Aprilia RS-RX-SX 50 – Test Ride

Papà, se mi promuovono me la compri??

Aprilia RS-RX-SX 50. “Voglio tornar bambino!!” Un famoso comico di Zelig ne ha fatto un tormentone e noi di Infomotori.com ne abbiamo fatto un pensiero fisso durante la presentazione stampa Aprilia. Usualmente dediti a test di moto dalle cilindrate decisamente più generose, trovarsi in groppa ad un “cinquantino” è stato un po’ come tornare quattordicenne. Superato l’immediato sconforto nato dal veloce calcolo degli anni che ci separano da quell’età spensierata, ci siamo dedicati al motivo della nostra presenza in quel di Jesolo: testare le nuove offerte Aprilia.
Alla ricerca del Sei in pagella… La scuola è ormai giunta al capitolo conclusivo dell’anno scolastico 2005/06. Proprio in questi giorni molti studenti sono con la calcolatrice in mano a calcolare medie con i criteri più disparati pur di far comparire il tanto agognato “6”, un filo del rasoio che divide un’estate all’insegna del divertimento più sfrenato da due mesi d’inferno passati in punizione… Su quel “6” non ci contano solo gli studenti, ma anche molte Case moto che fanno letteralmente il tifo per i giovani centauri e che se potessero darebbero una mano anche nei compiti per casa pur di garantire una promozione! Perché tutta questa dedizione? Presto detto: sicuramente le grandi aziende delle due ruote ci tengono che i nostri ragazzi si facciano una cultura ed affrontino il futuro con conoscenze e professionalità, ma anche perché così i genitori regalano loro i tanto attesi scooter o moto. Proprio a questi fortunati e meritevoli studenti dedichiamo queste righe, rivolte a descrivere la nuova ed accattivante gamma Aprilia dedicata a quei centauri in erba che vogliono qualcosa di più del “classico” scooter, ovvero una moto a tutti gli effetti da poter guidare a quattordici anni.
Aprilia RS50 Apre le danze la supersportiva di Noale: cerchi in lega leggera, pinze radiali, telaio e forcellone in alluminio, scarico sottosella… Fermi tutti, ma non dovevamo parlare di un “cinquantino”? Questa pare la descrizione di una supersportiva a tutti gli effetti, non di una “motoretta” che ne copia le linee estetiche.

Ebbene sì, la piccola Aprilia RS 50 presenta una qualità costruttiva decisamente elevata. La ciclistica è molto raffinata: il telaio sfrutta la duplice caratteristica di leggerezza e rigidità del alluminio per sfruttare al meglio il piccolo cuore da 50 cc e consegnare nel contempo una moto molto agile e maneggevole. Da meno non è certo la forcellone, anch’esso in lega leggera e steli da 40 mm, che compie un ottimo lavoro là davanti, dove è molto importante avere affidabilità e sicurezza. Al posteriore gioca un ruolo chiave un sistema Cantilever che aziona un monoammortizzatore idraulico, regolabile nel precarico, con escursione alla ruota di 110 mm.
Un ruolo di primordine spetta all’impianto frenante, vero fiore all’occhiello di Aprilia RS 50. Un disco da 300 mm di diametro, domato da una pinza ad attacco radiale, si rende protagonista indiscusso della ruota anteriore, assicurando un elevato controllo della frenata e spazi d’arresto molto contenuti. Anche in questo caso il posteriore risponde pronto con un disco in acciaio inox da 180 mm, stretto nella morsa di una pinza a singolo pistoncino, saldamente aggrappato ad un supporto in alluminio.
Il leggero motore, di soli 15 Kg, è un monocilindrico due tempi di ultima generazione raffreddato a liquido, caratterizzato da aspirazione lamellare e contralbero di bilanciamento, capace di smorzarne le vibrazioni. Il suo comportamento ben si amalgama con la ciclistica raffinata di Aprilia RS 50, offrendo una vera e propria supersportiva in miniatura, capace di togliere molte soddisfazioni in piena sicurezza. Prezzi? Aprilia RS 50 è disponibile a 3240 euro f.c. , un prezzo decisamente molto interessante soprattutto viste le ottime qualità della ciclistica, in grado di renderla molto sicura ed adatta anche ai meno esperti.
Aprilia RX ed SX 50 Dopo la supersportiva è il turno della coppia motard ed enduro. Il raggruppamento sorge naturale visto il ceppo comune da cui prendono origine i due modelli. Le differenze ci sono, ed è giusto così, ma si limitano a dettagli della ciclistica e della meccanica, come la diversa dentatura dei pignoni, che comporta una leggero accorcio dei rapporti per l’enduro rispetto al motard, piuttosto che due distinti forcelloni Marzocchi.

Sull’onda delle affascinanti sorelle maggiori Aprilia RXV e SXV, le due piccole di Noale ne riprendono i tratti caratteristici offrendo così una livrea accattivante, grintosa e sportiva.
Anche in questo caso la ciclistica è di primordine: il telaio perimetrale, realizzato in acciaio ad alta resistenza, fa da collegamento tra il canotto di sterzo ed il perno del forcellone, in perfetta ottemperanza alle ultime geometrie introdotte nel mondo del fuoristrada. Anche qui il telaio gioca un ruolo distintivo nei confronti della concorrenza, ancor più grazie all’abbinamento con il forcellone teleidraulico della Marzocchi a steli da 40 mm ed all’ammortizzatore idraulico posteriore con un’escursione di 180 mm. Pure qui l’impianto frenante è da categoria superiore. La versione motard viene abbinata ad un disco da 300 mm, mentre l’enduro è stato abbinato ad uno da 260, entrambi con pinza flottante a doppio pistoncino. Per quanto concerne il posteriore il disco è in acciaio inox da 180 mm stretto da una pinza a due pistoncini contrapposti.
Per la stessa Aprilia RX e SX 50 il propulsore è il leggero monocilindrico 2 tempi raffreddato a liquido da 49 cc, ma rispetto a quello montato su SR 50 non è stato inserito il contralbero di bilanciamento. La rapportatura differente delle marce, offre una moto leggermente più “allegra” in ripresa, ma logicamente un po’ penalizzata nell’allungo.
Non meno importanti le ruote, altro elemento distintivo delle piccole off road Aprilia. Il cerchio in alluminio offre grande leggerezza e resistenza a qualsiasi sollecitazione. RX adotta un cerchio da 21” anteriore e uno da 18” al posteriore, come sulle moto da competizione. La SX non è da meno, con due cerchi da 17” e pneumatici di grande sezione in grado di sopportare sia la guida cittadina sia una sgroppata tra i cordoli di un kartodromo.

Aprilia RX 50 – l’enduro per intenderci – è in vendita a 2895 euro f.c. , mentre la versione motard SX 50 costa 2795 euro. Anche in questo caso vale il medesimo discorso fatto per la supersportiva Aprilia SR 50, ovvero che le elevate qualità del mezzo la rendono una molto sicura ed adatta anche ai principianti più puri.
L’importanza dell’abbigliamento di qualità Chiudiamo con un piccolo consiglio ai genitori dei futuri centauri. Queste moto garantiscono degli standard di sicurezza molto elevati grazie alla ciclistica raffinata e molti altri dettagli ereditati direttamente dalle sorelle maggiori. Una cosa che però non bisogna assolutamente sottovalutare è l’abbigliamento, soprattutto se si parla di giovani motociclisti in erba che devono farsi ancora “le ossa”. Il nostro tester dimostra nelle immagini come non sia necessario ed obbligatorio – se pur caldamente raccomandato – indossare sempre una tuta da moto, ma sono sufficienti dei piccoli accorgimenti come una giacca tecnica, nel caso delle foto Dainese in materiale D-Dray con protezioni incorporate, che assicura dei livelli di protezioni molto più elevati di un normale giaccone.
Stesso discorso spetta agli stivali, in questo caso scarponcini Jug 2 in Gore-tex sempre Dainese, che assicurano un’ottima protezione per la caviglia, punto nevralgico del motociclistica. Il Casco – Air Stream Course Valiant Dainese – non ha bisogno di alcun commento dato che crediamo non ci siano dubbi sulla sua importanza, ma un altro dettaglio che spesso viene trascurato – soprattutto in estate -, sono i guanti, nel caso del tester sempre Dainese, che garantisco un’elevata protezione per le mani spesso colpite da insetti o sassi sollevati dalla vettura che precede.
Quindi, cari genitori, meglio una felpa firmata in meno e qualche euro in più dedicato all’abbigliamento tecnico per i vostri piccoli centauri!

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE