USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Alfa Romeo Giulietta Auto Europa 2011

La nuova nata del Biscione batte le francesi Citroën DS3 e Peugeot RCZ e prevale nella 25° edizione del concorso

L’Alfa Romeo Giulietta è stata votata dai giornalisti italiani dell’automobile Auto Europa 2011. Secondo loro è la compatta due volumi del Gruppo Fiat la miglior macchina costruita nel Vecchio Continente nel corso degli ultimi dodici mesi.

Il premio “Auto Europa” 2011, giunto quest’anno alla venticinquesima edizione e strumento attraverso il quale i soci dell’Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive (UIGA) procedono a selezionare la miglior vettura prodotta in almeno diecimila esemplari (mille per le automobili sportive) nei ventisette Paesi dell’Unione Europa fra l’1 settembre e il 31 agosto dell’anno immediatamente precedente, ha una vincitrice italiana.

Lo scrutinio ha avuto luogo in forma palese, per corrispondenza o con consegna personale della scheda di voto, nell’ambito della manifestazione “Viva L’Auto”, organizzata dal sodalizio UIGA nel fine settimana del 15, 16 e 17 ottobre. La grintosa vettura del Biscione ha collezionato complessivamente 349 voti, che le hanno consentito di vincere agevolmente la sfida con le altre quaranta finaliste di quest’anno; la piazza d’onore è stata della Citroën DS3, mentre la Peugeot RCZ ha meritato un’ideale medaglia di bronzo dopo le vittorie ottenute nel 2010 e 2007 rispettivamente con i modelli 3008 e 207; l’Alfa Romeo aveva sbaragliato già la concorrenza nel 2008 con il modello MiTo e molto prima ancora, nell’88, all’epoca della seconda edizione del premio “Auto Europa”, grazie alla 164.

La premiazione ha avuto luogo all’interno della concessionaria di automobili di lusso Bettini Car, alla periferia di Firenze, ed è stata “officiata” da due giornalisti di lungo corso, Beppe Gioia, della redazione del rotocalco TG2 RAI “Motori”, e da Maurizio Toma, volto e voce di Class CNBC, ai quali si è aggiunto per volontà della Ferrari il pilota da corsa e tester delle monoposto di F.1 Marc Gené. Importante presenza direttamente da Saxa Rubra, Rocco Tolfa, vice direttore del TG2, premiato, prima che si alzassero i teli delle 6 finaliste, per la qualità del servizio informativo offerto dalla sua trasmissione. Il premio “fisico”, un “tartarugone” di cristallo con inserti in argento celebrativo dei venticinque anni di vita del riconoscimento dell’Unione, è stato ritirato da Giorgio Gianuzzi dell’ufficio stampa Fiat, il quale ha voluto rendere omaggio alle altre case costruttrici e agli importatori di autoveicoli stranieri operanti in Italia chiamando con sé sul palco i loro rappresentanti a Firenze, il tutto con un gesto che è stato allo stesso tempo di ringraziamento per la UIGA e di vicinanza a tutti coloro che si battono sul mercato della mobilità in un momento di grande recessione economica. Pierluigi Bonora, presidente del gruppo che ufficialmente riunisce i giornalisti italiani del settore automotive, ha dichiarato che “il successo dell’Alfa Romeo Giulietta intende sottolineare lo sforzo di Fiat Group Automobiles nell’azione di rilancio del blasonato marchio milanese, ormai pronto a rientrare a pieno titolo nel mercato nordamericano. Il premio evidenzia anche come un nome del passato, qual è la Giulietta, possa andare incontro a un rinascimento in chiave moderna. Questo modello, preferito dai soci dell’Unione, sintetizza infatti il meglio dello stile italiano e della tecnologia made-in-Torino, indirizzata nel contempo a una maggiore efficienza e a tanta sicurezza in più. Quest’anno erano quarantuno i modelli candidati al titolo e ancora una volta, prima del verdetto ufficiale, si è assistito a un avvincente testa a testa fra la marca italiana e la francese Citroën, che ha visto nella DS3 il giusto riconoscimento a un progetto innovativo e ‘di svolta'”. Domenica pomeriggio la Giulietta ha sfilato per il centro storico dell’antica città dei Medici accompagnata da una “scorta” di vetture storiche, a suggello di un successo proiettato sì al futuro, ma che non può prescindere dalla straordinaria eredità Alfa Romeo. L’autorevole giuria giornalistica, stando alle preferenze indicate sui tagliandi di votazione, ha preferito la vincitrice essenzialmente per tre dei cinque parametri previsti: “design e aerodinamica”, “prestazioni, consumi ed emissioni” nonché “tecnologia, sicurezza e innovazione”.

Ecco la classifica finale:

1. Alfa Romeo Giulietta 349 punti
2. Citroën DS3 300
3. Peugeot RCZ 125

Volvo S60 122
BMW Serie 5 berlina 100
BMW X1 76
Opel Meriva 74
Dacia Duster 67
Peugeot 5008 66
Ford S-Max 64
Citroën C3 63
Kia Sportage 57
Maserati GranCabrio 57
Abarth 500C 55
Jaguar XJ 52
Mercedes Benz SLS-AMG 37
Opel Astra 37
Kia Venga 33
Ferrari 458 Italia 31
Škoda Yeti 25
Audi A5 Sportback 24
Mercedes Benz Classe E Cabrio 22
e Audi A7 Sportback 22
Land Rover Discovery 4 17
Porsche Cayenne 17
DR1 16
Škoda Superb Wagon 16
Hyundai ix35 14
Renault Wind 13
Toyota Auris 12
Fiat Punto Evo 11
Nissan Navara, Renault Mégane CC 7
Volkswagen Touareg 7
Ford Galaxy 5
DR2 4
Audi A8 1.

Non hanno raccolto alcun punto e pertanto non sono entrate nella graduatoria stilata dalla UIGA BMW GT5, Nissan Pathfinder, Seat Exeo e Seat Ibiza ST. N

Nel pomeriggio di sabato 16 ottobre non sono tuttavia mancati altri prestigiosi riconoscimenti. Si è infatti proceduto anche all’attribuzione dei premi voluti da alcuni sponsor dell’evento “Viva l’Auto”, aziende leader nel rispettivo ambito di attività e appartenenti all’ampio indotto industriale o commerciale della mobilità automobilistica. La ARVAL ha consegnato alla Fiat il premio che le derivava dalla preferenza accordata alla Punto Evo dalle flotte aziendali nel 2010; il sito Internet Autoscout 24.it ha assegnato alla 458 Italia della Ferrari la “patente” di macchina più cliccata sulla rete da parte di utenti residenti nel Belpaese; la Dekra Revisioni ha invece premiato l’Opel Corsa D in quanto modello più affidabile tra quelli verificati nelle officine convenzionate. Francesco Boldini è invece il lettore del quotidiano “La Nazione”prescelto nel concorso messo in palio dal Centro Internazionale di Guida Sicura di Andrea de Adamich a Varano de’ Melegari (Parma): potrà partecipare a un corso di guida “evoluta”.

L’Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive ha approfittato anche dell’occasione conviviale fiorentina per attribuire alcuni riconoscimenti a persone da sempre vicine all’associazione: Michele Pompili, uno dei membri più anziani della UIGA, ha ricevuto il “tartarughino” d’oro, un premio assegnato una tantum per volontà precisa del consiglio direttivo, “a un socio benemerito che si è distinto per la sua attività professionale e per il forte impegno profuso da sempre nel sociale e a favore di un ambiente più pulito”, per usare le parole del presidente Bonora. A Gianni Filipponi, direttore generale dell’UNRAE, braccio operativo dell’organismo che raggruppa le case costruttrici estere presenti in Italia, “un premio alla carriera che è per il manager, ma anche per ‘l’uomo’, perché forte di una grande esperienza si è impegnato in questi anni non facili a salvaguardare l’immagine dell’intero settore automobilistico, sempre oggetto di attacchi strumentali”.

TUTTO SU Alfa Romeo Giulietta
Articoli più letti
RUOTE IN RETE