USATA
cerca auto nuove
NUOVA

SBK 2012, Misano: Superpole a Sykes, disastro Biaggi e Checa

Pista umida, due sole manche per la Tissot-Superpole che se la aggiudica lo specialista Sykes. Dietro di lui Rea, Badovini e Giugliano. All'ottima prova dei giovani italiani fa riscontro la pessima posizione in griglia dei big: Biaggi, Melandri e Checa

Su Misano è caduta un po’ di pioggia, il circuito da oggi intitolato a Marco Simoncelli è umido e quindi Superpole su due manche (invece di tre) ognuna di venti minuti. In realtà quando le moto scendono in pista l’asfalto è praticamente asciutto. Chi vuole sfruttare tutto il tempo a disposizione è il team Bmw Motorrad Italia, che manda subito in pista Michel Fabrizio e Ayrton Badovini, sia per verificare le condizioni della pista sia per avere più tempo per trovare il giusto setting.
All’inizio i tempi sono piuttosto alti, ma dopo circa sette minuti è Max Biaggi a rompere gli indugi e scende per primo sotto il tempo di 1,40. 
La tattica della Bmw Italia pare funzionare, infatti a un minuto dalla fine Badovini segna il miglior tempo, mentre chi sbaglia tutto è il team di Carlos Checa, che prima segnala al pilota di rientrare ai box e poi lo rimanda in pista senza che in realtà abbia il tempo di lanciarsi per un altro giro veloce e alla fine viene relegato alla sedicesima posizione con evidente disappunto (diciamo così) del pilota spagnolo. Simile l’errore del team Aprilia che aspetta a far entrare in pista Max Biaggi con il risultato che quando l’asfalto si asciuga la gomma da gara è usata e non c’è tempo per rientrare con la gomma da tempo; scelta che pagano cara visto che anche Biaggi così non entra nel secondo turno e domenica partirà dalla decima posizione.
Fuori anche Marco Melandri, che pur avendo girato con la gomma da tempo però non riesce a fare meglio della 13 posizione dietro a Michel Fabrizio. Da segnalare la splendida prov di Matteo Baiocco, campione italiano superbike e wild card per la tappa di Misano di Sbk.
Nel secondo turno di Superpole gran giro di Ayrton Badovini, l’unico che sembra in grado di far funzionare la Bmw come ci avevano mostrato di poter fare nei gran premi precedenti. Pole provvisoria per il pilota italiano che viene passato da un irraggiungibile Tom Sykes che con il tempo di 1’35.375 porta la sua Kawasaki davanti a tutti e si aggiudica l’ennesima Tissot-Superpole del campionato Sbk 2012.
Sul finale anche Jonathan Rea riesce a scendere con la sua Honda sotto la barriera dell’1.36 (1’35.991) mentre chiudono la prima fila Ayrton Badovini e Davide Giugliano con la Ducati del team Althea.
Una griglia di partenza anomala, con 3 dei quattro protagonisti costretti a partire dalle retrovie in un circuito dove non è facile sorpassare e in una categoria che ha dimostrato in altre occasione che i primi giri sono piuttosto difficili da gestire, oltre al fatto che le prestazioni delle moto in gara sono molto vicine.
Sbk 2012, Misano, circuito Marco Simoncelli: griglia di partenza
1. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1’35.375
2. Jonathan Rea (Honda World Superbike Team) Honda CBR1000RR 1’35.991
3. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia GoldBet) BMW S1000 RR 1’36.083
4. Davide Giugliano (Althea Racing) Ducati 1098R 1’36.147
5. Jakub Smrz (Liberty Racing Team Effenbert) Ducati 1098R 1’36.183
6. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1’36.283
7. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1’36.365
8. Sylvain Guintoli (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 1’36.559
9. Matteo Baiocco (Barni Racing Team Italia) Ducati 1098R 1’37.509
10. Max Biaggi (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1’37.686
11. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1’37.704
12. Michel Fabrizio (BMW Motorrad Italia GoldBet) BMW S1000 RR 1’37.796
13. Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1’37.806
14. Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 1’37.985
15. Lorenzo Zanetti (PATA Racing Team) Ducati 1098R 1’38.078
16. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 1’38.977
17. Maxime Berger (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 1’36.934
18. John Hopkins (FIXI Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 1’37.168
19. Niccolò Canepa (Red Devils Roma) Ducati 1098R 1’37.202
20. Hiroshi Aoyama (Honda World Superbike Team) Honda CBR1000RR 1’37.250
21. Chaz Davies (ParkinGO MTC Racing) Aprilia RSV4 Factory 1’37.312
22. David Salom (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’37.688
23. Leandro Mercado (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’38.674
24. Federico Sandi (Grillini Progea Superbike Team) BMW S1000 RR 1’40.251
(Foto: Gettyimages)

Sponsor

DasWelt Auto Volkswagen
DasWelt Auto Volkswagen
OFFERTA Golf 1.6 TDI Business del 2019 con 27.000km è tua con Progetto Valore Volkswagen. Tua in 35 rate da 129 euro al mese. TAN 5,99% TAEG 7,65%. Alle prime tre rate ci pensiamo noi.
Volkswagen
up! 3p
PRODUZIONE dal 06/2018
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 11.500€
Volkswagen
up! 5p
PRODUZIONE dal 06/2018
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 12.000€

Sponsor

Nuova SEAT Leon
Nuova SEAT Leon
OFFERTA Sportiva. Ibrida. Connessa. Tua da 19.500€.

Sponsor

SEAT Ibiza a metano
SEAT Ibiza a metano
OFFERTA Tua da 139€ al mese, TAN 4,99% - TAEG 6,50%.

Sponsor

SEAT Arona
SEAT Arona
OFFERTA Dopo un mese, puoi restituirla quando vuoi. Senza impegno.
Articoli più letti
RUOTE IN RETE