Mondiale di Rallycross – Peugeot volta pagina con impegno ufficiale

A Barcellona Peugeot volta pagina e diventa team ufficiale

La prima delle 12 manche del Campionato del Mondo FIA di Rallycross inizierà questo week-end a Barcellona e segnerà una svolta nella storia dello sport automobilistico di PEUGEOT.

 

  • Nel suo primo anno di iscrizione come Costruttore ufficiale nel Campionato del Mondo di Rallycross, il Team PEUGEOT Total schiererà 3 vetture con 3 livree diverse ed un trio di piloti di spessore. Il nove volte Campione del Mondo Rally Sébastien Loeb ed il suo compagno di squadra svedese Timmy Hansen saranno alla guida di una Peugeot 208 WRX nella nuova versione da 560 cavalli e potranno attivamente portare punti alla squadra. Al giovane talento Kévin Hansen sarà affidata un’evoluzione della versione 2017 della 208 WRX e gareggerà nella categoria individuale. Gli ingegneri di PEUGEOT Sport svilupperanno le auto da corsa in tutto l’arco della stagione, integrando nuovi sviluppi meccanici attualmente in preparazione in officina.

 

  • Dopo lo shakedown effettuato lunedì a Versailles, preceduto da varie sessioni di prove (tra cui la sessione di prove ufficiali a Silverstone alla fine del mese di marzo), il Team PEUGEOT Total è partito alla volta di Barcellona, pronto a raccogliere una nuova sfida sportiva. Sostenuto dalla famiglia Hansen, la dinastia che ha vinto più titoli nella storia di questa disciplina – con il team manager Kenneth Hansen (14 volte campione europeo di Rallycross) e Susann Hansen (unica donna ad aver vinto un titolo nel campionato europeo) in veste di coordinatrice sportiva – è ora una squadra ufficiale al 100% PEUGEOT Sport che affronta il campionato.

 

  • La prova inaugurale del Campionato del Mondo FIA World RX, sabato 14 e domenica 15 aprile, si terrà nel Circuito di Barcellona-Catalogna, a Montmeló, a nord della metropoli spagnola. Il circuito è noto perché ogni anno ospita il Gran Premio di Spagna di Formula 1 ma, dal 2015, comprende anche una pista di rallycross. Quest’anno sono stati effettuati alcuni lavori, con una nuova zona di partenza e la riasfaltatura completa del tracciato che offre un’aderenza ottimale. I piloti correranno su un circuito lungo 1,133 chilometri, composto al 60% di asfalto e al 40% di terra. E’ uno dei tracciati più veloci del calendario, con un record sul giro in 42’’971 ottenuto nel 2017.

 

ARTICOLI CORRELATI