USATA
cerca auto nuove
NUOVA
SPECIALE

[VIDEO] Prova nuova Mitsubishi L200: il pickup veste da SUV per il 2020

Un pickup con tecnologie ed interni che strizzano l’occhio al mondo SUV? Oggi c’è e si chiama Mitsubishi L200. Lo storico modello del costruttore giapponese torna sul mercato con importanti novità: dal propulsore EURO 6D Temp alla trazione integrale evoluta che rende questo mezzo sostanzialmente inarrestabile. Il tutto con interni spaziosi confortevoli, tipici del mondo SUV e ad un prezzo tutto da scoprire

Nel momento in cui si parla di Mitsubishi L200 non si può fare a meno di pensare ad una macchina sostanzialmente inarrestabile che ha scritto la storia dell’automobile a livello mondiale. Il modello ha venduto ben 4,7 milioni di esemplari in tutto il mondo e rappresenta un prodotto estremamente strategico per il costruttore giapponese.

Venduta in 150 paesi questa sesta generazione rappresenta una sorta di cambio di passo rispetto a quanto fatto fino ad ora in quanto le modifiche apportate sono talmente importanti da rappresentare appunto un vero e proprio salto generazionale.

Quanto è robusto?

Innanzitutto va menzionato il fatto che il nuovo Mitsubishi L200 è prodotto in Thailandia e viene successivamente distribuito in tutto il mondo. Ogni nazione o continente può far apportare delle modifiche (tanto che in alcune zone il Mitsubishi L200 prende il nome di Triton) ma il pickup resta sostanzialmente il medesimo (quantomeno nella sua struttura) e questo è un primo fattore di garanzia molto importante riguardo l’elevata qualità con cui viene costruito. Si deve infatti pensare che in molte nazioni questi mezzi sono destinati a lavorare in condizioni estreme e in taluni contesti si deve garantire la massima affidabilità senza possibilità di avere problemi.

L’importante senso di robustezza di questo autocarro è confermato anche dal lavoro di ammodernamento effettuato a livello di sospensioni. Nella parte anteriore troviamo infatti un sistema basato su molle elicoidali maggiorate rispetto al passato e dotate di un più alto indice di rigidezza. Al posteriore, per tenere fede alla tradizione ma soprattutto per garantire la massima portata, si impiega un sistema con molle a balestra che beneficia oggi di un maggior numero di leve (da 5 a 6) per garantire la massima fruibilità in qualsiasi ambito.

A livello di telaio è importante tenere conto del fatto che il pickup è stato progettato per operare in qualsiasi condizione meteorologica e di carico ed è già da molti anni che Mitsubishi L200 impiega pannelli ad elevata resistenza nella cabina e nel pianale di carico.

Nell’ottica del miglioramento continuo in questa sesta generazione sono stati impiegati diversi rinforzi tanto nella struttura quanto nello scomparto motore, telaio, cabina e giunti del pianale di carico ed inoltre l’acciaio oggi impiegato beneficia di uno specifico trattamento che rende questo elemento molto più resistente alla corrosione tanto per la cabina quanto per il pianale di carico.

In senso generale l’idea è quella di essere la guida di un mezzo temerario dal buono spunto e che offre soprattutto un’ottima posizione di guida in grado di dominare ciò che accade per strada.

La robustezza del mezzo è anche confermata da una identità visiva molto forte, squadrata e quasi tridimensionale. Il cofano alto e la calandra alta e stretta danno l’idea di larghezza ed il posteriore, molto solido e dominato dai fari che raggiungono la sommità del portellone, trasmette l’idea di poter gestire qualsiasi contesto.

Un Diesel di ultima generazione

La parola diesel ancora spaventa? Non in L200, perché i veicoli destinati alla Comunità Europea sono dotati di un nuovo propulsore appositamente sviluppato per questo pickup. Alcuni elementi tecnici quali la bassa compressione e l’iniezione diretta con doppio albero a camme in alluminio rendono questo motore molto evoluto ed il risultato finale è quello di avere una buona spinta ma soprattutto basse emissioni in atmosfera e consumi tutto sommato contenuti.

L’obiettivo è stato raggiunto anche grazie ad una riduzione generale della frizione tra le parti mobili e ad un alleggerimento di elementi quali pistoni, bielle ed albero a gomiti. L’insieme di questi elementi, oltre all’installazione di un sistema di depurazione dei gas di scarico SCR che impiega AdBlue, portano il motore ad essere fortemente allineato agli standard UE sulle emissioni, tanto che già oggi vanta il fatto di essere conforme ai requisiti EURO 6D Temp: uno standard molto stringente che garantisce piena fruibilità di questo autocarro tanto in cantiere quanto in centro città.

In termini di potenza il motore diesel da 2.2 litri sviluppa una potenza di 150 CV e 400 Nm di coppia e questi valori risultano essere proporzionati alla massa. Può essere acquistato in configurazione con trasmissione manuale oppure automatica a 6 rapporti. In termini di consumi durante la nostra prova su strada abbiamo raggiunto tranquillamente gli 8 litri per 100 km a fronte di un dato dichiarato di 7,5/7,8 litri/100 km.

Pronto ad affrontare ogni contesto

Non c’è condizione stradale in grado di intimorire questo pickup e del resto va ricordato che Mitsubishi, già nel 1991, fu la prima azienda ad introdurre un sistema di trazione in grado di offrire la possibilità di guidare con trazione posteriore, integrale, integrale con differenziale centrale bloccato ed integrale con differenziale e ridotte – tutto in un’unica unità. Originariamente questo sistema era destinato a veicoli fortemente incentrati sulla guida in fuoristrada e solo negli anni seguenti è stato implementato anche su Mitsubishi L200.

Oggi il sistema Super Select si è evoluto ulteriormente e permette al conducente di scegliere la modalità di trazione più idonea al fondo stradale. In un contesto ordinario si può per esempio guidare con la sola trazione posteriore, così da ridurre al minimo i consumi. Quando magari il fondo diventa più scivoloso, perché magari ha appena piovuto, si può inserire la trazione integrale (che resta attiva indipendentemente dalla velocità dell’auto). Nei fondi più sconnessi si può bloccare il differenziale centrale e addirittura si può richiedere l’intervento delle marce ridotte che unitamente al differenziale centrale bloccato possono contribuire a gestire qualsiasi tipo di situazione.

L’elettronica gioca poi un ruolo importante nell’ambito del controllo di trazione ed oggi Mitsubishi L200 offre due nuove funzioni di sicurezza in grado di migliorare ulteriormente la guida su fondi difficili.

La nuova modalità Off Road agisce controllando la potenza del motore, la trasmissione ed i controlli di stabilità per offrire la massima aderenza su fondi stradali difficili quali ghiaia, fango, neve, sabbia oppure roccia. Per ognuno di questi contesti c’è una configurazione specifica che va ad agire sui singoli parametri per rendere più semplice la vita al conducente.

Nelle situazioni di discesa impegnativa, magari con fondo difficile, trova applicazione il sistema di assistente alla discesa Hill Descend Control che può essere attivato mediante un interruttore posto in prossimità del selettore 4WD. Questo strumento mantiene costante la velocità impostata dal conducente ed interviene azionando selettivamente il freno su ogni singola ruota. L’elettronica mantiene pertanto la velocità sotto controllo anche in situazioni critiche e a pieno carico.

Sali a bordo e trovi un SUV

Nell’ambito delle diverse modifiche apportate a questa sesta generazione di pickup c’è da menzionare il grande lavoro sugli interni che fanno assomigliare questo Mitsubishi L200 più ad un comodo SUV che ad un’instancabile macchina da lavoro pronta ad affrontare anche le condizioni più estreme.

Il costruttore giapponese ha quindi lavorato molto sull’ergonomia, sugli spazi, sui materiali così da raggiungere un risultato in tutto e per tutto simile a quello che si troverebbe all’interno di una autovettura dedicata ai lunghi viaggi autostradali. Si trovano infatti elementi distintivi quali la cornice ad alette della consolle centrale che fa pendant con gli elementi cromati che circondano bocchette dell’aria e pannello della trasmissione. I rivestimenti morbidi creano un effetto piacevole anche al tatto e la vista è tutto sommato appagata da forme simmetriche ed elementi eleganti.

La sicurezza di un’auto in un pickup da lavoro

Mitsubishi L200 è un autocarro pronto a tutto ma che non rifiuta i viaggi in autostrada e le trasferte cittadine ed ecco quindi che la casa giapponese ha pensato di dotare questo pickup di molte funzioni di sicurezza ancora inedite in questo segmento ed in questa fascia di prezzo.

Mitsubishi L200 è infatti dotato di Forward Collision Mitigation che, grazie all’utilizzo congiunto di videocamera e laser, è in grado di identificare pedoni o veicoli in procinto di collidere. Se l’avviso acustico non è sufficiente il sistema può anche azionare i freni per evitare la collisione o attenuare i danni.

Nell’ambito delle manovre di cambio di corsia capita spesso di trovare qualche veicolo in un punto cieco e per evitare potenziali collisioni nei cambi di corsia questo Mitsubishi L200 è dotato di alcuni sensori collocati nel paraurti posteriore che sono in grado di rilevare eventuali veicoli in arrivo. Nel momento in cui il conducente manifesta l’intenzione di cambiare corsia il sistema lo avvisa con segnali acustici e visivi.

Nelle manovre di uscita dai parcheggi c’è il classico problema dell’assenza di visibilità perpendicolare che porta poi al rischio di incidenti. Per prevenire questa situazione il costruttore giapponese ha inserito all’interno del paraurti posteriore un radar a microonde che è in grado di analizzare l’ambiente circostante e rilevare il potenziale rischio di collisione.

Molto utile ed altrettanto scenografica è la funzione di “visione dall’alto” (Multi-around Monitor) che grazie all’impiego di una serie di videocamere poste intorno al veicolo è in grado di ricreare una visione dall’alto del pickup in modo da avere una visione panoramica di eventuali ostacoli che si trovano attorno alla vettura. La funzione può essere inserita mediante la pressione di un tasto sul volante oppure inserendo la retromarcia.

Conclusione

Che dobbiate impiegarlo nelle condizioni più estreme o che siate alla ricerca di un autocarro da lavoro estremamente versatile, Mitsubishi L200 è la soluzione ideale perché in grado di adattarsi a qualsiasi contesto senza particolari sforzi. L’importante dotazione tecnologica rende confortevole qualsiasi trasferta ed inoltre non si può fare a meno di evidenziare la presenza di funzionalità sicurezza che rendono più semplice ogni viaggio.

Il motore EURO 6D Temp è già orientato verso il futuro e non crea problemi nemmeno nel centro cittadino dove ormai i diesel devono rispettare standard di emissioni sempre più stringenti. Infine con una capacità di traino che arriva a 3.000 Kg non avrete certo problemi a trasportare alcunché.

Il nuovo Mitsubishi L200 è oggi in offerta a 18.850 euro IVA, IPT e messa in strada esclusa.