Aston Martin

VOTO 5/5 su 10 voti
CLICCA E VOTA
Grazie per il tuo voto!
Hai già votato!

Aston Martin, casa automobilistica inglese nata nel 1913, è parzialmente di proprietà del fondo milanese Investindustrial.

STORIA DEL BRAND

Aston Martin nasce nel 1913 quando il meccanico Robert Bamford e il pilota Lionel Martin decidono di aprire a Londra una concessionaria di auto Singer. Nel 1915 vede la luce la prima auto originale, una scoperta a due posti che si chiama Coal Scuttle, ma la produzione viene fermata per via della guerra. Nel dopoguerra, nonostante la crisi economica, nascono i primi modelli da corsa, ma la svolta arriva nel 1926 con l’acquisto da parte di Bill Renwick e del genovese Augusto Bertelli, che ribattezzano l’azienda Aston Martin. Nel secondo dopoguerra l’imprenditore David Brown acquista la casa inglese e ne fa un marchio famoso in tutto il mondo per la produzione di sportive di lusso e di grossa cilindrata. Nel 1948 acquista anche il marchio Lagonda ma è solo nel 1950 che debutta Aston Martin DB2, primo modello con la sigla DB (le iniziali di Brown). Sono gli anni dei primi grandi successi nelle corse e delle partecipazioni ai campionati di Formula 1. Il modello più celebre, Aston Martin DB5, viene presentato nel 1963: il successo è garantito dal design realizzato da Touring ma soprattutto dall’utilizzo della vettura nei film di 007. Negli anni Sessanta si susseguono i passaggi di proprietà, che non riescono tuttavia a risollevare l’azienda dalla crisi. Le cose cambiano solo con l’arrivo di Ford nel 1987 e la produzione di diversi modelli azzeccati, come Aston Martin DB7, Vanquish e DB9. Oggi il marchio è parzialmente di proprietà del fondo milanese Investindustrial.

CARATTERISTICHE DISTINTIVE

I modelli attuali condividono lo stesso stile, caratterizzato dal cofano motore lungo, il tetto con una linea ad arco, i finestrini piccoli e la coda sfuggente. I frontali presentano grandi prese d’aria per far respirare i potenti motori di origine Mercedes AMG che da qualche anno equipaggiano tutti i modelli della gamma. Pur richiamando nelle proporzioni le classiche GT inglesi, le Aston Martin di oggi hanno un aspetto moderno che punta molto sull’aerodinamica. Come da tradizione per le Aston Martin, anche se potenti e veloci i modelli sono pur sempre delle granturismo di alto livello, quindi grande attenzione è posta al comfort e alla praticità: gli abitacoli sono lussuosi, realizzati con materiali e pellami pregiati, ma improntati alla semplicità e all’eleganza che da sempre contraddistinguono il marchio.

MODELLI ICONICI

La più piccola ma anche corsaiola della gamma è Aston Martin Vantage Coupé, una due posti che in linea generale condivide lo stile con gli altri modelli ma è caratterizzata da una vistosa mascherina che arriva fino al bordo inferiore del paraurti. L’aerodinamica è molto curata grazie ad alcuni dettagli tra cui il fondo carenato. Il primo frutto della gestione italiana Investindustrial si chiama Aston Martin DB11 ed è una raffinata granturismo per due persone (più due di emergenza) con scocca in alluminio e interni lussuosi interamente rivestiti in pelle. La sua versione cabriolet si chiama Aston Martin DB11 Volante, mantiene le forme sinuose e l’abitacolo della coupé ma ha un tetto in tela a otto strati che garantisce un buon comfort acustico e termico e scompare facilmente sotto un coperchio dietro i poggiatesta posteriori. Aston Martin DBS Coupé è l’evoluzione più sportiva della coupé DB11, dalla quale eredita la meccanica ma non la carrozzeria, che qui fa uso della fibra di carbonio per essere più leggera. Da qui il nome Superleggera, un richiamo alla tecnica di derivazione aeronautica messa a punto dalla milanese Carrozzeria Touring. Completa la gamma una coupé a cinque porte e quattro posti, Aston Martin Rapide S, bassa, sinuosa ed elegante, dotata di trazione posteriore.

Seleziona i modelli Aston Martin e scoprine le caratteristiche