F1 GP Cina 2012: Alonso arriva da leader del mondiale piloti

Fernando Alonso arriva da leader della classifica piloti, ma il pilota Ferrari sa che sarà un week end duro. Per Pat Fry le situazioni e le giuste strategie hanno aiutato lo spagnolo e c'è ancora molto da lavorare

GP Cina 2012: Alonso al comando del mondiale piloti
Terzo round del calendario di Formula 1 2012: il GP di Cina che si corre questo fine settimana a Shanghai. Fernando Alonso – e molti dei suoi tifosi – non si aspettava di arrivarci da leader della classifica piloti di F1 2012 dopo i test invernali e le prime due gare passate a recuperare il gap da Red Bull e McLaren.
“Significa che abbiamo fatto un buon lavoro, riuscendo a tirare fuori il massimo dal potenziale a disposizione e sfruttando nella maniera migliore tutte le opportunità” scrive il pilota Ferrari sul suo diario online dove non manca di elogiare il team che gli mette a disposizione la vettura: “Da  quando sono arrivato a Maranello all’inizio del 2010 ho visto che la squadra è cresciuta molto in tutte le aree di attività in pista, dalla strategia al lavoro nei box e ai pit-stop. So di poter contare su un gruppo molto forte, il che è molto importante, e su una grande unità d’intenti. Sappiamo che la nostra vettura non è al livello che volevamo alla viglia di questa stagione ma tutti stanno reagendo benissimo, restando uniti come deve essere una vera squadra che vuole raggiungere i suoi obiettivi”.

Nessun stravolgimento per il GP di Cina per la Ferrari di Alonso
Il pilota spagnolo è realista e quindi, nonostante per il momento guardi i suoi avversari dall’alto verso i basso, dice di non aspettarsi molte sorprese dal GP di Cina rispetto a quanto si è visto in Australia e Malesia. “È vero che sono passate quasi tre settimane ma non è che si possano stravolgere le vetture in così poco tempo – scrive Alonso nel suo diario online sul sito ufficiale Ferrari – noi avremo qualche piccolo aggiornamento ma niente di particolarmente rilevante, anche perché immagino che anche le altre squadre porteranno qualcosa di nuovo. Non cambierà quindi il nostro approccio a questo Gran Premio: per fare un buon risultato dovremo concentrarci su noi stessi, cercare di essere perfetti e sfruttare tutte le possibilità che potranno presentarsi durante il fine settimana”.
Fernando Alonso è sempre stato un pilota con i piedi per terra e proprio grazie al temperamento di analizzare con lucidità la situazione. Per questo sa che lo aspetta un altro duro fine settimana. “Non voglio star qui a dire che il nostro obiettivo è questo o quel piazzamento, sono discorsi che lasciano il tempo che trovano. Dovremo fare il massimo e portare a casa quanti più punti possibile: un po’ come le formiche che mettono via oggi quello che risulterà prezioso nel futuro”.

Ancora tanta strada per la Ferrari
Pat Fry, Direttore Tecnico della Scuderia Ferrari, ha una spiegazione razionale alla leadership di Alonso nel mondiale piloti: “La nostra posizione è dovuta und una serie di circostanza, soprattutto legate al fatto che Fernando ha disputato due grandi gare. A Melbourne, dopo il problema in qualifica, la buona partenza e la prima curva hanno messo a posto un po’ di cose. In Malesia le condizioni meteo hanno giocato in nostro favore e la nostra vettura si è comportata bene in quelle circostanze: siamo riusciti a tirare fuori il massimo dalle opportunità che si sono presentate. Abbiamo fatto le chiamate giuste come strategia e la squadra ha svolto un ottimo lavoro: ogni volta che Fernando rientrava ai box per cambiare gomme riusciva o a guadagnare posizioni o ad estendere il suo vantaggio. Per Fernando è molto bello essere in testa al Mondiale, qualcosa che non mi sarei certo aspettato qualche settimana fa. Sin dalle prime battute dei test ci eravamo resi conto che avevano alcuni problemi da risolvere. Tutti in fabbrica hanno lavorato duramente ma c’è ancora tanta strada da fare. Credo che la nostra prestazione sull’asciutto sia ancora a circa otto decimi dai migliori. Condizioni di scarsa aderenza e pista umida sembrano essere positive per la nostra vettura e nascondono alcuni dei problemi: lo si è visto il venerdì di Melbourne e poi in gara a Sepang”.
Il manager inglese poi spiega anche l’opposta situazione di Felipe Massa: il pilota brasiliano nei GP di Australia ed in quello di Malesia ha ricevuto molte critiche per i suoi risultati: “La monoposto è piuttosto difficile da guidare e Fernando è riuscito a spremerne il massimo mentre con Felipe abbiamo faticato a trovare il bilanciamento giusto per metterlo nelle migliori condizioni” – ammette Fry – “Inoltre, in Malesia quando Felipe era con le intermedie dopo la bandiera rossa ha iniziato ad avere molto sottosterzo e allora abbiamo preso il rischio di fare una sosta in più, il che non ha pagato. Il non aver capito che le gomme avevano soltanto graining e non erano consumate è stato l’unico errore commesso dal muretto nell’ultima gara. È stato un peccato per Felipe, un’altra circostanza poco fortunata per lui”.
Fry poi cerca di dare un giudizio generale dopo due gare, ma lo fa dividendo le competenze: “Se dovessi giudicare la prestazione complessiva della Scuderia fino ad oggi dovrei dare giudizi differenti per le diverse aree – continua Fry – La squadra e i meccanici in pista hanno lavorato molto bene: a Melbourne abbiamo fatto i pit-stop più veloci e in Malesia la prestazione nella pit-lane e la strategia ci hanno permesso di guadagnare posizioni o tempo sugli altri ad ogni sosta. Se dovessi dare il voto alla prestazione della vettura allora sarebbe molto più basso. Un altro voto positivo riguarda la reazione del team allo stress di rimontare. La Produzione, ad esempio, ha risposto benissimo a delle richieste molto aggressive in termini di sviluppo. C’è un grande sforzo da parte di tutti ma non abbiamo certo fatto un gran lavoro nel mettere in pista una macchina subito veloce”.
Lo sviluppo tecnico procede di solito su due binari. Da una parte c’è il programma previsto a lungo termine, dall’altra ci sono le azioni frutto dell’esperienza in pista. In questo momento c’è anche una terza strada, determinata principalmente dal ritardo di prestazione, che prevede un’accelerazione nello sviluppo attraverso l’introduzione di aggiornamenti della vettura in anticipo su quanto inizialmente pianificato. “Cerchiamo di migliorare costantemente nelle aree su cui abbiamo dei problemi” – spiega il tecnico inglese – “Stanno arrivando alcune nuove soluzioni e cerchiamo di portarle in pista il prima possibile. In Cina avremo cinque aggiornamenti, alcuni visibili altri molto meno e poi ci sarà un pacchetto più significativo in Spagna. Sarebbe bello poter averlo prima ma già alcune delle novità di Shanghai erano effettivamente previste per la Spagna”.
È chiaro che l’attenzione di Fry è rivolta esclusivamente alla sua squadra ma ciò non gli impedisce di fare una prima valutazione delle gerarchie dopo le due gare iniziali: “Sono rimasto un po’ sorpreso dalla relativa mancanza di ritmo della Red Bull rispetto alla McLaren: loro erano molto veloci ma un mese fa pensavo che le posizioni sarebbero state invertite fra queste due squadre” – spiega – “La Mercedes sembra molto veloce ma hanno un problema di degrado gomme simile a quello del passato: ottimi in qualifica, fanno fatica in gara. La Lotus ha fatto un bel passo avanti, del resto era veloce sin dal primo test”.

La Scuderia Ferrari verso il GP di Cina 2012
Ci sono state otto edizioni del Gran Premio della Cina fino ad oggi e la Scuderia Ferrari ne ha vinte tre: la prima con Rubens Barrichello coincise con l’evento inaugurale e poi arrivarono i successi del 2006 con Michael Schumacher e del 2007 con Kimi Raikkonen. Fernando vinse partendo dalla pole nel 2005 quando era alla Renault e poi arrivò secondo nei due anni successivi. Anche Felipe Massa ha goduto della vista dal magnifico podio dello Shanghai International Circuit, finendo terzo nel 2007 e facendo un passo in avanti l’anno successivo.
Il tracciato di Shanghai è lungo poco meno di cinque chilometri e mezzo e l’impianto simboleggia il desiderio della Cina di affermarsi come potenza economica leader nel mondo. È uno dei circuiti più impegnativi fra quelli disegnati da Hermann Tilke, con diverse curve monto lunghe che generano elevate accelerazioni laterali: un buon bilanciamento e la stabilità in frenata sono aspetti fondamentali per avere una macchina competitiva. La Pirelli metterà a adisposizione le mescole Soft e Medium ma la superficie piuttosto liscia non rende il tracciato molto esigente per gli pneumatici. La pista non è usata molto spesso: venerdì nelle libere, soprattutto la mattina, ci sarà un asfalto molto sporco.
“Shanghai è un tracciato dove si trova di tutto” – conferma Fry – “Ci sono lunghe curve lente dove ci vuole un buon anteriore e dove bisogna frenare e girare nello stesso momento. Ad esempio, è fondamentale affrontare con una certa velocità la prima curva e poi portarsela dietro per la seconda. C’è anche qualche curva a media-alta velocità ma soprattutto un rettilineo lungo milletrecento metri che, grazie al DRS, sarà un punto interessante in gara”.
Non sarebbe così insolito vedere la pioggia protagonista in questo Gran Premio ed immaginiamo certe danze della pioggia improvvisate, vista la prestazione di Fernando sul bagnato in Malesia…

Tag:,
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE