Renault Scenic Xmod Cross long test drive

Provata su strada la nuova Renault Scenic Xmod Cross Energy 1.5 dCi 110 CV, crossover polivalente che strizza l'occhio al fuoristrada. Prezzi di listino a partire da 26.000 euro anche se la versione da noi testata, con impianto Bose, sedili in rivestimenti interni esclusivi e altri optional, sfiora i 30mila euro

La Renault Scenic è una monovolume di impostazione classica anche se la versione che abbiamo avuto modo di provare per alcune settimane, la Renault Scenic Xmod Cross Energy 1.5 dCi 110 CV, strizza l’occhio al mondo dei fuoristrada. Con un prezzo di listino che parte da poco più di 26.000 euro (ma si può arrivare a 30mila con optional quali l’impianto Bose, il tetto panoramico ed i sedili in rivestimenti interni esclusivi), la Scenic Xmod Cross Energy mantiene l’impostazione da monovolume e di conseguenza la sua praticità di utilizzo e di comfort. Tutto questo con la possibilità di essere utilizzata anche su strade e percorsi meno battuti, ad esempio per una gita in montagna o in campagna. L’inedito sistema Extended Grip si rivela utilissimo per ottimizzare la motricità su fondi quali neve e fango. Partiamo subito con il dire che il riscontro per quanto riguarda i consumi è stato molto soddisfacente: 4,5 l/100 km nei tratti extraurbani e 5,4 l/100 km nei percorsi cittadini o misti. Un risultato possibile guidando in maniera oculata, ma è indubbio che la Renault Scenic Xmod Cross Energy 1.5 dCi 110 CV non sia troppo assetata.

Esteticamente la 5 posti francese
in versione Cross Energy si distingue dalle altre Scenic per le barre longitudinali poste sul tetto, per gli inediti cerchi in lega da 16 pollici e per il fascione scuro che percorre tutta la parte inferiore della vettura. sempre lateralmente troviamo la scritta “Cross”, che ci fa capire le intenzioni offroad di questa francese. Il carattere della Scenic Xmod Cross è deciso e generalmente ben riuscito e moderno. Internamente invece la Renault Scenic Xmod Cross Energy 1.5 dCi 110 CV è caratterizzata da un abitacolo davvero molto comodo e perfetto per la famiglia e per viaggi in compagnia (anche per persone non minute). Il tetto è molto alto e la luminosità è ottima, con il parabrezza anteriore estremamente ampio che impone, nelle giornate di sole, l’utilizzo delle alette parasole a causa della sua inclinazione. Posteriormente i tre sedili in rivestimenti interni esclusivi e pelle sono regolabili e ribaltabili anche separatamente, dimostrando uno spirito versatile. Il bagagliaio è capiente e la soglia di carico bassa, con l’enorme portellone posteriore che necessita di parecchio spazio per aprirsi.

La strumentazione è digitale e ben leggibile, anche ne non può essere personalizzata né nei colori né nella grafica. Anche la zona del guidatore è ben progettata ed elementi come la plancia, in gomma morbida, ed i pannelli porta sono quasi da premium. I sedili sono accoglienti e l’rivestimenti interni esclusivi da loro quel tocco in più, ma anche la regolazione elettrica è davvero molto utile. L’infotainment di bordo, grazie al Pack R-Link opzionale, sfrutta l’ottimo sistema R-Link che risulta evoluto e ricco di funzioni. Su strada le impressioni sono state davvero molto buone, anche se avremmo apprezzato un carattere più grintoso in certe situazioni. Abbiamo notato una piacevole sensazione di molleggio, molto utile sulle strade dissestate e nel fuoristrada leggero. Ciò che abbiamo maggiormente apprezzato sulla Scenic Xmod Cross è l’assetto turistico, da stradista comoda, che offre l’effetto “tappeto volante” e fa diventare le buche della strada soltanto un ricordo. Un appunto da fare alla Xmod Cross potrebbe essere la rumorosità, forse migliorabile ma nel complesso più che accettabile.

Su strada si apprezza la posizione di guida rialzata ed il comfort tipico delle francesi ed in particolare delle loro monovolume ricordando che Renault Espace compie quest’anno i suoi primi 30 anni…

Funzionale il posto guida con una strumentazione completa e con tutti i comandi facilmente raggiungibili. Più che le prestazioni sulle monovolume contano lo spazio e la modularità e su questo versante la Scenic non teme rivali offrendo al contempo anche un buon comportamento stradale che non penalizza i consumi, sempre molto contenuti. Lo sterzo privilegia la morbidezza, al pari dell’assetto con un cambio impostato per ridurre i consumi senza mettere a disagio in caso di sorpassi con una frenata sicura. La visibilità è al top al pari della luminosità con ampio spazio sia per le persone che per gli oggetti con mille vani portaoggetti dove riporre tutte le cose che amate avere a portata di …auto!

Giudizio quindi positivo per questa vettura che continua ad avere un buon seguito e sicuramente la versione Cross guadagna quel pizzico di sportività che non guasta!

 

ARTICOLI CORRELATI