USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Benzina e Diesel: prezzi finalmente in ribasso

Dopo mesi di rialzi il rifornimento è leggermente meno costoso. Non vale lo stesso discorso per il Gpl il cui valore è salito

Piccole ma buone notizie per automobilisti, motociclisti e per tutti coloro che fanno della mobilità il proprio mestiere: dopo settimane di incessanti rialza, i prezzi di benzina e  diesel hanno fatto segnare un leggero passo indietro.

Carburanti: l’andamento del mercato

Tra gli aspetti che maggiormente stanno condizionando l’economia mondiale in questo periodo c’è stata l’impennata delle risorse energetiche. Il Brent europeo tra novembre 2020 e lo stesso mese del 2021 è passato da 44 a 82 dollari al barile, in linea col Wti americano, che ha fatto segnare un passaggio da 41 a 81 dollari. Il rincaro del gas naturale è stato ancora più eclatante, passando da 58 a 217 euro per ogni MWh. Ora, questi valori hanno fatto segnare un leggero calo.
Diciamolo, subito, nulla di eclatante e le tariffe sono ben lontane dai minimi storici registrati a inizio pandemia, ma il segno meno è comunque comparso dopo settimane di incessanti rialzo. Secondo quanto riferito da Quotidiano Energia, il prezzo medio praticato per la benzina verde è di 1,889 euro/litro, con i gestori tradizionali che praticano prezzi medi tra 1,828 e 1,960 euro/litro, mentre le pompe bianche no logo 1,788.

Per quanto riguarda il Diesel, la media è 1,761 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie che praticano prezzi medi compresi tra 1,699 e 1,827 euro/litro e le pompe bianche 1,658. Il Gpl va da 0,822 a 0,846 euro/litro (pompe bianche 0,813); il metano va da 1,610 e 1,875 euro al kg, (pompe bianche 1,604 euro/kg). Per quanto riguarda gli impianti self-service, il prezzo medio della benzina si attesta a 1,751 euro al litro e quello del diesel 1,616 euro/litro. Insomma, una leggera inversione di tendenza c’è stata, ma resta il fatto che il costo per il rifornimento è tra i più alti del decennio.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE