Mazda CX-5 2018, prova su strada: il 2.2 da 175CV con AWD [VIDEO]

Mazda CX-5 si rinnova, specialmente per quanto concerne interni e frontale. L'abbiamo messa alla prova su strada, fango e neve equipaggiata dal 2.2 Diesel Skyactiv con 175CV. Cambio automatico e trazione integrale completano la dotazione di una vettura pronta ad affrontare ogni insidia, anche la concorrenza.

Il segmento SUV e Crossover, non è un segreto, sta vivendo un periodo di forte espansione. Mentre le tecnologie cambiano ed il mercato si amplia in cerca di novità, costruttori come Mazda ricercano l’esclusività e alternative valide alle più conosciute e inflazionate tedesche.

La nostra prova della Mazda CX-5 2018, equipaggiata dal quattro cilindri in linea da 2,2 litri Diesel Skyactiv con 175CV e trazione integrale ha messo in luce pregi e difetti di un progetto maturo, solido e singolare. Più di qualcuno se ne è accorto in quanto il CX-5, ora giunto alla seconda serie, conta già 400.000 clienti dalla prima versione presentata nel 2012.

Cominciamo col dire che la vettura in prova poteva contare sull’allestimento Exclusive, il più completo, con il quale è di serie il sistema i-Activesense (un pacchetto di ADAS) il che ha permesso l’assegnazione delle 5 stelle ai test EuroNCAP.  La fascia di prezzo, estremamente ampia a seconda di necessità e disponibilità economiche, parte dai 28.150€ e arriva agli oltre 40.000€ dell’esemplare testato.

Mazda CX-5 2018: il video test dei 175CV con AWD

Il Kodo Design

Il nome giapponese che identifica le linee della gamma Mazda si rifà in parte al mondo dell’epica fantasy ed in parte ad uno dei più noti gruppi, omonimi, di musica Taiko. Il Taiko è un grande tamburo, estremamente potente per vibrazioni e sonorità, che si utilizzava durante le cerimonie e per infondere coraggio ai guerrieri durante le battaglie.

La Mazda CX-5 si presenta subito come una vettura premium. Rispetto al passato a cambiare maggiormente è la linea del frontale, ora più pulita e affilata. Davvero caratteristico lo spazio che va a crearsi dove il gruppo ottico incontra la grande griglia centrale.

Mazda CX-5 2018, dimensioni

Le dimensioni, generose ma non eccessive, si attestano sui 4,550 metri in lunghezza, 1,840 metri in larghezza e 1,680 in altezza. Senza infamia e senza lode il bagagliaio, che parte dai 477 litri di carico e arriva a 1.620 con la complicità del divanetto posteriore abbassato.

Basta un’occhiata per intuire lo studio aerodinamico svolto per minimizzare i fruscii ad alte andature e limare per quanto possibile i consumi. Lateralmente la vettura mette in risalto una linea di cintura alta, quasi troppo, mentre gli pneumatici invernali sull’esemplare in prova sono stati equipaggiati su cerchi in lega da 19 pollici  a cinque razze sdoppiate.

Agli interni troviamo spazi generosi -tre adulti siedono comodi sulla fila posteriore- e un ambiente arioso, anche grazie al tettuccio panoramico ed apribile e agli interni in pelle bianca. Qualche finitura potrebbe essere migliorabile, certo, ma nel complesso la sensazione è quella di essere alla guida di un veicolo di fascia alta. La plancia è ben organizzata, pensata nei dettagli e semplice da digerire.

Non ci sono infatti una miriade di piccoli comandi nascosti o ammassati, ma una disposizione (cosa non così scontata) fatta per gli esseri umani. Il punto di arrivo di Mazda infatti, tanto per questa CX-5 quanto per il resto della gamma, resta la sinergia tra guidatore e vettura. Parole che suonano tanto come triennale in marketing e comunicazione ma che, a ben vedere, trovano riscontro nella tecnica, a cominciare dal G-Vectoring Control sviluppato dal reparto ingegneristico e continuando con la tecnologia Skyactiv del propulsore.

Mazda CX-5, il Motore Skyactiv

Mazda CX-5, il Design

La tecnologia Skyactiv si ripercuote anche sul design della vettura, appuntita e smussata al tempo stesso

La tecnologia impiegata da Mazda, da un paio d’anni a questa parte, prende il nome di Skyactiv. Lo è la trasmissione (Skyactiv Drive), l’aerodinamica e persino il motore. Andando con ordine, nel nostro caso ci troviamo davanti ad un buon cambio automatico, studiato per mescolare alla giusta maniera la fluidità in partenza dei cambi a convertitore di coppia e la rapidità di un buon manuale tramite l’utilizzo di una frizione.

Per quanto riguarda il motore, Mazda ha scelto di percorrere una strada poco battuta rivelatasi poi estremamente efficace. Il principale problema dei Diesel, in termini di rendimento, è l’elevato rapporto di compressione rispetto ai benzina.

Quindi gli ingegneri nipponici lo hanno abbassato drasticamente, portandolo a 14:1. Per evitare problemi di consumo e rendimento, oltre ad abbassare il peso delle unità Skyactiv rispetto ai Diesel tradizionali, Mazda ha lavorato con intelligenza. I motori Diesel a bassa compressione infatti non si utilizzano per diversi motivi.

Il primo è il lavoro a freddo (pensate ai motori di qualche anno fa) perché il propulsore fatica maggiormente ad entrare in temperatura. I giapponesi hanno risolto la cosa andando a rivedere gli iniettori, che ora lavorano ad una pressione maggiore. Successivamente, un sistema brevettato recupera i gas di scarico riportandoli in camera di combustione per portare in temperatura più velocemente i gas interni.

Altro importante accorgimento, studiato per non perdere la resa del motore (e quindi tenere d’occhio i consumi) è stato ampliare i tempi di combustione aumentando di conseguenza l’espansione.
Complessivamente si tratta di un’operazione piuttosto rilevante nel mondo dei Diesel, che ad oggi si presentano ben diversi dai “mostri d’inquinamento” raccontati dalle testate generaliste.

Mazda CX-5, la nostra prova su strada

Mazda CX-5 2018 - Interni

La fattura degli interni è ottima. Il display infotainment di tipo sospeso non è grandissimo, ma la navigazione Touchscreen è fluida e sul tunnel centrale c’è un Joystick per scorrere tra i menù

La Mazda CX-5 2018 ci accoglie da subito molto bene. La posizione di guida, regolabile elettronicamente, mette a proprio agio anche i piloti più alti. L’impugnatura del volante trasmette subito sicurezza e controllo, anche grazie alla posizione piuttosto rialzata. Una volta acceso il motore (c’è l’apposito pulsante, l’accesso infatti è di tipo keyless) ci accorgiamo della silenziosità della vettura, con il 2.2 a gasolio che comincia a farsi sentire maggiormente attorno ai 3.000 giri. Il propulsore della vettura in prova erga 175CV a @4.500 giri e 420Nm di coppia massima a 2.000 giri.

Davvero notevole l’accelerazione iniziale, tanto che verrebbe voglia di snocciolare le marce con i paddle, mentre l’assetto punta a convincere anche sul misto. Impossibile, per i tecnici Mazda, eliminare in maniera assoluta il rollio, che rimane però abbastanza contenuto anche ad alte andature. Probabilmente pneumatici invernali da 19″ e dalla spalla alta tolgono un pelo di sportività alla CX-5, restituendo però un’aderenza fondamentale nelle fredde giornate della prova.

La trazione integrale lavora come un gioiello, lascia andare l’auto solo il tempo necessario a farci spuntare il sorriso prima di recuperarla con autorità. Con la CX-5 abbiamo affrontato l’arrivo in redazione al mattino presto, quando il camion non era ancora passato a spargere il sale e la strada di collina era completamente innevata. Neve fresca e insidiosa che l’auto ha affrontato con una scioltezza insospettabile.

In città poi si comporta bene, le sue dimensioni sembrano ridursi e il ridotto raggio di sterzata aiuta anche nelle manovre più difficili. Avremmo preferito consumare qualcosina in meno, ma a CX-5 vanno date tutte le attenuanti del caso. È infatti difficile fare di meglio con vetture di pari segmento ed è facile consumare meno guidando un po’ più quieti. Difficile però, nel misto, salire sopra ai 12 chilometri di percorrenza con un litro di carburante.

Ad alte andature la CX-5 non tradisce le aspettative e dimostra un’ottima stabilità complessiva, infondendoci una grande sicurezza anche nelle burrascose trasferte autostradali dopo il classico pranzo con i parenti. A limare l’affaticamento infatti c’è anche l’Adaptive Cruise Control, davvero irrinunciabile se con la Mazda CX-5 volete vedere anche altre città oltre alla vostra.

In Conclusione

Mazda CX-5 2018, dettagli

La Mazda CX-5 è una vettura matura e completa. Viaggia in equilibrio, poiché riesce a tenere standard teutonici e a non presentarsi come giapponese dura e pura, conservando allo stesso tempo un carattere ben definito.

La Mazda CX-5 2018 è una vettura completa, spaziosa e diversa dalle solite proposte. Ci è piaciuto il suo comportamento, un ottimo compromesso tra prestazioni sportive e fruibilità nel quotidiano, oltre al fatto che le finiture della nostra Exclusive erano davvero ben curate. È anche vero che non è regalata , ma la qualità si paga. Per conoscere tutte le varianti disponibili  i relativi prezzi vi rimandiamo al nostro listino ufficiale che potete trovare a questo link. 

- Autore Article URL: https://www.infomotori.com/auto/mazda-cx-5-2018-prova-su-strada-il-2-2-da-175cv-con-awd-video_173535/

Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis