MotoGP 2019: quanto costa fare da sponsor nel Motomondiale?

Grazie allo strumento MotoGP Sponsor Calculator creato da RTR Sport Marketing potrete scoprire quanto costano gli investimenti delle aziende nello sponsorizzare team e piloti delle tre classi del Motomondiale

Il motorsport, soprattutto quello di alto livello, è un affare costoso. Diventare un pilota nel Motomondiale non solo richiede tanto talento, ma anche un cospicuo budget che non tutti, purtroppo, sono in grado di portare nelle casse dei team, blasonati o meno che siano. Ecco perchè in questo contesto entrano in gioco gli “sponsor”, che forniscono il loro aiuto economico a squadre e piloti in cambio di visibilità per i loro prodotti sulle carene delle moto, sulle divise del team, sulle insegne dei furgoni che servono per i trasporti e tanto altro.

Ma… quanto costa effettivamente fare da sponsor nel Motomondiale? Una domanda a cui l’azienda britannica RTR Sports Marketing, leader da quasi vent’anni nelle sponsorizzazioni a due e quattro ruote, ha provato a dare una risposta con il suo MotoGP Sponsor Calculator. Di cosa si tratta? Un semplice strumento online che serve a dare un’idea di quanti siano i risparmi da mettere in gioco per far partire un progetto vincente nel mondo del Motomondiale.

TUTTI I PARAMETRI IN GIOCO

Andando ad analizzare nei dettagli questo strumento, possiamo innanzitutto constatare la sua estrema flessibilità nell’adattarsi alle situazioni più disparate: la scelta iniziale è quella se sponsorizzare una squadra della MotoGP, della Moto2 o della Moto3, per tutta la stagione o per una singola gara. Si passa poi a scegliere in quale posizione il team prescelto dovrebbe piazzarsi durante il Campionato, per poi individuare le dimensioni del logo da sponsorizzare, oltre al luogo dove può essere facilmente riconosciuto (sulla moto, sulla tuta del pilota…).

Le ultime variabili del MotoGP Sponsor Calculator danno la possibilità di gestire a più ampio respiro la suddetta sponsorizzazione, sfruttando l’utilizzo di showbike durante le gare, la presenza dei piloti o dello staff della squadra agli eventi della propria azienda e l’opportunità di usare gli spazi del team per riunioni o avvenimenti. Dulcis in fundo… la scelta di diventare Title Sponsor, ovvero di ribattezzare il nome della squadra con quello della propria impresa, e la possibilità di far vivere ai propri ospiti un weekend del Motomondiale.

CIFRE DA CAPOGIRO

Incuriositi da questo strumento, abbiamo fatto alcune prove per darvi un’idea di quanto costi sponsorizzare una squadra nel Motomondiale. Per quanto riguarda una sola gara di MotoGP, con piazzamento a podio e logo grande in vista su moto e tuta del pilota la cifra parte da 570mila Euro, per arrivare a quasi 3 milioni nel caso di un investimento per tutta la stagione. Inserendo anche le voci restanti con l’ambizione di diventare Title Sponsor, i costi lievitano fino a 6 milioni di Euro, mentre per un logo ancora più grande si tocca addirittura quota 12 milioni!

Cifre astronomiche se ci fermiamo un attimo a riflettere, che diventano decisamente più abbordabili se “scendiamo” di categoria: per supportare una stagione in Moto2 con il pacchetto “full optional” il costo è di “soli” 3 milioni di Euro, che diventano circa 600mila per una singola gara (utilizzando un logo molto grande in vista praticamente dappertutto e con le restanti voci di sponsorizzazione attive). Se ci “accontentiamo” di un logo più piccolo solo su moto e tuta del pilota senza Title Sponsor, potremmo farcela con 140mila Euro.

Passiamo all’ultima classe del Motomondiale, la Moto3: qui i requisiti sono decisamente più “umani”, perchè si parte da un minimo di 2000 Euro (logo piccolo solo sulla moto e piazzamento non specificato) che lievita progressivamente fino a 143mila Euro per il pacchetto “tutto compreso” (con Title Sponsor ci sono da aggiungere altri 100mila Euro). Quant’è il costo per l’intera stagione? Poco meno della metà di quella di Moto2, cioè 1 milione e 200mila Euro.

NON ESISTE SOLO LA MOTOGP

Che cosa abbiamo capito dai nostri test con questo strumento? I grandi investimenti non vengono fatti esclusivamente nella classe regina del Motomondiale, la MotoGP, ma anche in quelle minori: qui le cifre sono sicuramente inferiori, ma comunque importanti per dare rilievo ai Campioni del futuro. Un aspetto che ci ha fatto capire quanto possa essere complicato per un’azienda reale trovare i fondi per sostenere le giovani promesse del motociclismo, che in qualche modo devono affrontare i weekend di gara, i test e tutti i trasferimenti da un circuito all’altro. Certo, se abbiamo un cognome prestigioso le cose diventano decisamente più facili… ma in caso contrario l’unico modo è quello di lavorare sodo e credere nei propri sogni.

Se volete provare anche voi il MotoGP Sponsor Calculator, seguite questo link e divertitevi nel provare ad immedesimarvi in un’impresa che voglia sostenere le ambizioni di una squadra che corre a livello agonistico. Il risultato (economico) che otterrete in fondo alla pagina è tutt’altro che scontato!

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI