Honda Transalp XL 650 V – Test Ride

Una ventenne piena di grinta!

Honda Transalp XL 650 V – Test Ride. Cosa c’è di più bello di una calda e assolata giornata autunnale? Ma è facile: una calda e assolata giornata autunnale in sella ad una moto! La protagonista in questione è la nuova Honda Transalp forse meno nota alle masse con il nome più tecnico XL 650 V.
Da quasi vent’anni simbolo e icona del mondo dell’enduro, la Honda XL 650 V nacque nel 1987 per gareggiare in competizioni del calibro del Rally Touring piuttosto che della Parigi Dakar. Con il passare del tempo si è poi adattata ad u utilizzo molto meno estremo e molto più cittadino, diventando un enduro da tutti i giorni, in grado di regalare emozioni sia sul banale asfalto stradale che su i divertenti tratti sterrati.
Come il buon vino Invecchiando migliora l’Honda Transalp. Ogni versione nuova rimane molto legata agli schemi stilistici delle precedenti, ma si aggiorna sempre con piccole modifiche che la portano sempre al passo coi tempi. Le nuove soluzioni estetiche riguardano il logo, ora cromato e in rilievo, posto in bella vista sul fianco della carena, le lenti degli indicatori di posizione in plastica chiara trasparente, il nuovo parabrezza in plastica opaca ed un’inedita strumentazione ben leggibile a cui però non sarebbe stonato un indicatore della riserva visto che 210 kg sono davvero tanti da spingere… Altre modifiche estetiche di rilievo non sono state apportate; d’altra parte la filosofia Transalp insegna che i cambiamenti non devono stravolgere mai la linea originale della moto.
Montiamo in sella! L’ Honda Transalp, da ferma, fa la sua bella figura, è imponente soprattutto visto il generoso serbatoio carenato e il largo manubrio in perfetto stile cross. Montarci è facile grazie soprattutto alle due possibili selle, una standard per le persone un po’ dotate, e una ribassata di 30mm (ordinabile direttamente come standard) per le persone un po’ meno fortunate. Nel nostro caso sarebbe stata più indicata la seconda possibilità, ma sfortunatamente c’è toccata la prima…
Ad ogni modo, a parte qualche difficoltà quindi nelle manovre da fermo dove si è dovuto sfruttare al massimo la forza degli alluci, una volta in movimento la musica cambia e radicalmente. Il motore è l’ormai noto bicilindrico a V da 650 cc 6 valvole raffreddato a liquido da 53 cavalli con una coppia massima di 55Nm a 5500 giri. Appena si stacca la frizione i circa 210 Kg che vi hanno fatto un po’ sudare a motore spento, svaniscono nel nulla e l’Honda Transalp si trasforma completamente; regalandovi emozioni insperate.

Il bello di questo propulsore è la sua elevata modulabilità in grado di garantire sempre la spinta necessaria praticamente con qualunque rapporto. Per sfruttare bene queste caratteristiche, quale miglior luogo se non le piccole Dolomiti! Giunti su un tornante, la frenata è sicura grazie soprattutto a due generosi dischi da 256x4mm con pinze a doppio pistoncino, l’entrata in curva poi è molto semplice basta inclinarsi leggermente e la moto piega senza alcuna difficoltà per poi sfrecciare via senza alcun tentennamento al semplice tocco dell’acceleratore. Bisogna infatti ricordarsi ogni tanto di essere in sella ad un enduro, perché verrebbe voglia di osare un po’ di più, ma la ciclistica, non essendo proprio la più adatta per certe cose, potrebbe riservare delle spiacevoli sorprese.
Ricordandoci appunto di essere in sella ad un enduro, imbuchiamo una strada sterrata leggermente in salita. Belli ritti in piedi sulle pedaline, ci lasciamo trasportare da questo “piccolo” bisonte. Percorrendo un terreno scivoloso a causa della miriade di sassi e sassolini, si apprezza appieno la sua maneggevolezza, caratteristica ben supportata dal manubrio dall’ampia curvatura che assicura un ottimo controllo del mezzo.
La strada continua a salire aumentando la pendenza e con essa aumentano anche le dimensioni degli ostacoli. Incominciamo quindi a trovare i limiti di questa Honda Transalp. Le coperture non sono poi così adatte ad una guida troppo crossista – forse anche un po’ troppo trailista!- i tasselli ci sono, ma sono molto poco pronunciati visto l’utilizzo più stradale che altro. Le basse velocità a cui si percorre quella che ora è diventata una mulattiera, fanno sentire e molto il peso.
Osservandoci attorno capiamo che siamo andati ben oltre le possibilità di questa moto e che siamo usciti e di molto dal limite delle enduro. Situazione inevitabile viste comunque le eclettiche caratteristiche di questo mezzo.
E brava Honda! Nessuno era alla ricerca di conferme o di doti nascoste. Honda Transalp non ha nulla da dimostrare, la sua qualità si palesa con i quasi vent’anni di meritata presenza sul mercato. Pur sapendo cosa ci aspettava, siamo comunque scesi felicemente colpiti da questa XL 650 V.
Brava anche nel prezzo! Honda Transalp non colpisce solo per le buone doti da moto che ha confermato durante i test di Infomotori.com, ma stupisce anche nel prezzo; decisamente interessante. Per questo enduro infatti sarà “sufficiente” mettere mano al portafoglio per estrarre 7.590 euro franco importatore; una cifra molto allettante viste soprattutto le caratteristiche del mezzo.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE