USATA
cerca auto nuove
NUOVA

All’asta l’auto che mescola il fascino della Countach con le forme del Tesla Cybertruck

Si chiama Lo Res Car ed è stata creata come esercizio di stile dalla United Nude, azienda di calzature olandese: ha un motore elettrico che la spinge a soli 50 km/h

Gli studi su linee e forme delle automobili sono sempre stati la base di partenza fondamentale per definire successi come la mitica Lamborghini Countach o la prossima, innovativa, creazione di Tesla come il Cybertruck. Due mezzi diametralmente opposti, che però vogliono essere pionieri allo stesso modo di nuovi concetti stilistici, che li rendano unici agli occhi degli appassionati. Cosa accadrebbe, tuttavia, a mescolare il fascino della supercar del Toro con le forme sfaccettate del “carro armato” di Palo Alto?

Una domanda che si è posto anche il designer olandese Rem D. Koolhaas, fondatore e direttore dell’azienda di calzature United Nude che ha trovato la sua, personale, risposta nel veicolo che potete ammirare anche voi sfogliando le foto presenti in gallery. Si chiama “Lo Res Car” e porta in dote un telaio angolare in acciaio con carrozzeria in policarbonato fumè, completamente spigolata in ogni suo pannello e assolutamente priva di portiere.

L’accesso all’abitacolo, di conseguenza, avviene sollevando il corpo vettura verso l’alto come fosse una navicella spaziale, nella quale i passeggeri possono trovare posto in una configurazione dei sedili “a tandem” con volante a forma esagonale. La particolare conformazione della vettura permette al pilota di avere una “spatial awareness” a 360° di ciò che accade su strada: come contro, però, le prestazioni offerte dal motore elettrico lasciano molto a desiderare… visto che la velocità massima non supera quella di un ciclomotore (50 km/h).

Nonostante ciò, la Lo Res Car di United Nude è attualmente in vendita all’asta: chiunque la vorrà comprare (per metterla probabilmente in esposizione dal momento che non è omologata per la circolazione stradale) donerà parte della cifra versata al Petersen Automotive Museum e all’organizzazione DriveH2.org, che sostiene le forme di mobilità sostenibile come quelle elettriche e a idrogeno.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE