Valentino Rossi operato, rimosso il chiodo dalla tibia

Il pilota del team Ducati MotoGP operato a Cattolica dal dott. Lucidi e dal dott. Porcellini. Rimosso il chiodo inserito dopo la frattura del Mugello 2010. Nicky Hayden operato alla spalla sinistra

Intervento riuscito per Valentino Rossi
Nella giornata di ieri Valentino Rossi è stato operato alla gamba infortunata durante l’incidente avvenuto durante le prove del sabato mattina al Mugello 2010. Al pilota Ducati MotoGP è stato rimosso il chiodo inserito per sistemare la frattura.
Lo stesso Rossi ha fatto sapete, attraverso Twitter, che l’operazione è perfettamente riuscita e ha voluto ringraziare l’quipe medica composta tra gli altri dal dott. Lucidi e dal dott. Porcellini ed il personale dell’ospedale “Cervesi” di Cattolica dove è stato operato.
Al nove volte campione del mondo sono stati prescritti quattro giorni di riposo e la riabilitazione.
I prossimi test di Sepang, in programma dal 28 febbraio al 1 marzo, non dovrebbero essere in percicolo.

Nicky Hayden operato alla spalla sinistra
Anche per l’altro pilota del team Ducati MotoGP, Nicky Hayden, è stato necessario un intervento chirurgico. Il nr. 69 del box Ducati aveva interrotto le prove di Sepang in anticipo perché non aveva sufficiente forza nella spalla sinistra per guidare. Così è volato direttamente a San Francisco per un controllo approfondito presso la clinica del dott. Arthur Ting.
 Gli esami effettuati hanno evidenziato un danno alla cartilagine dell’articolazione della spalla e un danno muscolare. Kentucky Kid è stato così sottoposto ad un’operazione che per verificare più approfonditamente le sue condizioni e di trattarle conseguentemente nella maniera più efficace.
“Chiaramente un’altra operazione all’inizio della stagione agonistica non è la cosa migliore che potesse capitare” ha commentato Hayden. “I nuovi esami evidenziano che non potevo guidare con efficacia a Sepang ma sono contento di averci provato perché, quanto meno, ci siamo resi conto che il problema alla spalla era più grande di quanto sembrasse all’inizio e quindi possiamo intervenire velocemente per trattare la parte interessata. Sono cose che fanno parte di questo mestiere quindi le affronteremo cercando di tornare in forma più velocemente possibile. L’impegno e lo sforzo che Ducati e la squadra stanno mettendo in campo è assolutamente il massimo e questo mi aiuta a mantenere alto lo spirito e la fiducia per quest’anno”.
Al contrario di Valentino Rossi, per Nicky Hayden i test di Sepang a cavallo di febbraio e marzo non sono ipotizzabili mentre i successivi di Jerez a marzo.

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE