Come far ripartire l’auto con i cavi

Batteria dell'auto a terra e auto che non parte? Nessun problema, con l'aiuto di un altro automobilista e alcuni piccoli accorgimenti possiamo far comodamente ripartire l'auto.

Lo straordinario livello tecnologico raggiunto dalle moderne autovetture ha reso questi mezzi di trasporto sempre più sicuri, efficienti e connessi. Nonostante ciò, se nel bagagliaio non disponiamo di uno starter, quando la batteria ci abbandona l’unico modo per ripartire è affidarsi ai cari vecchi “cavi” ed alla solidarietà di un altro automobilista. Scopriamo insieme qual è il modo più sicuro ed efficace per far ripartire la nostra autovettura utilizzando i cavi.

Premessa importante: la batteria in panne della nostra auto non deve presentare alcun danno visibile: se sono presenti tracce di bruciatura, odore di plastica bruciata o se la batteria risulta essere incandescente, meglio arrendersi ed attendere l’intervento di un carro attrezzi. Rischiamo di danneggiare la nostra vettura e quella di chi vuole soccorrerci.

Punto numero uno: come già accennato nell’introduzione dell’articolo è necessario trovare un automobilista disposto ad aiutarci. La batteria della sua vettura deve assolutamente avere un voltaggio nominale uguale a quello della nostra. In genere si tratta di 12V. La vettura “soccorritrice” deve porsi vicino alla nostra, o di fronte o di lato: l’importante è che i due vani motore (dove solitamente è alloggiata la batteria, siano il più possibile vicini. Attenzione: le due auto non devono toccarsi per ovvie ragioni di sicurezza.

E’ il momento di passare all’azione: preparate i due cavi e collegate la pinza rossa al polo positivo della batteria scarica della vostra auto.

L’altra pinza rossa va collegata al polo positivo della batteria dell’auto che ci soccorre.

La prima pinza nera va collegata al polo negativo della batteria dell’auto che ci soccorre.

Ultimo collegamento: la seconda pinza nera va collegata al blocco motore della nostra auto (quella con la batteria scarica).

A questo punto, avviate il motore della vettura soccorritrice. Lasciando la vettura accesa in folle al minimo per diversi minuti, la batteria dell’auto in panne verrà in minima parte ricaricata.

Procediamo ora ad interrompere il collegamento in quest’ordine:

  1. staccate la pinza nera collegata al blocco motore dell’auto con la batteria scarica
  2. staccate la pinza nera dalla batteria dell’auto soccorritrice
  3. infine rimuovere la pinza rossa dalla batteria dell’auto soccorritrice e poi da quella della nostra vettura

La nostra vettura dovrebbe a questo punto andare regolarmente in moto. E’ importante mantenerla accesa, in folle o marciante, per almeno mezz’ora. E’ comunque consigliabile recarsi appena possibile dal proprio meccanico di fiducia per controllare lo stato della batteria ed eventualmente sostituirla.

ARTICOLI CORRELATI