USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Stellantis conferma i B-SUV Fiat e Jeep… ma non quello Alfa Romeo (per ora)

Il futuro dello stabilimento polacco di Tychy parla di due SUV compatti a marchio Fiat e Jeep, con la tanto attesa Alfa Romeo Brennero invece ancora in stand-by per l'approvazione da parte della dirigenza Stellantis

Dopo essere nato ufficialmente all’inizio dell’anno, il nuovo Gruppo Stellantis ha subito ribadito qual è il suo obiettivo per la fine del 2021: avere 40 veicoli elettrificati tra i marchi Citroen, DS, Fiat, Jeep, Opel e Peugeot. Un’ambizione sicuramente importante quanto il futuro dello stabilimento di Tychy in Polonia, attualmente impiegato per la produzione della 500 e della Lancia Ypsilon ma che presto virerà verso una linea di progettazione… a più elevata altezza da terra.

In questi giorni, infatti, sembra che Stellantis abbia dato il via libera ufficiale per la produzione di due nuovi SUV compatti di categoria B, rispettivamente a marchio Jeep e Fiat e basati sulla famosa piattaforma CMP ex-PSA utilizzata, per esempio, sulla DS3 e sulla Peugeot 2008. Entrando nello specifico stiamo parlando del mini-SUV di derivazione Mokka (codice di progetto 516) e della vociferata Punto in versione Cross (codice di progetto 364), ancora oggi avvolta nel mistero ma che scommettiamo farà parlare di sè molto presto.

Fiat B-SUV 2023

Quando? Le date stabilite da Carlos Tavares, amministratore delegato del nuovo Gruppo automobilistico, prevedono la nascita del piccolo (e inedito) crossover del Lingotto per il mese di aprile 2023 con motorizzazioni endotermiche a benzina, seguite a maggio da quelle full-electric e a febbraio 2024 dalle ibride di tipo “mild-hybrid”. Per quanto riguarda la Jeep, invece, sul calendario è stato segnato il mese di novembre 2022 per l’entrata in produzione del benzina, di febbraio 2023 per la versione elettrica e di gennaio 2024 nel caso della variante ibrida.

In questo cronoprogramma, tuttavia, manca un tassello fondamentale che risponde al nome di Alfa Romeo Brennero: il codice di progetto 966, previsto per l’ottobre del 2023 in versione “Electric” (non più a gennaio quindi…) e per il mese di luglio 2024 in quella mild-hybrid al fianco di una secondo modello a batterie con trazione integrale, deve ancora essere sottoposto all’approvazione della dirigenza Stellantis. Il motivo? Non è del tutto chiaro in realtà e potrebbe essere legato alle scelte specifiche sulle powertrain oppure sulla piattaforma che le ospita. In ogni caso le date riportate sono da prendere con le pinze perchè tutto, nel frattempo, potrebbe cambiare. Aspettiamoci aggiornamenti…

Alfa Romeo Brennero SUV 2022

TUTTO SU Jeep
Articoli più letti
RUOTE IN RETE