La Ferrari FXX K vince il premio Compasso d’Oro 2016

Il premio Compasso d'Oro per il design va alla Ferrai FXX K, vettura sperimentale ad altissime prestazioni prodotta in serie limitata per studiare il funzionamento del V12 insieme ad un propulsore elettrico. Il Compasso d'Oro è uno dei premi più prestigiosi a cui possa ambire un designer.

Ferrari FXX K vince il premio Compasso d’Oro 2016 per il design, entrando a far parte della ristretta cerchia di automobili -soltanto nove- a cui è andato il prestigioso riconoscimento, tra cui troviamo anche la F12 berlinetta vincitrice dell’edizione 2014.

La FXX K deriva da LaFerrari, una delle vetture più iconiche prodotte dalla Casa di Maranello negli ultimi anni, sia per via delle prestazioni massive che per design ed esclusività, visto che la produzione si è fermata a 499 esemplari venduti interamente prima della presentazione ufficiale.  La Ferrari FXX K ha qualche tratto comune con la sorella, ma rimane una vettura prodotta e studiata per ottenere il massimo delle prestazioni.

L’auto infatti non è omologata per strada, perché costruita al fine di ottenere il massimo delle prestazioni per un’ibrida. Il motore termico è il 12 cilindri a V di 65°, che insieme all’elettrico da 190CV riesce a raggiungere una cilindrata totale di 6262cm3 per una potenza massima di 1050CV, oltre ad una coppia motrice superiore ai 900Nm.

Ovviamente si tratta di un sogno per pochi, precisamente per solo 32 clienti che avranno la fortuna di poterla guidare in pista. Il Compasso d’Oro è un premio che nasce nel 1954, composto da esperti designer, storici, giornalisti specializzati e critici.

La giuria, nel consegnare il premio a Flavio Manzoni (Senior Vice President del design) ha voluto spiegare le motivazioni che hanno fatto della FXX K la vincitrice, ovvero che “Il Compasso d’Oro va all FXX K per automobili di grande artigianalità industriale che rispecchiano i valori di Ferrari e del Made in Italy, riconoscimento a un team formidabile che incarna i valori di un marchio storico.”

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE