Test drive del crossover Renault Kadjar versione 1.5 dCi 110 CV

Prova su strada della Renault Kadjar, crossover francese testato nella versione con motore 1.5 dCi 110 CV e cambio automatico EDC a 6 rapporti. Il modello super accessoriata da noi provato costa 32.550 euro mentre il listino prezzi Kadjar parte da 20.000 euro per la versione 1.2 Tce

Renault Kadjar è il crossover francese nato dall’alleanza tra Nissan e Renault. SUV di segmento C, Kadjar misura 4,45 metri ed utilizza la medesima piattaforma che dà vita alla Nissan X-Trail, alla Espace ed alla Qashqai. Proprio dalla Qashqai, un modello di enorme successo, la Renault Kadjar eredita il 70% dei componenti, tra cui la trazione; il suo look e l’anima, tuttavia, sono completamente diversi da quelli della Qashqai. Con prezzi di listino che partono dai 20mila euro per la versione 1.2 Tce (ma il modello da noi provato su strada, il 1.5 dCi 110 CV con cambio automatico EDC, ne costa 32.550), il crossover francese si rivela particolarmente interessante, come dimostrano gli ottimi dati di vendita registrati nell’anno in corso.

Design convincente, quello di Kadjar (la fiancata è muscolosa ed i passaruota rendono la vettura grintosa), che però vanta numerosi altri punti di forza, a partire dal bagagliaio di 472 litri di capacità minima (1.478 se si reclinano gli schienali posteriori). Davvero niente male. Il vano è ampio e più che soddisfacente ed in aggiunta si può accedere ad un doppiofondo alto una decina di centimetri. Lo spazio è generoso anche all’interno dell’abitacolo, sia anteriormente che, soprattutto, posteriormente, dove i passeggeri possono viaggiare in tutto relax ed affrontare serenamente anche i viaggi più lunghi. restando all’abitacolo, occorre dire che il colpo d’occhio iniziale è notevole e molto positivo: la plancia è massiccia ma curata e vede la presenta dello schermo del sistema R-Link 2 da 7 pollici. Nel complesso lo stile è elegante ma sobrio e discreto, senza esagerazioni. Le cuciture a contrasto spiccano e donano un tocco di eleganza extra alla vettura. Migliorabili alcune plastiche, ma è un peccato veniale.

Come dicevamo, non basta il design a decretare il successo di un’auto. E nemmeno il tanto spazio a disposizione. Un crossover che voglia emergere nel proprio affollato segmento deve essere anche estremamente sicuro. I dispositivi di sicurezza più avanzati sono numerosi (e ad onor del vero disponibili per le versioni alte di gamma), ma comprendono sistemi utili come il parcheggio automatico, la frenata automatica anti-tamponamento, una telecamera sul parabrezza che legge i cartelli dei limiti di velocità ed un radar che controlla gli angoli ciechi.

Sul versante dei motori, la gamma propulsori prevede il piccolo benzina 1.2 TCe turbo da 130 CV ed i Diesel 1.5 dCi da 110 CV (il modello che abbiamo provato su strada) e 1.6 dCi da 130 CV. Quattro sono invece gli allestimenti: quello base è il Life (con cruscotto digitale, freno a mano elettronico, il cruise control e il “clima” manuale di serie) mentre il top di gamma è il Bose, con prezzi da 31.700 euro (comprende fari a led, ruote in lega di 19 pollici e ovviamente l’impianto Bose). Sono però le versioni intermedie, la Zen(con cerchi da 17 pollici, barre sul tetto, clima bizona e keyless) e la Intens, dotata di R-Link 2. Parlando di trasmissioni, le possibilità sono svariate, ma possiamo dirvi che la versione che abbiamo guidato, dotata di cambio automatico a doppia frizione EDC a 6 rapporti, è risultata comodissima da guidare, sia per gli spostamenti urbani che per i viaggi che abbiamo avuto modo di affrontare. I clienti possono sceglire tra la trazione 2WD (con Extended Grip che simula un differenziale sulle ruote motrici) o 4WD All Mode (solo sul 1.6 dCi).

Su strada la Renault Kadjar non tradisce le attese: consuma poco ma garantisceprestazioni più che buone. I sorpassi si effettuano in scioltezza e pur senza strafare il crossover inglese risulta molto piacevole da guidare e da manovrare. Grazie anche ai sistemi di sicurezza le manovre come i parcheggi non comportano alcun tipo di problema. Lo sterzo è preciso, il cambio rapido, il rollio ridotto davvero al minimo, anzi praticamente assente. La silenziosità, anche alle alte velocità, è totale. Il sistema di infotainment è ben studiato anche come collocazione, e può essere manovrato senza distrarsi dalla strada. Nella “selva oscura” dei crossover di segmento C, Kadjar brilla di luce propria. Le continue posizioni scalate nella classifica di vendite non possono essere una casualità.

Pro
Design
Guidabilitá
Spazio interno

Contro
Prezzi versioni top un po’ elevati
Nome difficile da scrivere e pronunciare

ARTICOLI CORRELATI