento per auto immatricolate dal 2016
  • Marche: nessun pagamento per i primi sei anni
  • Umbria: nessun pagamento per auto immatricolate dal 2015 al 2017 e per i primi due anni
  • Puglia: nessun pagamento per auto immatricolate dal 2014 e per i primi cinque anni
  • Campagnia: esenzione completa dal pagamento del bollo auto

La tassa automobilistica di possesso di un veicolo non va pagata nemmeno dalla categoria delle auto per disabili, per le quali però esistono delle restrizioni particolari: l’esenzione vale infatti per un solo mezzo (a cui si può eventualmente associare quello dei parenti) di cilindrata massima di 2 Litri se con motorizzazione a benzina e di 2,8 Litri in caso di alimentazione a gasolio. Le ultime categorie esenti dal pagamento del bollo auto sono quelle relative ai veicoli d’epoca (con più di 30 anni) e ai mezzi in carico ad associazioni senza scopo di lucro, come le ambulanze.

Chi non rientra in queste categorie, quindi, dovrà per forza pagare questa imposta entro i termini stabiliti per l’anno 2021. Chi non lo farà e lascerà passare la data di scadenza per il saldo andrà incontro ad alcune sanzioni: se si provvede al pagamento entro 14 giorni il costo aumenterà dello 0,1% per ogni giorno di ritardo, che sale a 1,5% se il ritardo si prolunga fino a 30 giorni. Da un mese a tre mesi la percentuale aggiuntiva arriva all’1,67%, mentre da tre mesi a un anno raggiunge quota 3,75%. Oltre l’anno di morosità si dovrà pagare il 30% dell’importo totale, più un altro 1% di interesse per ogni semestre aggiuntivo. Quindi, occhio…

Bollo auto proroghe 2021

Sponsor

DasWelt Auto Volkswagen
DasWelt Auto Volkswagen
OFFERTA Una Golf pensa a tutto. Anche alle prime tre rate.
Golf 1.6 TDI con PVV da 129 €/mese TAN 5,99% TAEG 7,54% con rimborso delle prime tre rate
Volkswagen
up! 3p
PRODUZIONE dal 06/2018
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 11.500€
Volkswagen
up! 5p
PRODUZIONE dal 06/2018
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 12.000€

Sponsor

DasWelt Auto Volkswagen
DasWelt Auto Volkswagen
OFFERTA Una Golf pensa a tutto. Anche alle prime tre rate.
Golf 1.6 TDI con PVV da 129 €/mese TAN 5,99% TAEG 7,54% con rimborso delle prime tre rate
Articoli più letti
RUOTE IN RETE