Infrazione in bici, non si rischiano punti della patente

Se si commette un’infrazione in bici non sono previste decurtazioni dei punti della patente. Lo ha stabilito la Cassazione: si alla multa ma senza taglio dei punti della licenza di guida.

La Cassazione ha emanato una sentenza che interessa i ciclisti che possiedono la patente B: d’ora in avanti alle infrazioni (anche gravi) del Codice della strada non conseguirà un taglio dei punti della licenza di guida. La sentenza n° 47589/2017 chiarisce una situazione che è scaturita dal 2003 con l’avvio della procedura della patente a punti in Italia. Per fare un esempio, se un ciclista commette un’infrazione come quella del passaggio col rosso ad un incrocio e se viene visto e fermato dal vigile, egli sarà solamente multato. Se, invece, a commettere l’infrazione è la stessa persona ma alla guida della sua auto, oltre alla multa vedrà decurtati i punti della patente.

Come mai solo ora la Cassazione si preoccupa della questione? La causa è da cercarsi in un fatto accaduto di recente: un soggetto alla guida dell’auto col foglio rosa ha commesso un’infrazione. Il punto interessante è stata la decisione della Cassazione di non procedere con la decurtazione dei punti della patente perché l’automobilista, tecnicamente, non era ancora in possesso della patente B.

Semplificando le parole della Cassazione, chi è alla guida di un veicolo (auto o bici) per cui non è richiesta nessuna abilitazione o non sia ancora stata ottenuta (come nel caso del guidatore con il foglio rosa) non può essere sanzionato con la decurtazione dei punti della patente, che porterebbe via via alla sospensione della stessa.

I fortunati ciclisti, però, non sono esenti dai molti obblighi imposti quando circolano con le bici per la strada: l’articolo 182 del Codice della strada riguarda solo loro. Le principali norme imposte sono: procedere su un’unica fila quando circolano in gruppo, non essere mai affiancati in numero maggiore di due, avere le braccia libere per qualsiasi evenienza e reggere il manubrio con almeno una mano.

Attenzione a trasgredire, quindi, ciclisti italiani: le multe arrivano lo stesso e possono essere molto salate!

ARTICOLI CORRELATI