Mazzata sui carburanti: maxi aumenti delle accise da subito

Rivista la manovra Salva Italia del governo Monti: dopo la modifica del superbollo che alza il limite da 170 kW a 185 kW, previsti da subito rincari di benzina e diesel fino a 11,2 centesimi/litro

Nuovi pesanti rincari sui carburanti
La manovra “Salva Italia” del governo tecnico di Mario Monti sta cambiando faccia con rapidità e, se prima veniva definitia iniqua ma giusta e necessaria, adesso si inasprisce ancora di più. Forse colpa del superbollo, che ora non colpisce più le auto oltre i 170 kW (230 CV) ma quelle sopra i 185 kW (251 CV), salvando così molti possessori di auto di lusso.
Soprattutto per quanto riguarda il carburante: infatti, se nella prima bozza presentata domenica sera era previsto un aumento delle accise era previsto per Regioni e Provincie dall’1 gennaio 2012 per finanziare il trasporto locale, adesso questa versione cambia.
Rimangono gli aumenti delle accise ma, “a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto legge”. Quindi, salgono subito le aliquote su benzina e diesel.
A quanto vi chiederete? L’art. 15 del decreto legge aumenta la benzina di 8,2 centesimi al litro ( 704,20 Euro per mille litri) mentre il gasolio addirittura di 11,2 centesimi di Euro al litro (593,20 euro per mille litri).
Gli aumenti sono effettivi dall’entrata in vigore del decreto-legge e cioè dopo la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Quando è prevista? Per questa sera o domani.

Colpite dure le auto a gasolio
Essendo le più numerose in circolazione, le auto a gasolio sono le più colpite. Nonostante i minori consumi rispetto a quelle a benzina, l’aumento dell’aliquota porta un rincaro del prezzo alla pompa di ben 11,2 €cent: la conseguenza corrisponde ad un rincaro sul pieno di 5 Euro, per un’auto media.

Aumenti anche per metano e GPL
Oltre che per benzina e gasolio, sono previsti aumenti anche per l’accisa sul GPL di 267,77 Euro per mille chili (pari a 147,27 euro per mille litri) e quella sul metano auto a 0,00331 Euro per m3.

Nuovi aumenti dal 2013
Ma gli aumenti non si fermano qui e sono destinati a seguirci fino al 2013.
Infatti, il decreto legge a decorrere dal 1° gennaio 2013, l’aliquota di accisa sulla benzina e sulla benzina con piombo nonché l’aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante, sono fissate, rispettivamente, ad Euro 704,70 per mille litri e ad Euro 593,70 per mille litri.
Gli effetti sul prezzo alla pompa corrispondono ad un rincaro di
 9,9 centesimi al litro per la benzina, 13,6 centesimi al litro per il gasolio e di 2,6 centesimi di Euro al litro per il GPL.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE