NUOVA
USATA
Twizy

Renault Twizy

VOTO 1/5 su 1 voti
CLICCA E VOTA
Grazie per il tuo voto!
Hai già votato!
Twizy

Rivoluzionaria vettura francese che propone un nuovo concetto di mobilità urbana: cento per cento elettrica, pratica e maneggevole

STORIA DEL MODELLO

Renault Twizy è un quadriciclo prodotto a partire dal 2011, ma le sue origini vanno ricercate nella seconda metà degli anni 2000, quando Renault fa un grosso investimento nel programma ZE (Zero Emissions), pensato per creare un’intera gamma di vetture a trazione totalmente elettrica e a impatto zero sull’ambiente. Nel 2009 vengono presentati i primi prototipi, tra i quali Renault Twizy ZE Concept, un veicolo elettrico che consiste in un particolare incrocio tra una superutilitaria e uno scooter. Nel 2010 il veicolo viene presentato al Salone di Parigi nella veste definitiva, con il corpo vettura privo di portiere, i parafanghi sporgenti e il caratteristico abitacolo monoposto. Rispetto al concept, anche il frontale conserva il muso a doppi proiettori singoli circolari, mentre la coda è rimasta senza lunotto, sostituito da un grosso faro posteriore. Anche se classificato come motoveicolo, Renault Twizy può essere un quadriciclo leggero o pesante a seconda delle versioni e delle potenze. Nel 2013 la gamma si amplia con l’arrivo di Renault Twizy Cargo, una versione pensata per il trasporto di piccole merci in città e che si differenzia per l’assenza del sedile posteriore.

CARATTERISTICHE

Veicolo a due posti (in fila) e quattro ruote, Renault Twizy è agile nel traffico cittadino, dove viaggia senza emettere anidride carbonica, spinta dal suo motore elettrico. Grazie alla presenza della carrozzeria, è più sicura di una moto, ma la sua configurazione non ripara dal freddo e dall’aria. Il design è caratterizzato da un muso prominente, due piccoli gruppi ottici anteriori, la cellula di sicurezza “a vista” e le quattro ruote esterne alla carrozzeria. All’interno la caratteristica che più salta all’occhio è naturalmente la disposizione dei sedili, uno dietro l’altro. Il resto dell’abitacolo è semplice nel design, quasi essenziale, ma ogni strumento trova la collocazione più ergonomica: i comandi sono digitali e comprendono l’indicatore per lo stato di carica della batteria. Il bagagliaio è di piccole dimensioni, ma se si viaggia da soli si può sfruttare il sedile posteriore per caricare degli oggetti. Per guidare Renault Twizy non è necessario il casco, ma il veicolo non può circolare in autostrada o sulle tangenziali.

A CHI LA CONSIGLIAMO

I suoi ingombri estremamente ridotti ne fanno un mezzo molto agile nel traffico cittadino, dove Renault Twizy si muove silenziosa e senza inquinare, senza problemi ad accedere ai centri storici o alle zone a traffico limitato.

ULTIMI ARTICOLI Renault Twizy