Aston Martin Cygnet V8 per il futuro?

La Cygnet, oltre ad essere una ctycar esclusiva, darà la possibilità al costruttore inglese di abbassare le emissioni di CO2

ston Martin Cygnet V8
Per quanto possibile possa essere sistemare un V8 in una citycar. Dall’Inghilterra sarebbe giunta conferma che il motore V8 della Aston Martin Vantage verrà utilizzato sulla piccola Aston Martin Cygnet.
Il condizionale è d’obbligo, visto che il progetto è alquanto singolare e per ora rimane in vendita sola la propulsione 1,3 litri da 98 CV di potenza e 123 Nm di coppia.
Inoltre, da Gaydon smentiscono ogni voce di un lancio della Cygnet sul mercato nordamericano.

Cygnet modello per contenete le emissioni di CO2 ed aiutare la Vanquish
Per i puristi di Aston Martin, una vettura coma la Cygnet è qualcosa di controverso che fa storcere il naso, ma per il costruttore di Gaydon è un esemplare chiave perché permette di ridurre le emissioni di CO2 (la Cygnet registra 113 g/km) e di conseguenza di continuare a produrre le nuovissime Aston Martin Vanquish.
Inoltre, sul mercato la Cynget è una citycar unica nel suo genere: infatti, oltre ad avere dimensioni davvero contenute (è la versione rimarchiata di Toyota iQ), ha un aspetto esclusivo grazie al brand inglese con conseguenti finiture di alta qualità e prestazioni esaltanti. Caratteristiche che mancano alla quasi totalità delle citycar.

ARTICOLI CORRELATI