USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Sbk 2012, Gp di Spagna, Aragon: la pagella di Infomotori

A motori spenti. Ecco i voti che Infomotori dà ai protagonisti della Superbike 2012. Biaggi, Melandri, Checa, Aprilia, Bmw, Ducati, organizzatori, telecronisti, nessuno si salva dai nostri giudizi...

Mettiamola così, che ha visto le due gare di domenica della Superbike in Spagna ha sofferto meno nel prendere 4 sberle nella finale dell’europeo. Sì, perché se nel calcio siamo secondi nelle moto, quelle vere della Sbk, siamo decisamente primi. Sia come mezzi (3 Aprilia nelle prime quattro posizioni in gara 2) sia come piloti: Biaggi e Melandri sono saliti in cattedra e hanno fatto vedere cosa vuol dire andare al limite. Stranamente in gara 2 il secondo paese più rappresentato è stato l’Irlanda, conosciuto e apprezzato per la musica e le birre ma meno per i piloti. Eppure sia Laverty che Davies vengono dall’isola di smeraldo, anche se il secondo ufficialmente è brittanico visto che si parla di Irlanda del Nord…

Max Biaggi, voto: 10 e lode
Abbiamo finito i voti e gli aggettivi per questo fenomeno del motociclismo mondiale, che a 41 anni appena compiuti vince gara 1 resistendo agli attacchi furibondi di Melandri mentre in gara 2 non sale sul podio probabilmente per non giocarsi la vetta del mondiale ma combatte con ragazzi che sulle due ruote ci sono nati. A sera manda ai tre che lo hanno preceduto i complimenti via twitter, dando l’appuntamento a Brno. Corsaro e gentiluomo

Marco Melandri, voto: 10 e lode
La sua Bmw sembra l’unica in grado di impensierire Biaggi e l’Aprilia. Qui i casi sono due. O Marco è proprio una spanna sopra ai suoi colleghi, oppure in Bmw gli danno la moto migliore perché alla fine festeggiano le sue vittorie baciando e abbracciando la sua fidanzata. Forse sono valide tutte e due le ipotesi. In ogni caso vedere combattere questi due campioni è uno spettacolo che lascia senza fiato. Alla sera ricambia via twitter i complimenti di Max, al quale aveva mandato anche dei begli auguri per il compleanno. Ufficiale e gentiluomo

Fabrizio Calia, voto: 10 e lode
Durante la gara si disinteressa totalmente di quello che accade in pista, mentre espone le sue preoccupazioni per il fatto che la fidanzata di Laverty non è nel box… quando la inquadrano si tranquillizza, ma a fine gara non perde l’occasione per una cosa a tre con Emanuela e Filippa (la fidanzata di Laverty, appunto) tanto che alla fine sembra che se ne voglia andare senza neanche sentire i piloti. Anche se in effetti i piloti avrebbero gradito… per conferma guardare attentamente l’espressione di Max Biaggi a fine di gara 1 quando Calia si complimenta per come ha inquadrato bene la gomma dietro di Melandri con l’on board camera. Ma chi gli scrive le domande? Gino e Michele? Esilarante

Eugene Laverty, voto: 9
Sabato fa delle ottime qualifiche, in gara 1 fatica un po’ ma in gara 2 non guarda in faccia nessuno e combatte come un leone dalla prima all’ultima curva. Alla fine si arrende solo a un Marco Melandri in versione supereroe ma dimostra che l’Aprilia è una gran moto e che il manico non gli manca. Un po’ di più di costanza nei risultati e può ambire a grandi cose. In crescita

Chaz Davies, voto: 9
Se qualcuno si fosse chiesto che fine aveva fatto il giovane fenomeno campione del mondo SuperSport, bhé, eccolo. Su una pista difficile e tecnica come quella di Aragon, complice un’Aprilia evidentemente molto efficace, ecco che il ragazzo (classe 1987) conquista il suo primo podio in Sbk mettendosi alle spalle un certo Max Biaggi e lottando con Laverty e Melandri come se fosse cosa di tutti i giorni. Promessa

Carlos Checa, voto: 7
Le Ducati su questo circuito non vanno proprio, però il fatto di correre in casa e di avere pure una curva a lui intitolata lo fa essere più caparbio che mai, cosa che in gara 1 gli frutta perfino il podio, anche se per questo deve ringraziare Badovini cha scivola e tira giù anche Sykes. Gara 2 decisamente più anonima e il campione in carica sembra un po’ fuori dalla lotta di vertice, anche se con lo spagnolo non si può mai stare tranquilli. Presente

Tom Sykes, voto: 6
La sufficienza (e anche di più) è tutta per il sabato, dove come sempre porta la sua Kawasaki davanti a tutti, per ora ha conquistato 6 superpole su otto gare. Peccato però che la domenica non riesca quasi mai a confermare quanto fatto vedere il giorno prima. Stavolta c’è anche la sfortuna, perché il terzo posto in gara 1 era praticamente certo… Poleman

Ayrton Badovini, voto: 5
Lui dice che era giusto provarci, però buttare via un quarto posto conquistato con una gara egregia e tutta in salita è veramente un peccato. In gara 2 non riesce a replicare arriva nono, a dimostrazione che forse era proprio il caso di capitalizzare il quarto posto di gara 1. Checa gli deve una cena. Esagerato

Sponsor

SEAT Arona
SEAT Arona
OFFERTA Dopo un mese, puoi restituirla quando vuoi. Senza impegno.

Sponsor

Nuova SEAT Ateca
Nuova SEAT Ateca
OFFERTA Tua da 19.900€.

Sponsor

SEAT Tarraco
SEAT Tarraco
OFFERTA Tua da 299€ al mese, TAN 3,99% - TAEG 4,81%.

Sponsor

SEAT Arona
SEAT Arona
OFFERTA Dopo un mese, puoi restituirla quando vuoi. Senza impegno.

Sponsor

SEAT Tarraco
SEAT Tarraco
OFFERTA Tua da 299€ al mese, TAN 3,99% - TAEG 4,81%.

Sponsor

Nuova SEAT Leon
Nuova SEAT Leon
OFFERTA Sportiva. Ibrida. Connessa. Tua da 19.500€.
Articoli più letti
RUOTE IN RETE