Dodge Nitro – Test Drive

In un mondo di giganti si può definire 'bisonte medio'

Dodge Nitro – Test Drive. Siviglia – Maschia, quasi in versione “denim”… per l’uomo che non deve chiedere mai. Nitro (già il nome…) è una miscela davvero esplosiva tra stile in-con-fon-di-bil-men-te americano e personalità marcatamente palestrata, ormonale. Il gruppo Chrysler sceglie questo “carro armato” da città dagli angoli smussati per attaccare il mercato globale dei Suv, europeo in particolare. Un attacco chirurgico poiché, oltre al design – certamente anticonformista eppure carico di fascino (non certo a chi piace passare inosservato) – di questo modello colpisce il prezzo: a partire da 26.770 euro. Ufficialmente Dodge Nitro compete nell’affollata “nicchia” degli sport utility medi. Le sue misure – 4,543 metri di lunghezza, 1,758 di altezza e 1,549 mm di larghezza – lo collocano in questo sotto segmento, ma la sua presenza ingombrante incute quel rispetto dovuto a qualcosa di più significativo. Anche nel target di clientela, Nitro se ne infischia del “politically correct”. È una macchina da uomini, per quelli che si sentono sicuri di sé, che non rincorrono le mode ma che, anzi, ci tengono a determinarle, che si vogliono distinguere e che se non sono al centro dell’attenzione ci restano male. “Nitro – taglia corto Andrea Badolati, l’uomo Chrysler del Belpaese – non è un semplice fuoristrada: è il simbolo, l’essenza dell’energia Dodge”. Un’occhiata ad alcuni spot pubblicitari destinati al mercato americano cementano bene il concetto: un tizio richiamato perché arriva in ritardo sposta indietro le lancette dell’orologio del capo o un altro che, chiedendo una ricarica alla batteria della propria anonima berlina, raccomanda una acceleratina e viene praticamente fatto decollare. Una vettura irriverente e provocatoria: “that’s Nitro”! Dodge apre con questo ariete dell’asfalto l’offensiva 2007 al vecchio continente: per il marchio del gruppo il 2007 sarà l’anno più importante dopo il milione 400mila di vetture vendute lo scorso anno. Il piano prevede l’introduzione di ben 6 nuovi modelli. Con il grimaldello Dodge, Chrysler punta all’1,4% di quota del mercato dell’Europa occidentale, raddoppiando così entro il 2009 l’attuale penetrazione. E, se i piani venissero rispettati, il marchio dell’ariete potrebbe rappresentare il 30% delle vendite di Chrysler fuori dal nord America.
Linea imponente, look deciso Dodge Nitro deriva dalla concept car presentata al Salone di Chicago del 2005 ed esibisce linee esterne da bisonte della strada. La tipica griglia Dodge cromata e divisa in quattro parti, la fanaleria rettangolare, il paraurti sporgente e sagomato e il cofano imponente, caratterizzano un frontale nato per provocare una sensazione di potenza e robustezza. Lateralmente, invece, risaltano i cerchi da 20 pollici in lega (sulla R/T), le prese d’aria e i parafanghi sporgenti, molto sporgenti, i doppi tubi di scarico cromati e la cornice della targa sempre di color argento satinato. A completare il design estetico, svettano sul tetto le barre portapacchi trasversali.

ARTICOLI CORRELATI