Honda Jazz Si 1.4 benzina da 100 CV provata su strada

Test drive della Honda Jazz Si 1.4 100 CV, una vettura caratterizzata da un design funzionale e da interni curati e molto razionali. Il prezzo di listino è di 16.950 euro

Honda Jazz Si 1.4 100 CV
Disponibile in tre differenti motorizzazioni, un 1.2 benzina, un 1.4 benzina ed un 1.3 hybrid, la Honda Jazz è un’auto dalle dimensioni contenute ma estremamente pratica e versatile, dall’aspetto gradevole e dalle prestazioni più che soddisfacenti. Noi di Infomotori.com abbiamo avuto modo di testare per qualche settimana la Honda Jazz Si 1.4 100 CV il cui prezzo di listino è di 16.950 euro, riuscendo ad apprezzarne i molteplici pregi ed i pochi, a nostro avviso, difetti. Le misure della Honda Jazz sono di 3900 mm di lunghezza, 1695 mm di larghezza e 1525 mm di altezza, con un passo invece di 2500 mm, mentre le principali caratteristiche estetiche sono il frontale con gruppi ottici di dimensioni generose ed una calandra frontale che le conferisce un aspetto sportiveggiante, dove trova posto la lettera “H” cromata. Lateralmente la Honda Jazz presenta invece delle fiancate assolutamente pulite e senza fronzoli, che terminano in una parte posteriore semplice ma non banale, dall’aspetto molto gradevole.

Interni e dotazioni della Honda Jazz

Anche gli interni sono molto curati e razionali, oltre ad essere dotati di tutti i comandi necessari a rendere agevole qualsiasi fase di guida. Ogni bottone o pulsante o vano è raggiungibile e fruibile in maniera pratica ed immediata, in maniera tale da permettere al conducente di non distogliere lo sguardo dalla guida. Le plastiche ed i materiali utilizzati per gli interni e per l’abitacolo sono a dire il vero molto rigide e potrebbero essere ulteriormente migliorate, ma l’aspetto generale è di robustezza e degno del rapporto qualità/prezzo. L’aspetto un po’ spartano degli interni viene però compensato dalla spaziosità a bordo, davvero ottima anche quando si è in cinque all’interno della Jazz. Molto interessanti anche le dotazioni di serie, che sin dall’allestimento base prevedono la presenza dell’ABS, di poggiatesta anteriori attivi, di 6 airbag, di attacchi Isofix e dell’ESP. Vi sono poi come optional gli alzacristalli elettrici, specchietti retrovisori anch’essi elettrici, il piantone dello sterzo telescopico, stereo CD Tuner con RDS/Mp3 e sedile del conducente regolabile in altezza. La versione Si di Honda Jazz dispone poi di cerchi in lega diamantati da 16 pollici a 7 razze, interni in tessuto bicolore nero e argento, sospensioni dinamiche, vetri posteriori oscurati, minigonne laterali, cruise control e volante e pomello del cambio entrambi in pelle. Per quant concerne le prestazioni della Honda Jazz Si 1.4 da 100 CV, capace di una coppia massima di 127 Nm a 4.800 giri/minuto, bisogna dire che l’accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in 11,4 secondi, fino a raggiungere una velocità massima di 182 km/h.

Test drive della Honda Jazz 1.4 benzina
Una volta a bordo della Honda Jazz 1.4 Si notiamo subito che la visibilità sia laterale che posteriore è assolutamente eccezionale, mentre come dicevamo in precedenza anche i comandi e le varie funzioni risultano chiare sin dal primo istante. Appena ci mettiamo in marcia, apprezziamo lo sterzo morbido ma preciso, praticissimo e confortevole alle basse velocità ma un po’ meno efficiente ad alte andature. Il motore è molto regolare nell’erogazione della potenza, ma forse dai 100 CV della Honda Jazz 1.4 Si ci si aspetterebbe qualcosina in più, nonostante l’assenza di vibrazioni e di sussulti rendano questa motorizzazione perfetta sia per l’utilizzo urbano che per i viaggi più lunghi ed impegnativi. Anche in autostrada a velocità più sostenute le vibrazioni ed i rumori sono quasi assenti, rendendo piacevole lo spostamento. Molto soddisfacente la frenata, con il pedale del freno efficiente ma al tempo stesso delicato che garantisce un arresto rapido ma senza scossoni, in maniera graduale. Buono il cambio, come da tradizione nipponica! Una vettura insomma che non possiamo che promuovere a pieni voti, adatta a qualsiasi tipologia di clientela, soprattutto quella che non sia alla ricerca necessariamente di prestazioni estreme. Per sua sfortuna la Jazz é prodotta in Giappone con un cambio quindi sfavorevole che la porta sopra la media delle sue rivali che però offrono qualitá inferiore ma in tempi di guerra di prezzi la Honda Jazz parte sicuramente svantaggiata.

ARTICOLI CORRELATI