F1 2019 GP Canada, Montreal: l’anteprima Ferrari con Vettel e Leclerc

Dopo l'ottimo secondo posto di Vettel conquistato a Montecarlo, la Scuderia Ferrari è pronta ad andare a caccia della prima vittoria stagionale nel GP del Canada, al via questo fine settimana sul circuito di Montreal

Tre medaglie di bronzo e una d’argento: questo il palmares della Scuderia Ferrari nel Mondiale di F1 2019, un Campionato finora dominato dalla Mercedes che è riuscita a centrare un inizio di stagione impressionante con ben cinque doppiette consecutive. Il miglior risultato del team di Maranello, invece, è arrivato nello scorso GP di Monaco, dove Sebastian Vettel è salito sul secondo gradino del podio. Tanta sfortuna, invece, per il compagno di squadra Charles Leclerc, che dopo aver fatto emozionare il pubblico con i suoi sorpassi calcolati al millimetro è stato costretto al ritiro per un contatto con la Renault di Nico Hulkenberg. Ora, però, sta arrivando la prossima tappa della stagione, il GP del Canada: l’anno scorso a Montreal il tedesco della Ferrari aveva centrato pole position e vittoria, segno che la pista canadese può essere quella giusta per far tornare il Cavallino al successo in un 2019, fino a questo momento, molto avaro di risultati.

SEBASTIAN VETTEL

La gara in Canada è una delle più attese in tutta la stagione: gareggiamo su un’isola che si trova nel centro di Montreal, su una pista che è inizialmente molto scivolosa e impiega diverso tempo a gommarsi prima di raggiungere il livello di grip ottimale. Questo tracciato è di tipo stop-and-go, con lunghi rettilinei e decise frenate spezzate da curve lente e chicane dove bisogna sfruttare al massimo i cordoli. L’ultimo settore è decisivo: al tornantino la frenata va eseguita alla perfezione in modo da ottenere l’uscita ottimale e portare tutta la velocità sul successivo rettilineo. Lo scorso anno sono partito in pole position e ho vinto: questa è l’occasione giusta per ripetersi, per cui darò il massimo per fare bene“.

CHARLES LECLERC

Il GP del Canada ci offre un’ottima opportunità per portare a casa un buon risultato… e dimenticare quanto successo a Montecarlo. Dobbiamo lavorare al meglio per preparare la vettura nei minimi dettagli, in modo da estrarne il massimo potenziale. Secondo il mio punto di vista, il circuito di Montreal mette insieme diverse tipologie di curve e un lungo rettilineo sul quale sarà possibile effettuare dei sorpassi. L’anno scorso sono arrivato in zona punti, ma in questa stagione l’obiettivo è puntare ancora più in alto“.

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI