Super ammortamento 2018: a chi si applica

Il super ammortamento 2018 scade il 31 dicembre ma dovrebbe essere confermato anche per il 2019. Vediamo chi può beneficiarne.

La legge di stabilità 2018 consente di beneficiare di un super ammortamento per gli investimenti in beni materiali nuovi effettuati fino al 31 dicembre 2018. Per usufruire di questi sgravi basta confermare l’ordine entro il 31 dicembre, versando un anticipo di almeno il 20% dell’importo finale, con la possibilità di ritirare il mezzo entro il 30.06.2019. La finalità è incentivare gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi tramite una maggiorazione percentuale del costo fiscalmente riconosciuto dei beni in questione ai fini della detrazione dell’IRES e dell’IRPEF.

La maggiorazione produce effetti solo ed esclusivamente ai fini del computo delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria e ciò fino al suo completamento. I benefici appena citati interessano sia i beni strumentali acquistati in proprietà che quelli goduti con una formula di leasing.

Va tenuto conto che ai fini della deducibilità degli ammortamenti di tali nuovi cespiti – il costo sostenuto da imprese e professionisti per la loro acquisizione possa essere maggiorato del 30% rispetto a quello imputato (in base ai prescritti coefficienti tabellari) nel conto economico.

E’ bene sottolineare che godono dell’agevolazione solo i beni materiali strumentali nuovi. Non rientrano nel super ammortamento gli investimenti materiali e gli investimenti in beni di seconda mano.

Queste agevolazioni, introdotte dalla legge di Stabilità 2018 sulla disciplina fiscale degli ammortamenti effettuati, trovano applicazione rispetto agli investimenti effettuati sia dai soggetti titolari di reddito d’impresa, sia dagli esercenti arti e professioni. Il super ammortamento dovrebbe essere rinnovato anche nel 2019 con formule leggermente diverse.

ARTICOLI CORRELATI