Prova su strada Volvo V60: l’usato garantito Volvo Selekt

Abbiamo provato la nuova Volvo V60 con il programma di usato garantito Volvo Selekt. Il sistema che, sostanzialmente, permette di avere un’auto pressoché nuova al prezzo di un usato. La nostra V 60 era equipaggiata da un quattro cilindri da 1,6 litri e 115 cavalli in allestimento business con trazione anteriore. Ecco come va

Il marchio svedese è conosciuto in tutto il mondo per diversi parametri che, negli anni, si sono evoluti senza perdersi. Uno di questi è di certo la sicurezza: Volvo infatti, anche se non tutti lo sanno, progettò la prima cintura per auto. Lo fece senza brevettarla, mettendo l’idea a disposizione di tutti i produttori. Erano gli anni Sessanta, inutile dire che da quel momento non si sono certo fermati. Altro fiore all’occhiello della casa scandinava è una scelta accurata dei materiali. Bene, se aggiungiamo la tradizione in fatto di station wagon, ecco che il programma di usato garantito Volvo, da sempre un punto di riferimento per chi cerca spazio ed abitabilità, diventa parecchio interessante.

L’usato garantito è una proposta che ormai tutti i marchi premium adottano, e gli svedesi con il Volvo Selekt non sono da meno. Sicurezza, qualità costruttiva ed auto fatte per durare sono un buon punto d’inizio. Noi abbiamo provato la Volvo V60 dopo che i tecnici della casa hanno effettuato un centinaio di controlli per poi ripeterli una seconda volta.
Inutile dire che l’auto si è rivelata impeccabile sia per quanto riguarda gli interni che gli esterni, ed è per questo abbiamo anche realizzato un video -lo trovate in calce all’articolo- che rende l’idea meglio di molte parole o foto.

La nostra Volvo V60: prova su strada

La nostra Volvo V60 è equipaggiata dal quattro cilindri Diesel da 1,6 litri, con 116CV e trazione anteriore. L’allestimento scelto è invece il Business, che comprende navigatore, sensori i parcheggio, Cruise Control e comandi al volante.

Come è fatta la Volvo V60

La Volvo V60 si presenta come una vettura adulta, completa se vogliamo: la solidità percepita è notevole, mentre le linee dimostrano che una wagon non è per forza un’auto noiosa: ci piace soprattutto il posteriore, con un gioco di linee che ritroviamo un po’ su tutta la gamma ma che su questa V60 in particolare riescono davvero a piacere.
Lateralmente poi, la Volvo V60 offre una buona soluzione di continuità a quella che dev’essere, per forza di cose, un’auto lunga. I 463cm di lunghezza sono quindi difficili da percepire ad occhio nudo, mentre la larghezza è di 187cm e l’altezza di 148.

Discorso differente per il bagagliaio, grande ma non esagerato, che con una base di 430 litri può raggiungere i 1241 con l’abbattimento dei sedili. Gli interni sono rigorosi, e tutto ciò che serve lo si può trovare facilmente. Il navigatore si imposta attraverso i comandi nel tunnel centrale, mentre l’avviamento keyless permette di estrarre la chiave anche in marcia. Davvero apprezzabile lo spazio a bordo, che rende l’abitacolo arioso anche se si è seduti dietro. Proprio per i passeggeri c’è un trattamento riservato: il montante B include una bocchetta dell’aria, così come la fine del tunnel centrale -con annesse regolazioni- in modo da offrire un buon comfort a tutti e cinque i passeggeri.

Come va la Volvo V60

Cominciamo a dire che la seduta è veramente comoda e che, mentre accendiamo il motore, la sensazione di guidare un Diesel è piuttosto nascosta. Il quattro cilindri infatti non è per nulla rumoroso, e scorre fluido da subito anche grazie al cambio manuale a sei rapporti con cui è equipaggiata la nostra Volvo V60.

Da subito riusciamo a notare l’immediatezza degli innesti, sempre precisi, che combinati ad una corsa della frizione non troppo lunga permettono di guidare spostando la V60 in un fazzoletto. Forse è questo il maggior pregio dell’auto, che maschera le sue dimensioni tanto all’esterno quanto alla guida. A questa sensazione contribuisce di certo lo sterzo, piuttosto leggero, che offre una manovrabilità di prima classe.

La cosa in sé potrebbe rivelarsi come un limite nel momento in cui si cerca una guida più sportiva -o semplicemente alle alte velocità- ma non è così. Le sospensioni della Volvo V60 permettono di viaggiare sempre ben piantati a terra, complice anche il peso non proprio ridotto all’osso ed un baricentro relativamente basso. Stupiscono i consumi, infatti siamo intorno ai 14 chilometri percorsi con un litro di gasolio, il tutto senza guidare particolarmente attenti. Nelle strade di montagna, con tre passeggeri ed il bagagliaio mediamente carico, l’auto si comporta più che bene: mettere in crisi il comparti telaistico è davvero difficile, perché lavora bene in ogni situazione. Anche la tenuta è elevata, nonostante il giorno in cui abbiamo provato la Volvo V60 l’asfalto fosse umido e scivoloso.

Quello che manca alla nostra auto, che ricordiamo fa parte del pacchetto usati garantiti Volvo Selekt, è forse un po’ di tecnologia in più a bordo: si sente la mancanza di un largo display touchscreen, che però è già presente sulle vetture nuove.

In conclusione, l’usato Volvo Selekt rimane una garanzia di alto livello, permettendo a chi guida di sentirsi sicuro e con un prodotto il quale, paradossalmente, supera le auto nuove in quanto a controlli di sicurezza.

Guardate il video:

 

ARTICOLI CORRELATI