WRC Finlandia 2018 – Giorno 2: Mads Ostberg conclude al secondo posto

WRC Finlandia 2018 – Giorno 2: Mads Ostberg conclude al secondo posto - Foto  di

La C3 WRC di Ostberg continua il suo attacco !

Confermata la forte competitività di Mads Ostberg e della sua C3 WRC, ancora secondi assoluti.

Al Qassimi e Patterson, Citroën C3 WRC #12: “A parte il piccolo problema di pressione del carburante alla fine della tappa, ci siamo divertiti e abbiamo capito come fare. Magari domani proviamo a spingere un po’.”
Al Qassimi è uscito di strada durante la prima Speciale, la Paijala di 24 chilometri, e la sua corsa è finita lì. Nessun dramma, lo “Sceicco” è parte in causa nella composizione del Team Citroen Total Abu Dhabi con l’obiettivo di proseguire la sua progressione al comanbdo della C3 WRC.

Breen e Martin, Citroën C3 WRC #11. La foratura a inizio Rally ha tagliato le gambe all’Equipaggio britannico del Team Citroën, il problema di pressione benzina alla fine della prima tappa ha mandato definitivamente in fumo anche i sogni. Crollati al decimo posto, Breen e Martin hanno ricominciato ad avanzare per piccoli passi prudenti, mettendo la loro sfortunata partecipazione al servizio del programma di messa a punto della C3 WRC nuova configurazione. Grande feeling con la Macchina, dice Breen, peccato. Noni assoluti.

Ostberg e Eriksen, Citroën C3 WRC #10. Ecco, ci sono argomenti molto interessanti, su cui soffermarsi con calma e cautela preliminare, poiché il Rally non è finito e, come si dice… Mads Ostberg rivela un talento da fuoriclasse. È un fatto inedito, finora si era pensato a un Pilota con una buona tecnica e una certa grinta. L’Ostberg di oggi è molto veloce, e questo conferma definitivamente che la C3 WRC Evoluzione è la Macchina che i tifosi aspettano da un po’, ma eccezionalmente freddo e controllato. Ostberg, obbligato a salvaguardare le gomme, ha concesso a Tanak quella irrimediabile manciata di secondi al termine della prima tappa. Oggi, come tutti gli altri è consapevole che contro un Tanak così, velocissimo, affamato e senza nulla da perdere, non c’è molto da fare. Per questo Ostberg ha organizzato con micidiale precisione la difesa del secondo posto dalla furia finlandese. Ancora un problema di consumo di pneumatici, che spiega il leggero calo del finale. Secondo assoluto.

ARTICOLI CORRELATI