Ducati GP12 di Valentino Rossi

Video, foto e dati tecnici della Desmosedici GP12, presentata ieri con una diretta web su Facebook. È ancora in fase di sviluppo ed i prossimi test MotoGP di Jerez saranno utili per migliorarla

Ducati GP12
Eccola qui la Ducati GP12, la nuova Desmosedici sulla quale iValentino Rossi e Nicky Hayden sperano di migliorare i risultati della passata stagione di MotoGP.
Un po’ più bianca della moto 2011, una linea verde forma un tricolore partendo dal cupolino e finendo sulle fiancate, più tradizionale quella di Hayden mentre quella di Rossi perde gran parte del giallo fluo tanto caro al pilota pesarese.
Il telaio è in alluminio, parte fondamentale che l’anno scorso è stato oggetto diverse modifiche. La cilindrata è di 1.000 cm3 cioè il massimo previsto dal regolamento 2012 che i tecnici Ducati hanno voluto sfruttare in pieno.

Ultimi test a Jerez de la Frontera prima del GP del Qatar
I primi test sono in programma da venerdì 23 a domenica 25 marzo nel circuito internazionale di Jerez de la Frontera, ultime prove prima del via del nuovo campionato del mondo, previsto dal calendario MotoGP 2012 l’8 aprile con il GP del Qatar.
Negli ultimi test di Sepang, il pilota italiano aveva concluso al 10° posto a 1”.077 da Stoner e davanti a Kentucky Kid, 11° crono con un ritardo di 1”.136.
I due rider del team Ducati non sono partiti da Sepang soddisfatti ma avvertendo un feeling migliore rispetto alla GP11, nonostante qualche problema in percorrenza in curva ed all’anteriore. Però il feedback è migliorato dicono entrambi e l’elettronica è migliorata molto.
“Abbiamo iniziato molto bene nei primi test, il feeling con la nuova moto è stato da subito positivo. Siamo stati contenti perché alla fine dei tre giorni è stato fatto un buon lavoro e io ho chiuso con il quinto tempo. Certo, c’erano ancora un po’ di problemi in uscita di curva – dice Rossi intervistato da Valeri Staffelli, presentatore per l’occasione – dove perdiamo un po’. Abbiamo provato a risolvere questi problemi nei secondi test, ma non ce l’abbiamo fatta e infatti è andata un po’ peggio rispetto al primo. Ma sappiamo che ci vuole tempo e che ci sono tante cose nuove da provare. Con questa configurazione è più facile lavorarci e fare modifiche in meno tempo, speriamo che anche questo sia un aspetto importante”.
Quindi, i test di questo fine settimana serviranno per apportare le ultime importanti modifiche.

Obiettivi di Valentino Rossi per la MotoGP 2012
Nessun proclama per Rossi alla presentazione online della sua Ducati GP12: “L’obiettivo di questa stagione è essere davanti e lottare per le posizioni che contano, ma sarà importante soprattutto migliorare. L’anno scorso ci abbiamo provato ma abbiamo fatto fatica, in questa stagione speriamo di fare passi avanti e ed essere competitivi il prima possibile. Correre con la Ducati ha sempre un sapore particolare, soprattutto se sei un pilota italiano. A livello di guida è una moto molto simile alle altre, si fa rispettare molto e ti mette sempre sull’attenti”.
Sulla GP12 dice: “La nuova moto è cambiata tanto rispetto all’anno scorso. Ci vorrà un po’ di tempo per conoscerla bene e metterla a posto ma siamo quasi pronti. Abbiamo iniziato a lavorare su questa moto dal primo test di Sepang un mese fa, la squadra ha fatto un grande sforzo. Ora negli ultimi test di Jerez vedremo come andrà e l’8 aprile, quando inizierà il Mondiale, riusciremo a capire dove siamo”.

Video: l’Ing. Filippo Preziosi spiega lo sviluppo della Ducati GP12

Ducati Desmosedici GP12: dati tecnici
Motore: 4 tempi, V4 a 90°, raffreddato a liquido, distribuzione desmodromica con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro.
Cilindrata: 1,000cc
Potenza massima: Oltre 230 CV
Velocità massima: Oltre 330km/h
Trasmissione: Ducati Seamless Transmission (DST). Trasmissione finale a catena.
Alimentazione: Iniezione elettronica indiretta Magneti Marelli, 4 corpi farfallati con iniettori sopra farfalla. Farfalle controllate dal sistema EVO TCF (Throttle Control & Feedback).
Carburante: Shell Racing V-Power
Lubrificante: Shell Advance Ultra 4
Accensione: Magneti Marelli
Scarico: Termignoni
Trasmissione finale: Catena D.I.D
Telaio: Alluminio
Sospensioni: Forcella Öhlins 48mm upside-down ed ammortizzatore posteriore Öhlins, con regolazione di precarico, freno idraulico in compressione ed estensione.
Pneumatici: Bridgestone, anteriore e posteriore 16.5″
Impianto frenante: Brembo, doppio disco anteriore in carbonio da 320mm con pinze a 4 pistoncini. Disco posteriore singolo in acciaio con pinza a due pistoncini.
Peso a secco: 157kg

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE