USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Cosa sono e come funzionano i protocolli consumo auto NEDC e WLTP

I consumi medi della vostra auto si calcolano in base ai parametri NEDC e ora WLTP. Vi spieghiamo cosa sono, come li fanno, anticipando che i dati offerti sono utili come comparazione, ma non aspettatevi di raggiungerli se non guidate come una lumaca

Spesso avrete letto o sentito parlare di NEDC e WLTP: ma cosa sono? Come funzionano? Da quali parametri sono regolati? Entrambi misurano la stessa cosa, ma uno insegue l’altro e ora ci saranno delle novità.

Protocollo NEDC e WLTP: cosa sono

NEDC e WLTP sono due protocolli nati per misurare gli elementi inquinanti regolamentati (CO/HC/Nox/Particolato) e il consumo espresso in CO2 nel ciclo di omologazione per un dato nuovo veicolo. Il protocollo NEDC (New European Driving Cycle), nato nel 1992, è diventato ormai obsoleto e a partire dal settembre 2017, è stato sostituito dal nuovo protocollo WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicles, vale a dire Procedura di prova armonizzata a livello mondiale per i veicoli leggeri), molto più vicino alle reali condizioni di utilizzo del veicolo e quindi di consumo di CO2 delle vetture con dati molto più rappresentativi, questo perché le condizioni di prova si basano su una rappresentazione più vicina alle condizioni di guida effettive. Per ottenere emissioni di CO2 più accurate, il nuovo protocollo di omologazione include sia l’equipaggiamento di serie che tutti gli optional del veicolo. Questo produce valori di consumo di carburante ed emissioni di CO2 basati sull’aerodinamica, il peso e la resistenza al rotolamento del veicolo configurato, con tutte le sue dotazioni e opzioni reali.

Inoltre, il WLTP è stato sviluppato utilizzando dati di guida reali raccolti da tutto il mondo: rappresentando meglio uno scenario più ampio, permette di comparare dati da diverse regioni, anche se Unione Europea e altri Stati applicheranno il test in modi diversi a seconda delle rispettive leggi e dei requisiti del traffico. L’evoluzione del protocollo di omologazione consente quindi di mantenere un unico standard di misurazione per tutti i veicoli in Europa, standard più rappresentativo e più realistico degli usi reali, anche se i valori rilevati non influiscono sulle prestazioni o sul consumo di carburante dei veicoli o sull’autonomia dei veicoli elettrici. Una tabella diffusa da Peugeot paragona i due metodi, sottolineando come il ciclo WLTP prevede un tempo e una percorrenza maggiore, con quattro fasi di guida e medie sensibilmente più alte rispetto al NEDC.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE