USATA
cerca auto usate
NUOVA

Bollo auto scaduto: come, quando e dove pagare

Come calcolare e dove pagare il bollo auto, come pagare il bollo auto scaduto e dove estinguere eventuali pendenze. Tutto quello che dovete sapere sulla tassa di circolazione, le scadenze e l'importo del bollo auto.

COS’È IL BOLLO AUTO

Il bollo auto è una tassa dovuta per il semplice possesso del veicolo, indipendentemente dal fatto che lo si utilizzi o meno. Trattandosi di tassa incassata dalle Regioni, non verrà richiesta l’esibizione di alcuna prova di pagamento durante i controlli di routine da parte delle forze dell’ordine.
Procedere al pagamento del bollo auto è cosa semplicissima. Vediamo come poterlo fare.

CALCOLO DEL BOLLO

Anzitutto è bene verificare l’importo del bollo da corrispondere, per non avere sorprese. È possibile farlo sul sito dell’ACI o su quello dell’Agenzia delle Entrate indicando la vostra targa attraverso la quale l’Ente ricaverà i dati e una volta elaborati vi dirà l’esatto importo da versare.
Verranno automaticamente calcolate anche eventuali penali ed interessi dovuti a ritardi nel pagamento.

SCADENZA DEL BOLLO AUTO

Il bollo segue scadenze fisse distribuite durante l’anno, per evitare fastidiose file negli uffici.
  • Auto: gennaio, agosto, dicembre
  • Moto: gennaio, luglio
  • Veicoli commerciali: gennaio, maggio, settembre
C’è tempo fino all’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza per effettuare il pagamento senza penali. Vale a dire che se il nostro bollo scade a Dicembre, potremo pagarlo fino al 31 Gennaio.
Per quanto riguarda le auto nuove, il termine di pagamento del bollo scade alla fine del mese di immatricolazione della stessa. Se è stata acquistata negli ultimi 10 giorni del mese la scadenza slitta al mese successivo.

DOVE PAGARE BOLLO AUTO

Esistono molte possibilità dove pagare il bollo auto: in banca, alle poste, all’ACI o in tabaccheria. Nella maggior parte delle regioni italiane il pagamento del bollo auto scaduto può essere effettuato anche online tramite BOLLONET (sono escluse Sicilia, Sardegna, Marche, Piemonte, Veneto e Friuli-Venezia Giulia). Attenzione, però: in Molise si può procedere a pagare solo il bollo corrente, mentre in Calabria si possono saldare solamente avvisi ed accertamenti.
Il bollo si può anche pagare affidandosi all’agenzia di pratiche auto di vostra fiducia (o, se non ne conosceste possiamo suggerirvi Sermetra). Affidandovi a loro avrete la garanzia di essere in regola con i pagamenti, poiché regolarizzeranno eventuali errori o discrepanze nei dati degli archivi Regionali.
La ricevuta di pagamento va conservata per 3 anni, e deve contenere i dati identificativi del pagamento (importo, sanzioni, scadenza), del proprietario (Codice Fiscale/P. IVA) e della vettura (categoria, targa, KW).

SANZIONI IN CASO DI OMESSO PAGAMENTO DEL BOLLO AUTO

La sanzione per il mancato pagamento del bollo dipende dalla quantità di giorni di ritardo.
  • Entro i primi 14 giorni: la mora sarà pari allo 0,2% + interessi giornalieri (calcolati sullo 0,5% annuo dal 2015 e sull’1% per il 2014);
  • fra il 15° e 30°: sanzione pari al 3%  della tassa originaria + interessi;
  • fra il 31° e il 90°: sanzione del 3,33% + interessi;
  • fra il 90° e  il 365°: maggiorazione del 3,75% + interessi;
  • oltre il 365° giorno: sanzione del 30% + interessi.

CASI PARTICOLARI

  • In caso di furto del proprio veicolo nel periodo utile al pagamento sarà necessario comunicare l’accaduto agli uffici del Pubblico Registro Automobilistico, evitando così di dover corrispondere il canone per l’anno successivo.
  • In caso di vendita del proprio veicolo l’onere di pagare il bollo spetta a chi risulta proprietario dello stesso l’ultimo giorno utile al saldo, secondo la data riportata nell’atto di vendita.

Il nuovo anno porta con sé piccole novità per quanto riguarda il bollo auto: le modifiche toccano in particolare il settore delle auto ecologiche e storiche.

  • La regione Piemonte ha infatti determinato che le auto a doppia alimentazione GPL e Metano dovranno pagare il bollo a partire dal 6° anno successivo a quello di immatricolazione, anche se in misura ridotta: i possessori di auto a metano pagheranno un quinto del bollo normale, mentre chi viaggia a GPL pagherà un quarto.
  • Per quanto riguarda le auto storiche, invece, non saranno più esenti da bollo quelle di età compresa fra i 20 e i 29 anni, come determinato dalla legge di Stabilità 2015.

info ADV

VOLKSWAGEN up!
VOLKSWAGEN up!
OFFERTA Nuova up! da € 129 al mese,

info ADV

VOLKSWAGEN GOLF 8
VOLKSWAGEN GOLF 8
OFFERTA L'OTTAVA GENERAZIONE DI UN'ICONA
Volkswagen
up! 3p
PRODUZIONE dal 06/2018
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 11.500€

mobile ADV

VOLKSWAGEN up!
VOLKSWAGEN up!
OFFERTA Nuova up! da € 129 al mese.

mobile ADV

VOLKSWAGEN GOLF 8
VOLKSWAGEN GOLF 8
OFFERTA L'OTTAVA GENERAZIONE DI UN'ICONA
ARTICOLI CORRELATI