Prova Nissan Juke, Crossover Total Black con l’1.5 dCi da 110CV

Abbiamo provato la nuova Nissan Juke in allestimento Total Black equipaggiata dal dCi da 1,5 litri con 110CV e 240Nm di coppia massima. L'auto è agile, scattante e davvero ricca di personalità. Ecco la nostra prova completa di video

Nissan Juke è uno dei pionieri del mondo Crossover, ruolo che ha saldamente ricoperto dal 2010. Un restyling di metà carriera piuttosto sottile ha poi ridato all’auto le giuste credenziali per mantenere la vetta. Abbiamo provato la Nissan Juke in allestimento Total Black, equipaggiata dal valido e brillante 1,5 litri dCi da 110CV e 240Nm di coppia, caratterizzato da grande reattività e attenzione ai consumi.

Nel complesso la Nissan Juke potrebbe figurare nelle enciclopedie sotto la parola Crossover. La silhouette è compatta e rialzata: prende in prestito la linea di cintura di una coupé, infatti la porzione di finestratura è piuttosto ridotta se confrontata con i pannelli porta.

Il nome?  Si tratta di un termine Gullah, il popolo Afroamericano che abita il sud degli Stati Uniti (Georgia, South Carolina e Florida) che potrebbe riassumersi in “uscire, bere, divertirsi, stare con gli amici e ballare”. Rigorosamente tutto insieme. Avete presente il Juke Box? Era la scatola del divertimento, all’angolo di ogni bar. Ai piani alti del marketing Nissan erano alla ricerca di una parola che trasmettesse la sensazione di divertimento, spensieratezza e leggerezza. E, senza dubbio, l’hanno trovata.

Lo stile: un’icona pop

Nissan Juke Fiancata

Le proporzioni da Crossover di nissan Juke sono fuori discussione. L’auto presenta poi qualche accento da Coupé, con stilemi comuni alla sportivissima 370Z

La Nissan Juke presenta tre linee di gruppi ottici sui quali spiccano i caratteristici proiettori sul cofano, mentre a catturare lo sguardo c’è la griglia centrale con il logo incorniciato nella modanatura V-Motion. La griglia frontale è sottile ed elegante, mentre il paraurti segue una linea piuttosto aerodinamica.

La vista laterale evidenzia proporzioni contenute, pensate per rendere la Juke adatta alla vita in città. L’auto misura infatti una lunghezza di 4,135 metri per una larghezza di 1,765 m, mentre l’altezza si ferma a 1,565 metri. Per mantenere lo sbalzo posteriore ai minimi termini i tecnici giapponesi si sono concentrarti sul bagagliaio, che presenta una capacità di poco superiore ai 250 litri, 830 una volta abbattuto il divanetto posteriore. Non moltissimi, ma la praticità non manca.

Interessante infatti la possibilità di gestire il vano di carico a seconda delle esigenze: è possibile infatti rimuovere un pannello che appiattisce il vano bagagli e recuperare una manciata di centimetri in profondità per le trasferte più impegnative.

Tornando allo stile, il posteriore si rende subito riconoscibile per la caratteristica linea dei gruppi ottici -simili in qualche modo a quelli all’anteriore- e per la forma tondeggiante su cui spiccano piccoli tocchi di sportività, quali uno spoiler integrato ed un voluminoso scarico cromato. Nella nostra Total Black fanno poi la loro comparsa cerchi in lega da 17 pollici in grigio antracite, dalla vocazione sportiva e di assoluto impatto estetico.

La conformazione degli interni semplifica la vita a bordo. I comandi al volante permettono l’interazione audio con l’infotainment e un piccolo display ci mostra interessanti statistiche sulla guida. Dedicate, però, al passeggero:se guidassimo tenendo d’occhio il quadrante, collocato nella parte inferiore della console centrale, rischieremmo qualcosa di troppo. Ad ogni modo le finiture in plastica ci fanno ricordare che la Juke non è -e soprattutto non vuole essere- un veicolo premium. Chi siede davanti (che sia alla guida o meno) viene accolto da ampi spazi, mentre al posteriore due adulti e un bambino viaggiano piuttosto stretti.

Versioni e allestimenti per la Nissan Juke

Nissan Juke offre un ottimo compromesso tra dimensioni contenute e guida rialzata, due caratteristiche spesso difficili da conciliare.

La Nissan Juke ha un prezzo di partenza di 16.990€ nella sua versione Visia con motore da 94CV. Da notare, inoltre, che Nissan propone fino a 4.200€ di incentivi per chi sceglie un’auto nuova del marchio. Ad ogni modo per un allestimento piuttosto completo potete orientarvi sulle versioni Acenta, che parte da un prezzo di 20.060€. Infine rimane da segnalare l’edizione limitata Bose Personal Edition, da 24.320€, con impianto audio dedicato.

Per conoscere meglio tutti i dettagli sulle versioni e gli allestimenti vi rimandiamo al nostro listino sempre aggiornato. Interessante, oltre ai canonici motori a benzina e Diesel, la possibilità di equipaggiare la propria Nissan Juke con l’1.6 litri da 117CV a GPL che viene venduto allo stesso prezzo del dCi.

La nostra prova su strada

Una volta a bordo la Nissan Juke spiega parte del suo successo: la seduta alta e gli ingombri contenuti aiutano nelle manovre e, più in generale, nel controllo del mezzo. il volante è regolabile solamente in altezza, ma sistemando con cura il sedile si riesce ad ottenere comunque una posizione ottimale. Il motore -d’altronde parliamo di un Diesel- non è silenziosissimo quando gira in folle, ma col salire dei giri il suono si attutisce.

Ciò che sorprende sin dai primi chilometri è la rigidità complessiva della vettura, che pur essendo più alta di una compatta standard riesce a minimizzare il rollio e a rendere la guida sicura e senza sorprese anche ad alte andature. Il tutto, ovviamente, senza penalizzare il comfort di bordo: buche e crepe dell’asfalto vengono digerite con disinvoltura.

Piuttosto singolare poi la reazione di freno ed acceleratore, in quanto in entrambi i casi ci si trova davanti ad una risposta realmente immediata. La corsa dei pedali infatti è corta e spingendo  si ottiene subito una risposta vigorosa, che una volta presa confidenza rende la guida davvero spensierata.

Per certi versi, pur non avendo a disposizione un cambio automatico, sembra di essere alla guida di un go-kart a 5 posti. I 110CV di potenza vengono sfruttati bene dall’auto, che non teme ripartenze e accelerazioni in fase di sorpasso. Davvero ottimo, infine, il cambio manuale, preciso negli innesti e morbido da azionare.

Lo sterzo si conferma, come da tradizione Nissan, ben bilanciato. La strumentazione è semplice e facile da leggere mentre sotto al tunnel centrale troviamo un piccolo display che permette di inserire le modalità di guida Eco, Normal e Sport. In quest’ultima è anche possibile controllare i valori di accelerazione di gravità (forza g), anche se a onor del vero si rischia qualche distrazione di troppo. Di contro la telecamera di parcheggio con visuale a 360° e sensori di prossimità offre un grande aiuto durante i famigerati parcheggi ad esse. Davvero un’ottima sorpresa i consumi, che si avvicinano ai 20Km/l nel ciclo misto in questa versione a gasolio. Che, a meno che percorriate chilometraggi minimi, è quella che ci sentiamo di consigliare.

In Conclusione

Nissan Juke 2018

Nissan Juke mette in mostra, un poco alla volta, le qualità capaci di trasformare un’auto in un successo commerciale: linea ricercata, dimensioni contenute e guida sempre prevedibile restituiscono al cliente un prodotto completo. Non c’è da stupirsi che recentemente Nissan ha fatto uscire dalle linee di produzione il milionesimo esemplare di questo modello. Un prezzo competitivo e una buona tenuta sul mercato dell’usato fanno il resto. Magari gli assemblaggi non sono troppo ricercati e la compattezza così utile in città sacrifica un po’ di abitabilità posteriore: poco male, perché tutto quello che deve fare questa Juke lo fa alla grande.

ARTICOLI CORRELATI