USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Pirelli, dalla F1 alla SBK, presentazione della stagione motorsport 2013

Pirelli presenta i suoi piani in vista della stagione 2013 di Formula 1 e Superbike. In F1 le mescole vengono completamente riprogettate per le monoposto, in SBK invece debuttabo le gomme da 17 pollici. L'obiettivo per entrambe le competizioni sportive è quello di aumentare lo spettacolo

Pirelli presenta la stagione sportiva 2013
Pirelli, il costruttore italiano di pneumatici, ha presentato il suo impegno nel motorsport per il 2013 con i suoi pneumatici. Confermata la presenza in F1 con mescole completamente riprogettate, mentre in SBK debuttano le gomme da 17” (16,5” fino alla stagione precedente).
Per le gare delle nuove serie Gran Turismo Pirelli ha preparato degli pneumatici su misura.
Un impegno sportivo che coinvolge pirelli in 250 campionati in oltre 40 paesi del mondo, incluso il ritorno alla stock car in Brasile, mercato dove è fortemente coinvolta.
In questa stagione, Pirelli ha calcolato una quantità di 720.000 gomme destinate alle principali case automobilistiche, dalle italiane Ferrari, Lamborghini, Maserati e Ducati, alle tedesche Audi, BMW, Mercedes, Porsche, passango per le inglesi Aston Martini e Triumph le giapponesi Honda e Kawasaki. Tutte queste case faranno calzare alle proprie auto e moto pneumatici Pirelli.
Ad assistere team e piloti sulle piste di tutto il mondo ci sono le squadre di tecnici e ingegneri Pirelli, un centinaio di uomini che si sposta di circuito in circuito, fine settimana dopo fine settimana, per assicurare il massimo dell’assistenza e raccogliere dati utili ai fini dei successivi sviluppi delle gomme, rielaborati dal Centro Ricerca di Milano. Il team di tecnici Pirelli che segue la Formula Uno è composto da 52 persone, a cui se ne aggiungono 11 per i campionati GP2/GP3. In Superbike, l’assistenza è assicurata da 30 tecnici.
Per l’occasione, è stata aperta la sede del Gruppo Pirelli  nello storico quartiere milanese della Bicocca dando l’opportunità ai presenti di visitare i laboratori di ricerca e sviluppo, nei quali vengono progettate e studiate le mescole dell’intera gamma sportiva P Zero, Cinturato, Scorpion e Diablo e lo stabilimento pilota del Next Mirs, l’impianto dove avviene la produzione robotizzata degli pneumatici più avanzato al mondo.
I programmi e le strategie per il motorsport Pirelli sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa internazionale nella quale sono intervenuti Marco Tronchetti Provera,Presidente e Ceo di Pirelli, Paul Hembery, Direttore Motorsport Vettura, e Giorgio Barbier, Direttore Motorsport Moto.

Pirelli ancora in F1 per il 2013
Pirelli ha firmato l’accordo con la FIA nel giugno 2010 ed è tornata nel mondiale Formula 1 nella stagione 2011 (dopo 19 anni di assenza) per un impegno triennale.
Quella del 2013 è la terza evoluzione in tre anni del suo pneumatico da F1. L’intera gamma dei P Zero (gomme slick da asciutto) e dei Cinturato (gomme scolpite da bagnato) viene rivoluzionata  e presentano nuove costruzioni e mescole più morbide.
La novità più evidente è rappresentata dalla P Zero Hard che quest’anno, oltre ad avere un working range più elevato, cambia colore e sarà contraddistinta da una banda arancione sul fianco.
L’obiettivo dei tecnici Pirelli è quello di incrementare lo spettacolo durante le gare. Come? Aumentando il degrado termico ed avere così gare con almeno due soste e di conseguenza più opportunità di sorpasso. Le nuove gomme Pirelli P Zero inoltre garantiscono maggior velocità, calcolata in un vantaggio fino al mezzo secondo a giro, che è la stessa differenza tra le varie mescole. Questo per dare più peso alle strategie delle scuderie che dovranno così considerare anche questi aspetti per calcolare le performance in gara.

Pirelli fornitore delle moto di serie nel campionato del mondo Superbike
Continua il matrimonio tra Pirelli ed il mondiale delle derivate di serie, la Superbike, che dura da 10 anni, dalla stagione SBK 2004. È la più lunga monofornitura negli sport motoristici. Nella stagione 2012, Pirelli ha sviluppato e portato in pista solo per la Superbike 26 soluzioni.
Per la stagione SBK 2013, le derivate di serie monteranno nuovi pneumatici da 17” (fino all’anno scorso erano di 16,5”).
Tom Sykes, Marco Melandri, Carlos Checa e tutti gli altri piloti SBK, hanno testato le nuove coperture in occasione dei test svolti nel luglio 2012 sul circuito spagnolo di Motorland Aragòn, durante i quali è stato registrato un miglioramento dei tempi sul giro fino ad un massimo di 1,5”.

Tutte le categorie e competizioni dov’è impegnata Pirelli
Oltre che nei campionati mondiali di F1 e SBK, Pirelli è protagonista in numerose altre competizioni, 250 in tutto, divise tra auto (138) e moto (112). Per ognuna di queste serie Pirelli sviluppa gomme dedicate, proponendo di stagione in stagione soluzioni sempre diverse per accompagnare lo sviluppo tecnico e le evoluzioni regolamentari delle diverse discipline.
Tra le auto, oltre alle gare a ruote scoperte (F1, GP2 e GP3), Pirelli è fornitore per i campionati delle derivate di serie, GT e Rally (compresi i rally storici) e i monomarca più prestigiosi, quali il Ferrari Challenge, il Lamborghini Super Trofeo e il Maserati Trofeo. Quest’anno, in particolare, Pirelli torna dopo 5 anni nel campionato più amato in Sudamerica, la Stock Car brasiliana. E nella prossima stagione si accompagneranno altri campionati top in Nord America.
Tra le moto, oltre alla Superbike e a tutte le classi ad essa associate, i tornei di maggior rilievo sono il Campionato Mondiale Motocross e il Campionato Mondiale Endurance.
Per i campionati del mondo di GP2 e GP3 (le serie cadette della F1), la Casa milanese modifica quasi tutte le soluzioni proposte, rendendole più morbide e più prestazionali: una nuova medium, una nuova soft e una nuova supersoft. Le monoposto GP3 aumentano di potenza (da 280 a 450 CV) e per questa esigenza Pirelli ha sviluppato un prodotto completamente nuovo.
Dopo un’assenza di cinque anni, Pirelli torna come fornitore esclusivo di pneumatici per la Stock Car in Brasile, la principale competizione di automobilismo verde-oro. Gli pneumatici della Stock Car saranno prodotti negli stessi impianti e con gli stessi processi di quelli per la Formula 1 nella fabbrica di pneumatici motorsport Pirelli a Izmit, in Turchia.
Nelle competizioni Gran Turismo il 2013 vede il debutto di una nuova categoria, il campionato GT Sprint Series, che andrà ad aggiungersi alla Blancpain Endurance Series. Protagoniste di queste serie tutte le vetture prestige, tra cui Audi, Jaguar, McLaren, Aston Martin, Corvette, BMW, Porsche, che rappresentano il naturale target di Pirelli e sui quali si riversa tutta la tecnologia Motorsport della Bicocca).
Novità in arrivo anche per il Lamborghini Super Trofeo: oltre a fornire le gare europee ed asiatiche, la Casa milanese equipaggerà anche le sei gare americane, al debutto quest’anno.
Passando alle due ruote, oltre alle classi Superbike e Supersport, Pirelli nella stagione 2013 diventa fornitore nel Regno Unito per le categorie Superstock 1000 e 600 e per Ducati 848 Challenge e Triumph Triple Challenge.

I centri ricerca e sviluppo Pirelli in Italia e nel mondo
Oltre agli uomini sui campi di gara, l’impegno di Pirelli nel Motorsport è sostenuto da un Team di 1.000 persone tra chimici, fisici e ingegneri suddivisi nei centri di ricerca e sviluppo Pirelli in Germania, Brasile, Turchia, che fanno capo alla struttura centrale di R&D di Milano.
Nella sede milanese lavorano 400 persone, di cui 150 dedicate esclusivamente alla F1.
Le mescole da competizione vengono prodotte nell’impianto tecnologico di Settimo Torinese e a Slatina, in Romania, mentre la produzione degli pneumatici finiti avviene in Turchia, nello stabilimento di Izmit, che dal 2007 è il cuore industriale della produzione degli pneumatici dedicati alle attività Pirelli nel motorsport.
Breuberg in Germania, per il radiale, e Gravataì in Brasile, per le applicazioni off-road, sono i centri di produzione delle gomme da competizione moto.
Numerose innovazioni introdotte da Pirelli nel settore degli pneumatici e divenuti standard dell’industria mondiale hanno una provenienza sportiva. Tra queste il fianco ribassato e la cintura sviluppati per le applicazioni rally.

TAGS:
Articoli più letti
RUOTE IN RETE