Nuova Skoda Octavia

Il Salone di Francoforte 2011 ospita la Skoda MissionL, una tre volumi a cinque porte che prefigura l'erede della Octavia: questo modello sarà venduto in tutto il mondo, una vera global car

Škoda MissionL, indizi sulla nuova Octavia a Francoforte
Il Salone di Francoforte 2011 è il palcoscenico per il lancio di svariate decine di concept car e modelli di prossima introduzione. Skoda, marchio parte della galassia Volkswagen, si presenta con la Skoda MissionL Concept anche al Motor Show di Bologna 2011. Si tratta di una berlina a cinque porte del segmento medio, una nicchia che non trova corrispondenza in nessun attuale modello nella produzione Škoda. Le informazioni per ora sono assai limitate, ma la Skoda MissionL dovrebbe in sostanza fornire un’anticipazione sulla nuova Škoda octavia in arrivo nel giro di un paio d’anni.

La prima World car Skoda trae origine dalla MissionL

Le ambizioni della casa ceca necessitano di una notevole crescita nei volumi di vendita. la concept Škoda MissionL ha un’importanza cruciale in questo quadro. Skoda conta di entrare nel 2013 nel mercato cinese, e nel periodo immediatamente successivo di dare l’assalto al continente indiano. Proprio per questi mercati emergenti, la casa progetta una macchina globale, una world car da vendere in Europa, Asia e probabilmente Nord Africa e Sud America. Questo modello sarà ispirato dalla concept MissionL. Una vettura moderna, sicura e robusta, capace di incontrare i gusti (ed il portafogli) di automobilisti un po’ in tutto il globo. Ciò non toglie che, per una questione di economie di scala, anche la nuova generazione dell’Octavia destinata all’Europa sia fortemente legata a questo inedito, ambizioso progetto.

La Škoda MissionL presenta gli elementi chiave dei modelli futuri
La concept car MissionL, un prototipo molto vicino alla produzione di serie che anticipa le linee di quello che sarà il sesto modello della gamma, destinato a diventare il simbolo dell’offensiva pianificata dalla Casa automobilistica ceca.
La nuova compatta a cinque porte sarà introdotta in Europa e in mercati in ascesa come la Russia e la Cina. In linea con i principi di internazionalizzazione del Marchio, saranno proposte delle varianti specifiche della nuova liftback per ognuna delle aree sopra menzionate.

Škoda con l’obiettivo di 1,5 milioni di auto vendute entro il 2018
Una versione particolare – una berlina compatta – sarà disponibile anche per il mercato indiano. Questi passi sono necessari per raggiungere l’obiettivo fissato dalla strategia di crescita Škoda presentata lo scorso anno, secondo cui la Casa ceca dovrebbe tagliare il traguardo degli 1,5 milioni di auto vendute nel mondo entro il 2018.
“Anticipando l’immagine del nuovo modello, la MissionL mostra esattamente in quale direzione andrà il nostro Marchio” ha affermato Winfried Vahland, Presidente della Škoda. “L’anteprima mondiale a Francoforte dà un chiaro segnale: la Škoda sta avanzando a tutta forza. Presenteremo una nuova vettura ogni sei mesi nell’immediato futuro”.

Strategia produttiva di  Škoda
In linea con la propria strategia di crescita 2018 il Marchio guarda avanti, investendo in maniera consistente in nuovi modelli, mercati e capacità produttive. A partire dalla metà del 2013, la Yeti verrà assemblata in loco e sarà lanciata nel mercato cinese. Inoltre, sempre dal 2013, la Škoda darà il via alla costruzione – in collaborazione con Shanghai
Volkswagen – della nuova compatta per il Paese asiatico, portando a cinque il numero di modelli prodotti in Cina. Il Marchio della Freccia Alata amplierà la produzione anche in Russia, grazie alla partnership del Gruppo Volkswagen con il costruttore GAZ Group.
L’assemblaggio della Yeti nell’impianto GAZ di Nizhny Novgorod inizierà nell’ultimo trimestre del 2012. In India, la Casa ceca darà il via alla produzione della nuova berlina compatta entro la fine di quest’anno.
La Škoda rimane naturalmente concentrata sui propri mercati “tradizionali”, ovvero l’Europa e, più nel dettaglio, la Repubblica Ceca. Oltre a Fabia e Octavia, nello stabilimento di Mladá Boleslav verrà assemblato un terzo modello: il Marchio ha già aumentato la capacità delle proprie linee. A partire dalla seconda metà del 2012, inoltre, il cambio automatico a doppia frizione sarà prodotto nell’impianto di Vrchlabí.

ARTICOLI CORRELATI