MotoGP 2019 GP di Germania: le pagelle del Sachsenring

Andiamo a giudicare i protagonisti del Mondiale di MotoGP 2019 che hanno corso il GP di Germania sul circuito del Sachsenring

È spagnolo, ma la sua seconda casa è tedesca: Marc Marquez ha fatto il vuoto nello scorso GP di Germania, nono appuntamento del Mondiale di MotoGP 2019, confermando che il circuito del Sachsenring è uno tra i suoi preferiti. Per lui si tratta del decimo successo in carriera su questa pista, dove ha battuto il connazionale Maverick Vinales, capace di centrare un ottimo secondo posto dopo la vittoria in quel di Assen, e l’inossidabile Cal Crutchlow, terzo al traguardo nonostante la recente frattura alla tibia rimediata in bicicletta. Meno bene le Ducati di Petrucci e Dovizioso, fuori dal podio e sempre più distanti in Classifica dal Campione del Mondo in carica, che con questa vittoria ha aumentato il vantaggio a ben 58 punti sulla Desmosedici numero 4.

MARC MARQUEZ – VOTO 10

Ha lasciato la leadership ai suoi avversari solamente nelle prove libere, per la precisione a Quartararo nelle FP1 e a Vinales nelle FP4. Per il resto, Marquez ha sempre mantenuto il comando della classifica in ogni singolo turno in pista del GP di Germania: in qualifica ha messo tutti in riga con un giro stratosferico che è diventato il nuovo record del Sachsenring, mentre in gara ha inserito il turbo lasciando di stucco praticamente subito la compagnia. Giro dopo giro ha incrementato il vantaggio sui suoi inseguitori, transitando in solitaria sotto la bandiera a scacchi con ben 5 secondi di margine su Vinales. Una prova di forza che gli vale il massimo dei voti e che deve far alzare le antenne ai suoi rivali… perchè se Marquez continua così, il sesto iride è praticamente assicurato!

MAVERICK VINALES – VOTO 9

Ottimo risultato per Maverick Vinales, che dopo la vittoria in terra olandese è stato capace di mettere in bacheca un secondo posto che vale quanto un altro successo. Dopo un inizio di stagione difficile, il pilota spagnolo si sta facendo sempre più portabandiera del reparto corse ufficiale Yamaha, che oltre a Marquez e alle Ducati quest’anno deve fare i conti anche con la M1 clienti di Quartararo. L’obiettivo? Far valere lo sviluppo del team factory, ovviamente, e Vinales ci sta riuscendo alla grande!

CAL CRUTCHLOW – VOTO 9

Nessuno si aspettava una prestazione del genere da lui: complici le cadute di Rins e Quartararo, Cal Crutchlow è tornato sotto i riflettori con un terzo posto che vale oro per il team LCR Honda. Soprattutto per il fatto che il pilota britannico si è presentato in griglia con un ginocchio malandato e una tibia fratturata nella parte superiore a causa della sua recente caduta dalla bici mentre era in allenamento. Nonostante il dolore, Cal si è sempre piazzato a ridosso della Top 5 e, alla fine, è stato premiato con lo stesso risultato conquistato nel round d’apertura in Qatar. Il regalo perfetto per andare in vacanza con il sorriso!

PETRUCCI & DOVIZIOSO – VOTO 7

Si sapeva: la Ducati, sul circuito del Sachsenring, non si sarebbe trovata a proprio agio. E la dimostrazione è arrivata puntuale con la scarsa prestazione in qualifica: Dovizioso è stato eliminato già in Q1, mentre Petrucci è finito a terra nel tentativo di andare oltre i limiti della sua Desmosedici. In gara i due piloti hanno fatto del loro meglio e alla fine hanno portato a termine entrambi un’ottima rimonta terminata a ridosso del podio: stavolta, però, il Petrux ha beffato il Dovi, che centra un quinto posto che non può nulla contro il dominio di Marquez. Ora inizia la pausa estiva e in una situazione che vede il forlivese a 58 punti dallo spagnolo del team Honda Repsol (oltre che insidiato da vicino dal compagno di squadra), i sogni di Dovizioso non saranno certo tranquilli…

FABIO QUARTARARO – VOTO 5

Chi troppo vuole, nulla stringe… E Quartararo, infatti, porta a casa uno zero dal GP di Germania. Il pilota francese del team Petronas è veloce in tutti i turni di libere e in qualifica, una volta di più, si dimostra all’altezza dei migliori della classe, conquistando il secondo tempo che gli vale la prima fila. Alla partenza, però, è troppo nervoso e perde terreno facendo a carenate con Miller: tenta di recuperare subito, ma la foga lo tradisce… La caduta è inevitabile, ma avrà tempo di rifarsi. Tutto rimandato dopo la pausa estiva, a Brno.

ALEX RINS – VOTO 4

Cade mentre è saldamente in seconda posizione, calcolando male la staccata della curva 11 e buttando alle ortiche un podio che era ampiamente alla sua portata. Per Alex Rins quello del Sachsenring è il secondo ritiro consecutivo della stagione 2019, uno zero molto pesante per il Mondiale dove ora occupa il quarto posto… ma con un distacco di 84 punti da Marquez. Dopo la vittoria di Austin e la medaglia d’argento di Jerez lo spagnolo ha accusato il rientro delle Ducati, del ritrovato Vinales e del sempre più convincente Quartararo, ma adesso che arriva la pausa estiva non ci sono più scuse: a Brno ci vuole un risultato importante!

VALENTINO ROSSI – VOTO 6

Sufficienza risicata per Valentino Rossi, che in Germania centra un ottavo posto che, almeno, mette la parola fine ai tre ritiri consecutivi iniziati al Mugello e poi proseguiti a Barcellona e in Olanda. Sul Sachsenring il Dottore non brilla in qualifica, dove ottiene un 11esimo tempo che, però, lascia sperare a una gara con il coltello tra i denti, come del resto ci ha abituato in questi anni. Invece il Campione di Tavullia tentenna e riesce a recuperare solo tre posizioni sotto la bandiera a scacchi, nonostante una Yamaha che, nelle mani di Vinales e di Quartararo, fa scintille. Qual è il problema, quindi? Lo scopriremo nel prossimo appuntamento di Brno, dove Valentino in carriera ha vinto solo tre volte: sarà un altro round da giocare in difesa?

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI
info ADV
RUOTE IN RETE