MotoGP 2019 GP d’Italia, Mugello: Bagnaia e Quartararo al top nelle libere, Dovizioso e Rossi fuori dalla Top 10

Il nostro Francesco Bagnaia, pilota del team Ducati Pramac, ha centrato il miglior tempo nella combinata delle prove libere al Mugello, sesta prova del Mondiale di MotoGP 2019

Il venerdì di libere sull’Autodromo Internazionale del Mugello è iniziato con il sole alto nel cielo, che ha permesso ai piloti della MotoGP 2019 di prendere confidenza con quella che è considerata una delle piste storiche del motociclismo internazionale. A fine giornata i 5.245 metri del tracciato toscano hanno premiato l’impegno non di Rossi o Dovizioso… ma del giovane Francesco Bagnaia. Il pilota del team Ducati Pramac è riuscito a stampare all’ultimo secondo a sua disposizione un ottimo 1’46”732, con il quale ha messo in riga tutti i suoi avversari. Primo tra tutti Fabio Quartararo, secondo con la sua Yamaha M1 sponsorizzata dalla Petronas, ma anche la Desmosedici ufficiale di Danilo Petrucci, terzo davanti alla sorpresa Pol Espargarò con la KTM e alla prima M1 ufficiale di Maverick Vinales.

BAGNAIA, BUONA LA PRIMA!

Dopo aver mostrato alcune difficoltà durante le prove libere 1 della mattina, in cui non era andato oltre il 17esimo tempo, Francesco Bagnaia ha mostrato il proprio valore e nel turno pomeridiano ha indovinato un giro magico. Il suo riferimento cronometrico è, di fatto, solo mezzo secondo più lento rispetto al record attuale dell’Autodromo del Mugello, quell’1’46”208 ottenuto da Valentino Rossi l’anno scorso in qualifica. La prestazione del “Pecco”, quindi, fa ben sperare per un ulteriore miglioramento in vista del giro lanciato di domani, dove dovrà vedersela con i migliori della classe.

QUARTARARO STACCA LA PRIMA DUCATI UFFICIALE DI PETRUCCI

A soli 46 millesimi ha confermato il suo ottimo potenziale il francese Fabio Quartararo: con il suo 1’46”778 la Yamaha M1 del pilota transalpino si è dimostrata la più veloce quattro cilindri di Iwata in pista, un risultato che rinforza il già ottimo rendimento mostrato da Quartararo fino a questo punto della stagione. Terzo tempo per la prima delle Ducati ufficiali di Danilo Petrucci, staccato di soli 131 millesimi dalla vetta davanti alla KTM di Pol Espargarò: lo spagnolo ha migliorato in maniera decisa il tempo ottenuto nelle FP1, arrivando sull’1’46”966 che lo pone a soli due decimi dal nostro Bagnaia.

VINALES BATTE MARQUEZ

Ha centrato la Top 5 di giornata la prima delle M1 ufficiali, quella di un Maverick Vinales che sta mantenendo i propositi dichiarati nella preview del giovedì, quando ha affermato di volersi riscattare dalla caduta di Le Mans. Lo spagnolo si è messo dietro il Campione del Mondo in carica Marc Marquez, primo nelle FP1 ma solo sesto nelle FP2 del pomeriggio. Il pilota del team Honda Repsol sta conservando le energie in vista delle qualifiche? Sta il fatto che è riuscito a staccare di un decimo la Suzuki di Alex Rins, settimo davanti a Cal Crutchlow, Jack Miller e al nostro Franco Morbidelli che ha così chiuso la Top 10.

DOVIZIOSO E ROSSI IN ALTO MARE

Proprio il “Morbido” ha trovato la forza di strappare l’ultimo posto disponibile tra i primi dieci al ducatista Andrea Dovizioso: il pilota di Forlimpopoli era già in difficoltà nelle FP1, chiuse con un decimo tempo che non è riuscito a migliorare nelle FP2 pomeridiane. La sensazione è che il “Dovi” non si sia trovato a proprio agio in sella alla Desmosedici GP, dal momento che ha pagato un distacco dalla vetta di ben sei decimi. Sulla “sua” pista ha deluso anche Valentino Rossi, 12esimo nelle prove libere 1 e addirittura 18esimo nelle successive prove libere 2, chiuse con un margine di quasi un secondo da recuperare sul battistrada Bagnaia. Male anche Iannone, 19esimo davanti alla seconda Honda ufficiale di Jorge Lorenzo, che dovrà inventarsi un miracolo per tornare nelle posizioni che contano visto il suo gap di 1 secondo e tre decimi dalla Ducati Pramac numero 63…

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI