USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Prova nuovo Honda CR-V: il SUV compatto re dei consumi

Honda C-RV propone una formula giusta dalle linee slanciate e dagli interni spaziosi, pronta a strizzare l’occhio alle famiglie. I consumi? 20 km/l in città non sono un miraggio

Honda CR-V viene presentata per la prima volta al mercato nel 1995 e da allora ha venduto circa 10 milioni di unità in tutto il pianeta. L’idea iniziale è stata quella di creare un’auto robusta, principalmente dedicata al mondo delle famiglie e che fosse in grado di coniugare spazio a bordo e praticità nell’uso quotidiano. Da quell’anno è passato molto tempo, il mercato strizza ancora l’occhio ai SUV ma certo guarda al mondo delle emissioni in atmosfera ed ai consumi e di conseguenza Honda si è adattata.

Oggi la formula CR-V, in questa quinta generazione, non è cambiata di molto in termini di funzionalità ed estetica ma aggiunge una componente fondamentale ovvero il sistema ibrido che consente a questo SUV giapponese di maturare valori di consumo molto interessanti, specie nell’ambito cittadino, il tutto nonostante dimensioni importanti (4.600 mm lunghezza x 1.855 mm larghezza x 1.679-1.689 mm altezza).

In primis va detto che Honda ha sposato la filosofia di altri costruttori di non sviluppare modelli CR-V con propulsore alimentato a gasolio. La scelta è molto contemporanea e si sposa appieno con le filosofie ambientaliste tanto di moda ai giorni nostri. Il vero problema è che lo sviluppo dei nuovi motori diesel è complesso e richiede sforzi enormi e costi inimmaginabili e forse Honda ha colto la palla al balzo per liberarsi di un problema seguendo un trend di sicuro effetto.

Estetica degli esterni di Honda CR-V

Dal punto di vista estetico non ci sono particolari differenze rispetto ai modelli del passato e in generale si nota uno stile in continuità con le quattro versioni realizzate fino ad ora e che hanno conquistato oltre 60.000 clienti in tutta Italia. L’anteriore è dominato dalla calandra e dal grande logo del costruttore e i fari a LED, che sono di serie, hanno una dimensione molto importante. Lo stile è volutamente “giapponese”: molto muscoloso e deciso e sempre fedele alle altre vetture presenti a catalogo. La fiancata vede come protagonista il passo, che in questa quinta generazione è aumentato di 30 millimetri per consentire una maggiore abitabilità a bordo.Nel posteriore i grandi fari dal look “svedese” fanno da contorno alla barra cromata della stessa larghezza del portellone e allo spoiler.

Gli interni di Honda CR-V

Comodi, spaziosi, funzionali e predisposti tanto ad un uso cittadino quanto a trasferte fuori porta grazie ad una capacità di carico che parte da 497 litri (60 in meno rispetto alla versione senza batterie) e che può arrivare a 1.694 litri con i sedili abbattuti. Cinque passeggeri possono trovare posto comodamente grazie anche al passo maggiorato di 30 mm e in generale il feedback è ottimo grazie all’impiego di materiali morbidi al tatto.

In termini di tecnologia il costruttore giapponese è attento al cambiamento e inserisce in questo SUV tutto ciò che ritiene sia necessario ad una vettura contemporanea. Alla guida si interagisce con un pannello strumenti da 7 pollici che contiene le principali informazioni riguardanti la marcia ed il veicolo. Il sistema risulta molto strutturato e la curva di apprendimento è piuttosto ripida (il voltante multifunzione conta ben 22 pulsanti!) anche se dopo qualche giorno di utilizzo ci si prende la mano.

Il sistema di infotainment è forse l’elemento che stona maggiorente con il contesto della vettura in quanto appare molto tecnico e poco predisposto ad un suo utilizzo da parte di persone poco avvezze all’uso della tecnologia. Per fortuna a semplificare le cose ci pensa la piena compatibilità con Android Auto ed Apple Car Play che permette di ammorbidire un’interfaccia utente a volte difficile da interpretare.
Il tunnel centrale non presenta una leva del cambio in quanto ci sono solo ed esclusivamente i pulsanti P R N D che corrispondono a Parking (parcheggio), Reverse (retro), Neutal (folle) e Drive (marcia).

Alla guida il grande piacere dell’ibrido

In questa versione Hybrid trova posto sotto il cofano un propulsore 2.0 benzina aspirato a ciclo Atkinson che sviluppa 145 CV e il sistema viene sostenuto da ben due motori elettrici dalla potenza combinata di 184 CV per una coppia di 315 Nm.

Il sistema ibrido i-MMD montato su questo Honda CR-V ha un comportamento diverso da quello montato su altre vetture ibride in quanto a seconda del contesto il motore può essere impiegato per produrre energia elettrica che poi verrà successivamente utilizzata per spingere la vettura. Tutto dipende dalla modalità di guida scelta dal conducente.

Nella modalità a bassi consumi energetici e fino ad 80 km/h quando la richiesta di potenza è bassa il motore termico funge da generatore e non è direttamente collegato alle ruote. Questo fa sì che la sensazione di guida sia più simile a quella di un’auto elettrica proprio perché la spinta viene data dai due motori elettrici ed il motore termico resta a giri bassi. Si pensi che secondo i calcoli effettuati da enti indipendenti è stato dimostrato che Honda CR-V Hybrid è in grado di viaggiare in modalità elettrica per l’82% del tempo.

Alternativamente, nella modalità Engine Drive, si chiude una frizione e il motore viene direttamente collegato alle ruote come nelle auto ibride più tradizionali. In questa modalità si hanno chiaramente prestazioni migliori, andando però a sacrificare quello che è il comfort di guida e la silenziosità in quanto la trasmissione e-CVT tende ad essere rumorosa nonostante un sistema attivo di cancellazione del rumore di cui parleremo dopo.

Il sistema ibrido è ulteriormente configurabile attraverso i paddles posti dietro il volante che qui, al posto di cambiare marcia, cambiano l’intensità della frenata rigenerativa, in modo da far scegliere al conducente quanto freno motore avere e di conseguenza quanta energia riportare all’interno delle batterie.

In definitiva quanto consuma?

Come sempre dipende dallo stile di guida ma nella vita reale si possono raggiungere consumi di quasi 19km/l in città dove la tecnologia ibrida riesce senza dubbio a lavorare al massimo della sua efficienza e in una media in ciclo combinato di 15,2km/l che è sicuramente molto soddisfacente pensando a peso e stazza di questa vettura.

I sistemi di ausilio alla guida

Per quanto riguarda gli ADAS, ovvero i sistemi di ausilio alla guida, possiamo citare tra i tanti il Cruise Control Adattivo con mantenimento attivo della corsia (corregge attivamente la traiettoria per alcuni secondi prima di richiedere l’intervento del conducente), la frenata automatica d’emergenza e l’assistente dell’angolo cieco oltre chiaramente ai sensori di parcheggio anteriori e posteriori e alla telecamera per la retromarcia che è fondamentale per far manovra con un’auto di queste dimensioni.

Sempre in tema di tecnologia torniamo brevemente sul sistema di infotainment che è forse il tallone d’Achille della vettura in quanto è oggettivamente molto complesso. Di sicuro un vero piacere per i più smanettoni ma meno per gli utenti meno pratici di tecnologia.

Il problema è però facilmente risolvibile grazie alla presenza di Android Auto ed Apple Car Play disponibili di serie a partire dall’allestimento Elegance (il secondo più economico).

Da menzionare all’interno del bracciolo la presenza di una porta HDMI che permette di collegare lettori esterni per poter guardare film e video direttamente sullo schermo centrale, anche se chiaramente solo a vettura ferma.

Infine, parlando di tecnologia, va ricordato il fatto che Honda ha sviluppato un sistema di cancellazione attiva dei rumori che grazie ad una serie di microfoni posti all’esterno della vettura analizza i rumori ambientali ed emette un’onda sonora contrapposta direttamente dagli altoparlanti dello stereo, rendendo quindi di fatto la vettura più insonorizzata a qualsiasi velocità.

Honda CRV Hybrid parte da 33.900€ per l’allestimento Comfort e come spesso accade nel listino non sono presenti molti optional, ma veri e propri pacchetti che vanno a differenziare i 4 allestimenti fino ad arrivare al top di gamma Executive che arriva a 45.750€.

Se un’auto diesel non fa più per voi, ma avete comunque bisogno di tanto spazio per 5 persone, oltre ad un bagagliaio decisamente spazioso e non volete svuotarvi il portafoglio quando andate a fare benzina, questa Honda CR-V fa senza dubbio al caso vostro.

SPECIALE
TUTTO SU Honda CR-V
Video più visti
RUOTE IN RETE