Fiat Stilo 1.9 JTD: Test Drive

La vorrebbe anche S. Tommaso! Maneggevole, scattante e con consumi record.

Interni “tedeschi” Si respira aria tedesca all’interno della Stilo, ma il tocco di italianità è ben visibile nell’abbondanza di spazio che da sempre contraddistingue le vetture della Casa torinese e nella scelta dei materiali per i rivestimenti.
Piacevoli al tatto, le plastiche sembrano essere finalmente di ottimo livello, anche se alcuni particolari possono essere ancora migliorati.
Decisamente buono l’impianto di climatizzazione a due zone, in grado di raffreddare l’abitacolo in modo veloce e silenzioso. Sorprende anche il sistema AQS, Air Quality System, in grado di rilevare la presenza di agenti tossici nell’aria ed agire in tempo reale abilitando o escludendo il ricircolo dell’aria nell’abitacolo.
Anche l’impianto stereo, con tanto di lettore CD/MP3 ci ha sorpreso positivamente, grazie all’abbondanza di altoparlanti ed un subwoofer dal basso decisamente profondo…
Davvero bellissimo il tetto in vetro apribile “lamellare”, che offre il fascino di un tetto “open-air” durante la primavera e le serate estive ed il vantaggio di un comune tetto in lamiera internamente rivestita in situazioni di utilizzo normale.
Veramente ricca anche la strumentazione di bordo, con i classici indicatori analogici per contagiri, tachimetro, temperatura del propulsore e livello del carburante, affiancati da un completissimo computer di bordo che, sul display LCD al centro del quadro strumenti, fornisce i dati su consumo istantaneo, consumo medio, velocità media e due parziali oltre ai totali complessivi.
Una vettura adatta sia ai giovani, che certamente apprezzeranno la versione a 3 porte più grintosa, sia alle famiglie che invece opteranno per la 5 porte più alta e spaziosa con soluzioni molto simili a quelle delle monovolumi.
Fiat Connect Sulla nostra JTD era presente l’utile sistema multimediale Connect attraverso cui si può utilizzare il navigatore satellitare ed il telefono nella funzione viva-voce che rende la guida decisamente più sicura e piacevole anche se si parla al telefono. Una Stilo che guarda quindi “davvero avanti” ed in grado di confrontarsi ad armi pari con le dirette avversarie straniere.
Quanto costa La Stilo 1.9 JTD 115CV viene offerta in allestimento Actual, Active e Dynamic con prezzi a partire da 17.741 euro. La lista degli optional comprende svariati accessori tra cui il controllo elettronico della stabilità, il tetto in vetro apribile lamellare, gli interni in pelle, il navigatore satellitare e molto altro.

Fiat Stilo 1.9 JTD: Test Drive. Un design azzardato ma personale, abbondanza di spazio a bordo e contenuti tecnici di assoluto rilievo.
Questa è la Fiat Stilo, una delle vetture più apprezzate della sua categoria, che abbiamo potuto provare a fondo nella versione turbodiesel top di gamma, ovvero la 1.9 JTD Dynamic da 115CV.
Su strada
Già dopo pochi metri una considerazione sorge spontanea: questo JTD da 115CV è davvero una “bomba”!
Effettivamente è difficile trovare un difetto al 4 cilindri diesel torinese, perché oltre ad essere silenzioso e consumare pochissimo, è in grado di sfoggiare una grinta ed un’efficacia davvero eccezionale quando si affonda il piede destro, regalando spinte corpose sin dai bassi regimi ed allunghi degni di un propulsore a “benzina”.
Trovare una posizione di guida corretta è abbastanza semplice, perché oltre alle classiche regolazioni, è possibile intervenire sull’altezza del sedile e sulla posizione del volante anche in profondità.
Su strada la Stilo offre un comportamento sincero, grazie ad un telaio eccellente ed uno schema sospensivo in grado di assicurare sempre grande contatto al suolo. Peccato però, che la taratura delle molle e degli ammortizzatori tenda, a nostro parere, troppo al morbido, limitando le performance sportive della Stilo a favore del confort di bordo.
Lo sterzo è piuttosto preciso, anche in velocità, e ben assistito dal servosterzo che, grazie alla pratica funzione “City”, in manovra diventa leggerissimo.
Il cambio, si è rivelato un importante alleato del 1.9 JTD, grazie alla spaziatura dei rapporti studiata ad “hoc” per le caratteristiche di coppia del propulsore ed un comando piuttosto leggero e privo di fastidiose ruvidità.
L’impianto frenante non ha stupito per potenza, ma si è rivelato facile da utilizzare, resistente allo sforzo e ben assistito dall’occhio vigile del sistema ABS di ultima generazione.
I valori prestazionali dichiarati dalla Casa sono assai prossimi a quelli riscontrati nel nostro test, fidandoci della velocità massima pari a 190 km/h (192km/h per la tre porte), mentre l’accelerazione da 0 a 100 km/h ci è parsa inferiore di qualche decimo rispetto a quella denunciata dal costruttore: i 10,3 secondi possono essere trasformati in un valore privo di decimali.
Notevole, infine, la visibilità al pari della luminosità, così come il posto guida e lo spazio riservato ai 5 passeggeri, che possono trasportare tranquillamente tutti i loro bagagli.
I consumi
I 5,3 litri ogni 100 chilometri nel ciclo misto sono reali e viaggiando nel rispetto del codice si può fare anche meglio, specie sulle provinciali dove a 90 orari la lancetta del carburante non vuole proprio scendere.
20 km con un litro di carburante sono davvero un bel risultato ed anche utilizzandola in montagna, scalando e staccando in allegria non siamo riusciti a scendere sotto i 13.
La meccanica
Il propulsore nasce da un’evoluzione dell’ormai affermata famiglia dei turbodiesel “Common Rail” di Fiat Auto.
Su una meccanica affidabile sono stati apportati ulteriori affinamenti che ne hanno migliorato il comportamento generale, dando luogo ad elevate prestazioni, consumi ridotti e soprattutto a livelli di emissioni decisamente validi.
La sovralimentazione, per esempio, è gestita da un turbocompressore a geometria variabile di nuova generazione che regola il flusso dei gas di scarico attraverso un distributore a palette mobili (geometria variabile) che ottimizza sempre il funzionamento della turbina, assicurando al motore elevata elasticità ai bassi regimi e un contemporaneo incremento della potenza e della coppia.
A tutto questo si aggiungono i ben noti vantaggi dell’impianto d’iniezione Unijet “Common Rail”.

7 Foto
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL: http://www.infomotori.com/auto/fiat-stilo-19-jtd-test-drive_3417/

Continua
Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis


X