F1 anteprima GP Cina 2012

A sorpresa Alonso deve difendere la sua leadership nel mondiale piloti perché le Red Bull di Vettel e Webber e le McLaren di Button e Hamilton vanno all'assalto

F1 GP Cina 2012
Terzo round del calendario di Formula 1 2012: si corre a Shanghai il GP di Cina, giunto alla sua nona edizione.
Fernando Alonso, pur trovandosi in vetta alla classifica piloti 2012 di Formula 1 dopo la vittoria nel GP di Malesia sotto la pioggia, non è ancora il pilota da battere né la Ferrari la monoposto da battere. Certo le prime due gare lo hanno visto protagonista di rimonte tanto entusiasmanti quanto importanti mentre in Malesia la pioggia è la giusta strategia hanno dato un aiuto fondamentale per la vittoria finale, ma sia lui che il DT Pat Fry sanno che c’è ancora molto da lavorare.
Prime prove libere venerdì, quando in Italia saranno le 4 del mattino. Seconda sessione alle 8. Poi sabato le qualifiche e domenica la gara. Guarda gli orari tv del GP di Cina di F1.

Red Bull alla riscossa al GP di Cina 2012
Il circuito di Shanghai è fatto di lunghi rettilinei e curve veloci, fatte apposta per la gioia di team e piloti di F1. Forse un po’ meno per la Ferrari F2012 visti i problemi accusati sull’asciutto, mentre è molto più indicato per una monoposto veloce come la Red Bull RB8 di Sebastian Vettel e Mark Webber.
Il campione del mondo non ha raccolto ancora granché per il momento e per questo è atteso ad una gara all’attacco: “Il circuito del GP di Cina è unico per le sue dimensioni – afferma Vettel – C’è spazio per i sorpassi e le curve sono ampie. Ho ottimi ricordi di passati gran premi e fu qui che ottenemmo la prima vittoria nel 2009 mentre nel 2011 arrivammo secondi. Contiamo di tornare a casa con tanti punti dalla Cina”.
L’anno scorso Webber partendo 18° riuscì a salire sul terzo gradino del podio in una rimonta eccezionale ed entusiasmante. “Shanghai è un circuito che porta bene sebbene non abbia ancora conquistato una vittoria – dice Webber – Ma ho conquistato podi memorabili come quello della gara sotto la pioggia nel 2009 ed il terzo posto l’anno scorso. Mi aspetto una grande gara ma anche di partire in una posizione migliore in griglia di partenza. Sarà curioso analizzare come il lungo rettilineo influenzi le prestazioni. È un circuito che mi piace molto”.

24 Foto

Le McLaren riusciranno ad ottenere quanto di buono fanno in prova?
In qualifica la McLaren si mette tutti dietro mentre in gara dimostra qualche difficoltà. Certo sono solo passate due gare, una delle quali vincendo a mani basse il GP di Australia. Ma in qualifica la monoposto di Woking ha sempre occupato la prima fila con Jenson Button e Lewis Hamilton, salvo poi concedere troppo agli avversari.
In Cina la McLaren hanno conquistato tre delle ultime quattro vittorie e possono essere loro le dominatrici del week end. “Arriviamo in Cina cercando di aggiungere un’altra vittoria. Ci sono sentimenti contrastanti al box dopo due pole concluse con una vittoria – afferma Martin Whitmarsh, team principal McLaren – ma il passo di gara ci incoraggia. Ma non dobbiamo fare errori perché siamo consapevoli di quanto abbiano lavorato i nostri rivali nelle ultime tre settimane e non dobbiamo dare nulla per scontato. Se la griglia di partenza non ha dato segnali della competitività dei vari team nei primi due gran premi li darà di sicuro nel prossimo e io credo che ci sarà molta bagarre davanti”.
La McLaren MP4-27 va forte ma può andare ancora di più e Button non è tipo da accontentarsi. La vittoria in Australia è stata cancellata dalla brutta esperienza nel GP di Malesia finito senza portare punti a casa sia per il mondiale piloti che per la classifica F1 costruttori 2012.
“L’impianto è eccezionale, molto bello e moderno – dice Button analizzando il circuito di Shanghai – I primi due settori sono tecnici con una combinazione di curve che richiede una buona risposta della vettura per andare bene. Poi la pista si apre con uno dei più lunghi rettilinei della Formula 1 al quale seguono i due punti migliori per i sorpassi mentre non ci sono curve particolari.
Se piove c’è da aspettarsi un’altra gara imprevedibile e stiamo ancora cercando di capire come vanno le gomme in queste condizioni. Ma qualsiasi cosa accada sarà interessante. Dovremmo trovare il solito giusto compromesso per il set-up senza perdere velocità nel rettilineo e abbiamo visto che molti team hanno cercato questo equilibrio in modi diversi nelle prime due gare. Qui le gomme l’anno scorso hanno dimostrato una differenza notevole tra le mescole quindi quest’anno la loro preparazione risulterà cruciale”
.
Lewis Hamilton è chiamato ad una prova di carattere dopo essere partito non bene ma benissimo con due pole, mandate i fumo con gare poco convincenti.
“Sono in Cina per vincere – dice il pilota McLaren che qui l’anno scorso ha vinto la gara – Ma è importante portare a casa punti buoni per la stagione se non riusciamo ad ottenere la vittoria.
Ho ricordi più o meno belli del GP di Cina: qui ho vinto due volte. La prima nel 2008 era importante per il campionato e sono tornato a casa con la pole, giro veloce e gara. Nel 2011 dopo un week end difficile in Malesia spingendo per tutta la gara e dimostrando la nostra forza.
Non posso negare di essere dispiaciuto per non aver ancora vinto una gara partendo due volte in pole ma preferisco pensare di non essere stato tanto assistito dalla fortuna e che prima o poi verrà il mio momento. Ora è importante portare a casa dei buoni risultati che potranno dimostrarsi utili nel corso dell’anno. Nel 2007 ho vinto la prima volta dopo 6 gare e fino alla fine sono stato in corsa per il titolo”
.

Micheal Schumacher in cerca di maggior fortuna nel GP di Cina
Nel GP di Australia un problema al cambio mentre in Malesia ha raccolto solo un misero punto. Poco fortuna per il pluri campione del mondo di F1. “In gara non abbiamo lo stesso passo che abbiamo nelle qualifiche e stiamo lavorando duro per migliorare – dice Schumy nell’anteprima del GP di Cina – Qui ho molti tifosi e voglio dar loro una soddisfazione perché il loro supporto è fantastico”.

Sergio Perez atteso alla conferma dopo il secondo posto al GP di Malesia
Nonostante il secondo posto, Sergio Perez è stato il vero protagonista del GP di Malesia, andando ad insidiare la vittoria di Alonso una volta che l’asfalto di Sepang si era asciugato. I riflettori poi si sono allungati anche nei giorni seguenti alla gara, con voci di un suo possibile passaggio sulla Ferrari al posto di Felipe Massa e le indiscrezioni sul secondo posto su ordine impartito dal box Ferrari.
Ma nello sport si fa presto a salire agli onori della cronaca anche senza un vero successo e a questo il pilota messicano della Sauber deve stare molto attento.
“Non vedo l’ora di correre il GP di Cina – afferma Perez al sito ufficiale della Formula 1 – Al mio ritorno in Messico sono stato accolto benissimo e sono stato benissimo con la mia famiglia ed i miei amici. Però ora sono molto concentrato nel mio programma di allenamento personale perché so che devo lavorare duro e a testa bassa. La nostra vettura può essere competitiva e noi possiamo trarre molto della sua potenzialità.
L’anno scorso stavo facendo una bella gara ma sono stato penalizzato per un contatto con altre vetture nel finale e sono arrivato solo 17°. Le curve da percorrere ad alta velocità possono adattarsi alla nostra auto, in special modo mi piace la curva 1 mentre il lungo rettilineo non è proprio facile per noi ma dobbiamo fare del nostro meglio e ottenere il massimo del nostro potenziale”
.

- Autore Article URL: https://www.infomotori.com/motorsport/f1-anteprima-gp-cina-2012_53008/