USATA
cerca auto nuove
NUOVA
SPECIALE

[VIDEO] Il test della nuova BMW X6 2020 sulla neve di Livigno

Siamo stati a Livigno, dove abbiamo avuto un primo contatto con la nuova BMW X6: in principio c’erano i SUV e oggi invece ci sono i SAC (Sports Activity Coupé), vetture a cavallo tra il SUV ed il coupé.

La terza generazione di BMW X6 arriva sul mercato con forme da vera sportiva e dimensioni da SUV: la nuova generazione guadagna 26 mm di lunghezza rispetto al modello che sostituisce e 15 mm in larghezza ma è più bassa di 6 mm. Il passo è stato allungato di 42 mm ed arriva oggi a sfiorare i 3 m di lunghezza.

Dal punto di vista estetico all’anteriore domina la scena il doppio rene che è la caratteristica ormai immancabile del costruttore tedesco. L’elemento estetico funge da presa d’aria ed al suo interno ospita delle ali attive che si aprono e si chiudono in funzione delle eventuali necessità di aerazione del motore (tipicamente a motore spento queste ali restano chiuse mentre quando il motore è in moto oppure quando ha necessità di respirare queste vengono aperte). La prima novità è che questo doppio rene, per la prima volta nella storia, è anche disponibile con un sistema di illuminazione a LED che si attiva all’apertura dell’autovettura ma che può essere acceso o spento anche manualmente.

Il sistema di illuminazione è pronto ad ospitare i fari laser che sono in grado di illuminare la strada fino a 500 m di distanza ottimizzando la funzione di anti-abbagliamento degli abbaglianti. Il gadget è sicuramente costoso ma ne giova molto la sicurezza tanto di chi guida quanto delle persone sulla strada. La fiancata è quella di un coupé, ben definita e filante ed i cerchi, che partono da 19 pollici, possono arrivare fino a 22 pollici. Il posteriore nelle versioni più aggressive ospita un estrattore di aria.

Gli interni sono caratterizzati indubbiamente da lusso ed eleganza ma gli elementi che richiamano maggiormente l’attenzione sono i due importanti display da 12,3 pollici che proiettano tutte le informazioni riguardanti la strada, la vettura e che ospitano il sistema di infotainment. La nuova BMW X6 è inoltre equipaggiata con il nuovo assistente personale “BMW Intelligent Personal Assistant” che risponde al saluto “Ciao BMW” (personalizzabile) e che viene spiegato dettagliatamente nel momento in cui viene consegnata la vettura.

Motorizzazioni

BMW X6 Test nella Neve

BMW, a differenza di tanti altri costruttori, non rinuncia affatto alle motorizzazioni diesel che continua a proporre nell’ambito della propria gamma. Sin dal lancio ci sono due unità benzina e due varianti di diesel di ultima generazione. La vettura più performante, M50i, è un potente benzina V8 da 530 cavalli ma si può optare per BMW X6 xDrive40i che ha sei cilindri e eroga 340 CV.

Per quanto riguarda le motorizzazioni a gasolio la nuova BMW X6 M50d vanta un propulsore sei cilindri in linea da 400 CV e ben quattro turbocompressori mentre se si vuole qualcosa di più pacato si può optare per la versione BMW X6 xDrive30d dotata del più pacato motore diesel sei cilindri in linea da 265 CV.

Tutte le motorizzazioni diesel soddisfano lo standard EURO6D-Temp

BMW X6 2020 Posteriore

Tutti i nuovi modelli di BMW X6 sono dotati di serie di una trasmissione Steptronic ad otto rapporti che lavora magistralmente con il sistema xDrive che è in grado di distribuire con precisione e velocità la coppia motrice tra ruote anteriori e posteriori in funzione delle diverse condizioni di guida.

Parlando dell’esperienza di guida è difficile esprimere un’opinione nell’ambito di una prova avvenuta su fondo innevato: la prudenza in questi casi non è mai abbastanza anche perché un attimo di disattenzione può portare a conseguenze non da poco.

Ci pensa però xDrive ovvero la trazione integrale di BMW che tiene tutto sotto controllo nel preciso istante in cui si verifica: sottosterzo, sovrasterzo o perdite di contatto sul fondo non rappresentano un grande problema proprio perché i tempi di reazione dell’elettronica sono pressoché immediati e la coppia viene distribuita automaticamente in funzione delle necessità e della situazione di guida (tanto che in situazioni estreme tutta la forza motrice può essere trasmessa ad un solo asse). Al conducente viene lasciato il piacere di guida di una vettura sicuramente generosa in termini di dimensioni ma che comunque si fa guidare bene anche nelle motorizzazioni meno pompate.

Nelle situazioni di discesa la trazione integrale lavora poi insieme al sistema Hill Descend Control che mantiene automaticamente la velocità ottimale sulle pendenze più importanti lasciando quindi al conducente il piacere di guida in tutta sicurezza e permettendo l’elettronica di gestire la frenata su ogni singola ruota.

BMW Driving Experience: le novità della stagione 2020

BMW Driving Experience 2020

BMW è da sempre attiva nell’ambito della sicurezza stradale e dal 2009 ad oggi sono stati diversi migliaia i corsi offerti a titolo gratuito dalla rete di concessionari BMW. Oltre alle tappe di Vallelunga, Adria, Monza e Misano c’è oggi una grande novità rappresentata dalla possibilità di guidare su ghiaccio e neve.

Il primo contatto con la nuova BMW X6 ci ha portato a Livigno dove abbiamo potuto mettere alla prova la trazione xDrive e dove abbiamo avuto modo di entrare in contatto con gli istruttori di BMW Driving Experience che quest’anno, nell’ambito del programma formativo rivolto ai clienti, propongono anche un corso di guida all’interno del ghiacciodromo di Livigno. Il corso di guida sicura avanzata ghiaccio e neve è proprio la principale novità di questa stagione si svolge in una delle strutture più famose d’Italia ma soprattutto in una delle più importanti piste di neve e ghiaccio sul territorio italiano.

Questo corso è l’ideale per apprendere le tecniche di guida sicura su fondi a bassa aderenza ed inoltre si presta come il palcoscenico perfetto per comprendere i principi di funzionamento della trazione integrale M xDrive. Il corso è molto strutturato e prevede prove con diverse vetture (tra cui BMW M2 Competition e BMW M135i xDrive) quali ad esempio esercitazioni di slalom, frenata, sottosterzo e sovrasterzo oltre a numerose attività. Questo tipo di corso prevede la partecipazione massima di 60 allievi suddivisi in due turni da 30 persone.