Mazda Vision Coupé 2018, la Concept dell’anno celebrata con l’arte

Mazda Vision Coupé ha vinto il premio per miglior concept dell'anno ed oggi, a Milano, è stata celebrata insieme all'arte della fotografia attraverso il progetto Breathing Life Into Things

Mazda ha sempre saputo, quantomeno in campo estetico, differenziarsi dalla massa ed emozionare gli appassionati. Linee aliene ai trend dominanti e tanta cura per i dettagli hanno reso le vetture del marchio giapponese veri e propri pezzi d’autore. A darne l’ennesima conferma è l’elezione della nuova Mazda Vision Coupé come concept dell’anno.

I designer nipponici hanno portato Kodo, concetto stilistico che richiama il Taiko -l’emozionante ed empatico tamburo da guerra giapponese- ad un livello più elevato. Le linee sono tese, affilate e curve e mai tondeggianti. Una sintesi davvero efficace di come va interpretato il mercato di oggi. Tutto ciò che non serve va rimosso, lasciando lunghe superfici completamente piatte, ma dove è necessaria una linea -per esempio al frontale, per introdurre gruppi ottici e griglia- la forma diventa brusca e tagliente.

E questo, a ben vedere, non è semplicemente appannaggio di Mazda. Semmai ai giapponesi va riconosciuto che l’interpretazione data è magistrale.

Per celebrare la Vision Coupé Mazda ha organizzato un evento a Milano, ai Caselli Daziari dell’Arco della Pace. Un incontro fra lo stile ricercato e identitario di Mazda e l’arte fotografica, che è stato espresso da 11 diversi autori internazionali. Le fotografie puntano a portare l’osservatore in uno stato di placida e onirica contemplazione, a perdersi. Una sensazione di piacevole smarrimento che viene suggerita anche dalla Vision Coupé, che dal nome stesso lascia intendere una bellezza sfuggente.

L’esposizione, che prende il nome di Breathing Life Into Things, ha visto tra i suoi protagonisti (in ordine alfabetico) Andrew Tarnawczyk, Ayako Sekine, Eponine Huang, Irvin Rivera, Ivo Sekulovski, Kay Ruhe, Marta Bevacqua, Minoru Tsukada, Natalia Samoilova, Nikola Lukić e Simone Steenberg.

La Mazda Vision Coupé non potrà fare altro che dettare il passo ai modelli che verranno in futuro. E non è escluso che Mazda riesca a tradurre questo modello in una vettura da produrre in serie e vendere al pubblico.

ARTICOLI CORRELATI